Indietro

ⓘ Presentazione al Tempio




Presentazione al Tempio
                                     

ⓘ Presentazione al Tempio

Per Luca, la prima introduzione di Gesù al Tempio ha un preciso significato teologico. Per la purificazione della puerpera e lofferta del primogenito, infatti, non era necessario andare al Tempio di Gerusalemme: questi atti potevano essere effettuati in tutto il Paese presso un sacerdote qualsiasi. Lincontro con Simeone e Anna mostra lattuazione di una profezia di Malachia, secondo cui il Messia sarebbe stato riconosciuto nel Tempio 3.1. La gioia dei due ebrei pii descrive il compimento della speranza del popolo di Israele. Simeone capisce che Gesù è il messia atteso, ma è venuto per tutti i popoli, non solo per Israele; sarà però un segno di contraddizione, dividendo Israele tra chi crederà in lui e chi no. Luca non dice che Gesù è stato riscattato con il pagamento dellofferta: ciò significa che è stato consacrato interamente a Dio Padre fin da bambino.

Per la Chiesa cattolica Maria non avrebbe avuto bisogno di essere purificata, ma si sottopone ugualmente in segno di umiltà al rito per dimostrare la sua obbedienza ai precetti religiosi ebraici. Secondo alcuni teologi, la profezia nei confronti di Maria non riguarderebbe il dolore, ma la divisione interiore: di fronte alla missione del figlio, la sua stessa madre avrebbe oscillato tra la fede e il dubbio. La Chiesa ha, tuttavia, sempre identificato la "spada" menzionata da Simeone come figura del dolore che Maria avrebbe sofferto durante la Passione del Figlio.

Il ricordo della presentazione al Tempio di Gesù è allorigine della tradizione cristiana di presentare i neonati al Signore, chiedendo che egli li benedica sin dalla più tenera età. Per le chiese in cui viene praticato il battesimo dei neonati ciò avviene in occasione della cerimonia del battesimo. Nelle confessioni cristiane che battezzano solo adulti viene talvolta praticata comunque una presentazione sacramentale dei neonati.

                                     

1. Festa liturgica

La Presentazione al Tempio di Gesù era una festa celebrata fin dal IV secolo dalla Chiesa orientale il 2 febbraio. Nel VII secolo, anche la Chiesa cattolica di rito romano adottò il 2 febbraio come festa liturgica della Presentazione al Tempio, che prese poi il nome di Candelora.

                                     

2. Opere darte

  • Presentazione al Tempio Angelico 1440-1441 circa
  • Presentazione al Tempio Gentile da Fabriano 1423
  • Presentazione al Tempio Lorenzo Lotto 1552 - 1556 circa
  • Presentazione al Tempio Giovanni Bellini 1460 circa
  • Presentazione al Tempio Mantegna 1455 circa
  • Presentazione al Tempio Ambrogio Lorenzetti 1342