Indietro

ⓘ Proemio




                                     

ⓘ Proemio

Letimologia della parola è greca: deriva infatti da πρός e οίμος.

Ecco lincipit dei tre poemi antichi più famosi:

  • proemio dell Odissea di Omero: Ἄνδρα μοι ἔννεπε, Μοῦσα, πολύτροπον, ὃς μάλα πολλὰ.
  • proemio dell Iliade di Omero: Μῆνιν ἄειδε θεὰ Πηληιάδεω Ἀχιλῆος.
  • proemio dell Eneide di Virgilio: Arma virumque cano, Troiae qui primus ab oris.

Lincipit dei due maggiori poemi cavallereschi della letteratura italiana è il seguente:

  • proemio della Gerusalemme liberata di Torquato Tasso: Canto larmi pietose e l capitano / che l gran sepolcro liberò di Cristo.
  • proemio dell Orlando furioso di Ludovico Ariosto: Le donne, i cavallier, larme, gli amori,/ le cortesie, laudaci imprese io canto.
                                     

1. Caratteristiche

Le caratteristiche fondamentali di un proemio sono:

  • la protasi: riassunto o presentazione della vicenda;
  • le prime parole generalmente in accusativo che indicano largomento dellintero poema.
  • linvocazione alla Musa ispiratrice;

Altro elemento spesso presente è la dedica. L Orlando furioso è dedicato ad Ippolito dEste, la Gerusalemme liberata ad Alfonso II dEste.

Il proemio è a tutti gli effetti un testo narrativo, in quanto possiede contenuti identici: azioni di gesta eroiche, tempo reale ed antico, spesso espresso con passato remoto, spazio e personaggi coraggiosi.