Indietro

ⓘ Logoterapia




                                     

ⓘ Logoterapia

La logoterapia, associata ed imprescindibile dall analisi esistenziale, è un approccio psicoterapeutico teorizzato da Viktor Frankl che si pone, come obiettivo primario, la riscoperta del significato dellesistenza dellessere umano.

È considerata la "terza scuola viennese di psicoterapia" insieme alla psicoanalisi di Sigmund Freud e alla psicologia individuale di Alfred Adler. La volontà di piacere psicoanalisi e la volontà di potere psicologia individuale sono per Frankl i prodotti di una volontà di Senso frustrata.

Come ogni modello psicoterapeutico la logoterapia ha una sua teoria antropologica derivante dallEsistenzialismo ripreso da Max Scheler e dalla Fenomenologia come affermato da Frankl stesso, ha sviluppato una propria nosografia psicopatologica le nevrosi noogene e delle tecniche di intervento originali.

                                     

1. Teoria antropologica

Dal punto di vista metateoretico la logoterapia si pone nella corrente dellesistenzialismo. Frankl la chiama inizialmente analisi esistenziale per poi cambiarla in logoterapia con il fine di non confonderla con la Daseinsanalyse di Binswanger e con altre psicoterapie di stampo umanistico-esistenziale.

La logoterapia condivide con lesistenzialismo il concetto di autodeterminazione. Non vengono negati i condizionamenti della società e delleredità genetica, ma viene sottolineata la capacità delluomo di porsi di fronte a tali condizionamenti in maniera attiva. Da questa premessa deriva il concetto basilare di responsabilità, ovvero la capacità di rispondere al significato individuale di quanto ci viene quotidianamente richiesto dalla vita. La Logoterapia affiancata imprescindibilmente dallanalisi esistenziale ha uno scopo preciso: "la logoterapia ci aiuta a cercare, a trovare e a dare un significato alla nostra vita, mentre lanalisi esistenziale ci consente di scoprire in senso della nostra vita passata e ci mette di fronte alle nostre responsabilità future. La logoterapia ci fa percepire uno scopo e un perché della nostra vita; lanalisi esistenziale ci fa percepire la finalità della nostra vita come compito e ciò che determina il come vivere"

Come Heidegger e Jaspers, anche per Frankl luomo è un Da-Sein, un Esser-Ci. In quanto tale luomo è un Essere-per-la-morte ; da qui deriva la grande importanza della ricerca di Senso. La logoterapia infatti prevede lunicità della persona e lunicità del Senso: ogni uomo è unico e irripetibile e quindi è chiamato a realizzare un Senso unico, che può trovare solo in se stesso. Il Senso il logos, il significato va quindi scoperto individualmente attraverso loperare nel mondo valori di creazione, il ricevere dal mondo valori di esperienza e/o il far fronte con coraggio alle difficoltà estreme valori di atteggiamento.

                                     

2. Nosografia psicopatologica

La logoterapia non ha prodotto, ad oggi, una mappatura esaustiva delle patologie psicologiche in chiave logoterapeutica. Ha però apportato un contributo originale introducendo la categoria di "nevrosi noogena" che si affianca alla nevrosi psicogena e alla nevrosi endogena, e il concetto "nevrosi di massa".

                                     

3. Tecniche logoterapeutiche

Le principali tecniche mutuate dal modello logoterapico sono "lintenzione paradossa" ovvero lampliamento del sintomo finalizzato allautodistanziamento che consiste nel desiderare ciò che si teme ricorrendo alla forza dellumorismo ad es. una persona con dei tremori alla mano dovrebbe desiderare di tremare come mai fatto prima fino a scatenare un terremoto; un uomo con sudorazione eccessiva da stress dovrebbe desiderare con tutto se stesso di sudare fino a bagnare tutta la maglietta e fare vedere al mondo "come suda bene" e la "dereflessione" che consiste in un decentramento della attenzione da sè a qualcosa o qualcun altro si basa nel secondo caso sullautotrascendenza delluomo.