Indietro

ⓘ Ascensore




Ascensore
                                     

ⓘ Ascensore

Un ascensore è un impianto in grado di sollevare persone da un piano allaltro di un edificio o da livelli diversi di una costruzione o di una struttura. Un ascensore è solitamente costituito da una cabina che contiene i passeggeri e che viene sollevata da un motore elettrico che agisce su funi alle quali la cabina è agganciata; alcuni ascensori sono azionati da pistoni telescopici che sollevano e fanno discendere labitacolo. Un ascensore il cui uso sia destinato al sollevamento di merci e oggetti è chiamato "montacarichi".

                                     

1. Storia

Lascensore è nato dalla necessità di valorizzare i piani più alti. Pur possedendo qualità come la visuale e maggiore indipendenza, questi venivano destinati alla gente meno abbiente perché scomodi e difficilmente raggiungibili.

Già Vitruvio riporta come Archimede di Siracusa avesse costruito degli ascensori, mentre altri esempi di dispositivi destinati al trasporto verticale di persone allinterno degli edifici compaiono nella Spagna islamica.

Altre forme di ascensore apparvero nei palazzi nobiliari europei in particolare nel 1793 al palazzo dInverno di San Pietroburgo e nelle miniere e nei porti britannici, nei primi decenni del XIX secolo, essi furono i primi ascensori a far uso di motori a vapore.

Nel XVIII secolo fu realizzato alla reggia di Versailles una sedia volante, una sorta di antenato dellascensore. Tale soluzione fu riproposta per la Reggia di Caserta dallarchitetto Luigi Vanvitelli.

Sicuramente una delle prime situazioni in cui si è sentita la necessità di una attrezzatura idonea a trasportare in verticale uomini e materiali è quella delle miniere. Sono dellinizio del XIX secolo i primi studi per dotare quei primitivi apparecchi di un motore a vapore che sostituisse lenergia umana.

Il primo brevetto di un sistema di sicurezza fu dellinventore statunitense, Elisha Otis, che nel 1853 depositò il brevetto di un sistema di sicurezza paracadute, destinato ad impedire la caduta violenta della cabina in caso di guasti o rotture ai cavi.

La prima applicazione pratica si ebbe nel 1857 a New York, mentre in Italia il primo ascensore per il trasporto di persone fu costruito dalle officine meccaniche Stigler per lalbergo Costanzi a Roma nel 1870. Negli anni successivi, altri famosi ingegneri lo perfezionarono con ladozione di circuiti idraulici e con linvenzione dellascensore elettrico, fatta risalire al 1880 in Germania da parte di Werner von Siemens.

Una delle prime spettacolari applicazioni della nuova invenzione è quella vista nel 1889 in Francia in occasione della presentazione della Tour Eiffel a Parigi. Durante il pontificato di Pio X, nel 1902, furono installati sotto la direzione dellingegnere Federico Zoléo i primi ascensori Vaticani prodotti dalla svizzera Schindler, mentre nel 1904 venne installato presso Palazzo Barberini a Roma il primo ascensore elettrico italiano.

Le tappe più importanti nellevoluzione dellascensore possono essere considerate quelle dellabolizione del manovratore, datata 1924, e successivamente lintroduzione delle porte ad apertura automatica al posto di quelle manuali.

Notevoli progressi si sono registrati anche nel campo dei "quadri di manovra", deputati al controllo e alla gestione dellimpianto. Superati gli obsoleti pannelli elettromeccanici senza particolari flessibilità di funzionamento, i moderni sistemi elettronici con microprocessori consentono un esercizio adattabile ad ogni genere di edificio ed utilizzo.

Fra le ultime evoluzioni invece vi sono:

  • la regolazione elettronica della velocità: oltre a rendere estremamente dolci le fasi di avvio e fermata della cabina, permettono larresto della stessa esattamente in corrispondenza del piano; questa è inoltre una condizione necessaria al soddisfacimento delle ultime norme in materia di sicurezza fra le maggiori cause di incidente si registrano proprio gli inciampi sugli scalini che si creano fra piano e cabina, e precisamente il raggiungimento di adeguata precisione di fermata e di livellazione al piano, come richiesto dalla norma per laccessibilità degli ascensori anche ai disabili EN 81-70;
  • la riduzione degli spazi verticali di sicurezza nel vano ascensore, in alto e/o in basso, in modo da ridurre gli ingombri verticali dellascensore nelledificio, specie se preesistente.
  • leliminazione del "vano o locale macchina" mediante lo spostamento di motore, argano e apparecchiature di comando - realizzati in forma molto compatta - allinterno del vano di corsa allo scopo di risparmiare spazio allinterno delledificio questo tipo di ascensore è conosciuto con lacronimo MRL dallinglese machine-room less;
                                     

2. Descrizione

Gli ascensori o elevatori possono essere:

  • Oleodinamici
  • Elettrici a fune

Lascensore elettrico moderno è composto principalmente dai seguenti elementi:

  • Contrappeso che ha funzioni anche di bilanciamento con conseguente riduzione della potenza elettrica impegnata e dei consumi energetici
  • Macchinario di sollevamento detto anche argano
  • Dispositivi di sicurezza comprendenti: Limitatore di velocità, Paracadute.
  • Cabina passeggeri
  • Funi di trazione
  • Quadro elettrico di manovra

Lascensore oleodinamico moderno è composto principalmente dai seguenti elementi:

  • Dispositivi di sicurezza comprendenti: Paracadute, Valvola di blocco.
  • Cabina passeggeri
  • Quadro elettrico di manovra
  • Cilindro e pistone
  • Centralina idraulica

Può inoltre comprendere anche:

  • Funi di taglia

I due azionamenti si differenziano nel modo con cui viene imposto il movimento. Con un ascensore elettrico è il macchinario di sollevamento che trasmette il movimento alle funi che reggono la cabina per mezzo dellattrito sulla puleggia di frizione; il motore elettrico funziona in entrambe le direzioni di marcia: salita e discesa.

