Indietro

ⓘ Costituzioni apostoliche




                                     

ⓘ Costituzioni apostoliche

Le Costituzioni apostoliche sono una grande opera di argomento canonico-liturgico, datata fra il 375 ed il 380. Sono concepite come un manuale di orientamento per il clero e in qualche misura per i laici, che sarebbe stato dettato direttamente dai Dodici Apostoli.

Generalmente si ritiene che provenga dalla Siria, forse da Antiochia e nel testo si possono cogliere delle tracce di arianesimo. Recentemente alcuni studiosi hanno confermato che lautore è lo stesso delle lettere pseudoepigrafe di Ignazio, e cioè il vescovo eunomiano del IV secolo Giuliano di Cilicia.

                                     

1. Contenuto

Le Costituzioni apostoliche comprendono otto trattati sulla disciplina, la dottrina e il culto paleocristiani; la loro struttura può essere così riassunta:

  • i primi sei libri sono una libera riformulazione della Didascalia apostolorum e hanno per oggetto
  • le vedove,
  • il comportamento dei cristiani,
  • gli orfani,
  • la gerarchia ecclesiastica,
  • gli scismi;
  • i martiri,
  • il 7º libro, dedicato alla morale e alliniziazione cristiana, contiene
− una rielaborazione ampliata della Didaché capitoli da 1 a 32, − cinque preghiere di lode a Dio simili a quelle usate nelle sinagoghe capitoli da 33 a 45, − una spiegazione di un rito di iniziazione al cristianesimo, − unappendice contenente i nomi di alcuni vescovi ordinati dagli Apostoli e delle preghiere;
  • l8º libro è basato, tranne che nellultimo capitolo, sulla "Tradizione apostolica", molto ampliata insieme ad altro materiale; dedicato ai carismi, alleucaristia, allordinazione e alla disciplina, contiene
− un estratto di un perduto trattato sui carismi che si richiama a quello che precede la "Tradizione apostolica" capitoli 1 e 2, − la cosiddetta "liturgia clementina", una liturgia eucaristica capitoli da 6 a 15, − una raccolta di 85 canoni tratti da concili del IV secolo capitolo 47; conosciuta come Canoni apostolici, ha avuto più ampia diffusione rispetto al resto dellopera.