Indietro

ⓘ Codifica delle valvole termoioniche




                                     

ⓘ Codifica delle valvole termoioniche

A partire dal 1930 è stato introdotto un sistema di identificazione delle valvole elettroniche Mullard-Philips che ha avuto grande diffusione in Europa e da cui è successivamente nato il codice Europeo dei transistor e dei circuiti integrati.

Detta codifica consiste in due o più lettere seguite da due numeri ; esistono le valvole EM4 la cui sigla è seguita da un solo numero in quanto lo zero precedente il quattro è sottinteso.

  • La prima lettera codifica lalimentazione del filamento; la seconda lettera le successive codificano il tipo di valvola e.g. diodo. pentodo etc;
  • Il secondo numero distingue le valvole allinterno dello stesso tipo;
  • Il primo numero codifica la piedinatura della base;
                                     

1. La prima lettera: alimentazione filamento

  • P 300 mA in serie con riscaldamento indiretto.
  • H 150 mA in serie America.
  • V 50 mA in serie.
  • F 12.6 V in parallelo con riscaldamento indiretto.
  • C 200 mA in serie da tempo non più usate.
  • A 4 V in parallelo Europa, uso anteguerra.
  • O componenti freddi nessun filamento.
  • G 5 V usate come rettificatrici e.g. GZ32, GZ34.
  • L 450 mA in serie.
  • D 1.5 V in parallelo con alimentazione a batteria.
  • X 600 mA in serie.
  • Y 450 mA in serie.
  • K 2 V spesso con riscaldamento diretto.
  • U 100 mA in serie con riscaldamento indiretto Europa ACDC.
  • B 180 mA in serie da tempo non più usate.
  • E 6.3 V in parallelo con riscaldamento indiretto.
                                     

2. La seconda lettera le successive: tipo

  • Y Rettificatrice mezza onda.
  • L Pentodo di potenza.
  • D Triodo di potenza.
  • Q Enneodo.
  • K Ottodo.
  • B Doppiodiodo.
  • H Esodo o eptodo
  • PL Tetrodo e pentodo con triodo amplificazione di tensione.
  • X Rettificatrice onda intera.
  • M Occhio magico, indicatore luminoso di sintonia.
  • Z Doppio diodo di potenza usato come rettificatrice ad onda intera.
  • P Tetrodo e pentodo di potenza.
  • A Diodo.
  • E Tetrodo.
  • F Pentodo.
  • C Triodo.
  • N Thyratron.
                                     

3. Il primo numero: base e piedinatura

  • 4 -- miniatura 8 piedini simmetrici con incastro meccanico B8A - Rimlock.
  • 20 - miniatura 10 piedini come per esempio le PFL2xx usate come media e finale audio nei TV
  • 2 -- miniatura 10 piedini.
  • 6-7 -- subminiatura
  • 8 -- noval 9 piedini B9A.
  • 5 -- magnoval B9D.
  • 1 -- varie basi.
  • 3 -- octal internazionale 8 piedini.
  • 9 -- miniatura 7 piedini B7G.

Esempi

  • EF86: filamento 6.3 V, parallelo, pentodo, noval;
  • PCL82: filamento 0.3 A, serie, triodo + pentodo, noval;
  • GZ34: filamento 5 V, rettificatrice onda intera, octal internazionale;
                                     

4. Il secondo numero: differenti caratteristiche elettroniche

Questo codice non ha un significato univoco ma è indice di una determinata caratteristica deducibile dai diagrammi di funzionamento della valvola.

Esempi

  • EF85 e EF86: entrambi 6.3 V, parallelo, noval ma la EF85 ha una mu variabile usata nello stadio IF mentre la EF86 ha una mu fissa usata nella sezione audio.
                                     

5. Altri sistemi di codici

Esistono ulteriori codifiche europee precedenti al 1934, russa GOST 5461-59, statunitense RMA, RETMA, Marconi-Osram, Mazda-Ediswan, STC/Brimar, Tesla.

                                     
  • Le valvole termoioniche Il Rostro, 1936. Transistor Magnetron Dekatron Occhio magico Klystron Travelling wave tube Tubo radiogeno Codifica delle valvole
  • nella musica rock e hard rock. Amplificatore chitarra Codifica delle valvole termoioniche Altri progetti Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene
  • Ω raramente 2 Ω È un amplificatore per chitarra che utilizza valvole termoioniche nei circuiti del preamplificatore e del finale di potenza, come elementi
  • costruito in segreto per la Royal Navy, è stato il primo a usare le valvole termoioniche fino ad allora usate solo da amplificatori, al posto dei relè: sfruttandone
  • specifiche Pro Electron. La codifica riguarda: semiconduttori display a cristalli liquidi LCD sensori valvole termoioniche tubi catodici Pro Electron
  • ore di lavoro, lo portarono a compimento. Furono necessarie 18.000 valvole termoioniche che portarono l ambiente ad una temperatura superiore ai 50  C. Il
  • sulla valvola termoionica Le calcolatrici elettroniche a valvole termoioniche hanno avuto però scarsissima diffusione a causa del costo della valvola termoionica
  • adopera infatti ancora le valvole termoioniche e non è assolutamente adatto al solo mercato strettamente professionale delle grandi emittenti televisive