Con un ascensore oleodinamico è la centralina idraulica che fornisce lenergia ad un fluido a mezzo di una pompa di tipo volumetrico e di una serie di valvole generalmente un olio con speciali additivi che muove a sua volta il pistone permettendogli di fuoriuscire dal cilindro; in questo caso il motore elettrico funziona quando la cabina va in salita poiché in discesa è la forza di gravità a muoverla.

Un ascensore che trasporta solamente materiali, senza che vi sia la possibilità di accompagnamento umano, è definito montacarichi, e non è soggetto alla Direttiva Ascensori, bensì alla Direttiva Macchine.

Un particolare e curioso tipo di ascensore a funzionamento continuo è il paternoster.

LItalia è il paese con il maggior numero di ascensori al mondo – nel 2006 tra i 750 000 e gli 800 000 impianti – se ne installano ogni anno da 15 000 a 20 000 nuovi. In Italia gli impianti esistenti devono essere verificati ogni 2 anni da un ingegnere abilitato ed iscritto allAlbo facente capo ad un ente notificato che ha ottenuto lautorizzazione ministeriale.

                                     

3. Ascensori inclinati

Gli ascensori inclinati sono ascensori che trasportano persone nel caso di trasporto di merci vengono definiti piani inclinati percorrendo un percorso non verticale ma appunto inclinato. Possono essere adibiti sia per il servizio pubblico per collegare due zone di una città sia per il servizio privato allinterno di edifici o giardini. Se adibiti al trasporto pubblico sono definiti sistemi ettometrici.

Negli ascensori inclinati è presente limpianto di sollevamento per mezzo di una fune traente come negli ascensori verticali.

Gli ascensori inclinati mantengono la traiettoria costante per mezzo di vie di guida realizzate o in travi dacciaio o utilizzando rotaie ferroviarie.

Linclinazione massima degli ascensori inclinati, rispetto al piano orizzontale, è pari a 75°. Oltre 75° sono considerati ascensori verticali.

Rispetto alle funicolari gli ascensori inclinati affrontano una maggiore pendenza. Inoltre mentre le funicolari sono dotate di sistemi di trazione per "trascinamento" gli ascensori inclinati sono dotati di sistemi di sollevamento.



                                     

4. Ascensori pubblici

Gli ascensori pubblici sono ascensori adibiti al trasporto pubblico di persone in città dalla particolare orografia. Fanno parte della categoria dei sistemi ettometrici.

In Italia sono attivi ascensori pubblici ad Acri, Amalfi, Ancona, Anghiari, Cagliari, Camerino, Feltre, Genova, Gubbio, Imperia, La Spezia, Lerici, Napoli, Orvieto, Perugia, Perca, Pisticci, Potenza, Ragusa, Roma, Salerno, Todi e Urbino.

                                     

4.1. Ascensori pubblici Esempi di ascensori pubblici allestero

  • Katarina Elevator a Stoccolma, Svezia
  • Ascensores de Valparaíso
  • Elevador do Mercado a Coimbra, Portogallo
  • Skyway a Nagasaki, Giappone
  • Elevador Lacerda a Salvador, Brasile
  • Asansör a Smirne, Turchia
  • Shanklin Cliff Lift in Shanklin, Isle of Wight
  • Bad Schandau Elevator a Bad Schandau, Germania
  • Elevador da Ribeira a Oporto, Portogallo
  • Hammetschwand Elevator a Bürgenstock, Svizzera
  • Oregon City Municipal Elevator in Oregon City, USA
  • Santa Justa a Lisbona, Portogallo
  • Elevador da Boca do Vento ad Almada, Portogallo
  • Bellavista a Catanzaro, Calabria, Italia
  • East Hill Cliff Railway, Hastings, UK
                                     

5. Sicurezza

La sicurezza degli ascensori è un argomento molto sentito, i primi esempi si hanno nel 1854 dall’ingegnere americano Elisha Graves Otis, realizzato nel 1957, si trattava di un freno che si azionava allassenza di tensione del cavo di sollevamento un suo troncamento, successivamente al termine del secondo millennio vennero introdotti anche i limitatori di velocità, posti inferiormente alla cabina, che grazie alla forza centrifuga per rallentare la corsa dell’ascensore, vengono inoltre studiati anche metodi per attutire il più possibile i rischi derivati da una caduta, come la corretta postura da assumere in caso di caduta libera dellascensore, che secondo lesperto Eliot H. Frank del Centro di Ingegneria Biomedica del Massachusetts Institute of Technology Mit di Boston, la soluzione migliore sarebbe quella di sdraiarsi a terra in modo da distribuire meglio la forza su tutto il corpo e ridurre il più possibile le lesioni.

                                     

6. Riferimenti normativi

  • DPR 30 aprile 1999, n. 162 - Regolamento recante norme per lattuazione della direttiva 2014/33/UE, relativa agli ascensori ed ai componenti di sicurezza degli ascensori, nonché per lesercizio degli ascensori