Indietro

ⓘ La vita è un miracolo




La vita è un miracolo
                                     

ⓘ La vita è un miracolo

Jugoslavia 1992. Lingegnere serbo Luka, stabilitosi in uno sperduto paesino tra i monti della Bosnia, di suo figlio Miloš, giovane talentuoso calciatore che sogna di giocare nel Partizan, e della moglie Jadranka, lunatica cantante lirica.

Luka ha in mente un progetto di una ferrovia turistica interstatale Serbia-Bosnia, ma gli viene impedito di ultimarlo dallo scoppio della guerra. In poco tempo viene chiamato alle armi il figlio Miloš, che viene fatto subito prigioniero. Contemporaneamente Jadranka, in preda ad una sempre più visibile follia, scappa con uno xilofonista ungherese e Luka trova un grande amore nella persona di Sabaha, una giovane infermiera bosniaca-musulmana, ricevuta come ostaggio per scambiarla con il figlio Miloš.

                                     

1. Analisi

Kusturica con questopera sembra suggerire una visione esistenziale cosmopolita dellamore, capace di superare le barriere delle ostilità razziali, religiose e geopolitiche.