Indietro

ⓘ Tour de Suisse




Tour de Suisse
                                     

ⓘ Tour de Suisse

Il Tour de Suisse è una corsa a tappe maschile di ciclismo su strada che si svolge in Svizzera ogni anno nel mese di giugno. Dal 2005 al 2008 è stata inserita nel calendario UCI ProTour, dal 2009 è valida come prova del Calendario mondiale UCI/UCI World Tour.

                                     

1. Storia

La prima edizione del Giro di Svizzera si svolse nel 1933, nellarco di cinque tappe, tra fine agosto e inizio settembre, e fu vinta dallaustriaco Max Bulla. Per lo svolgersi della Seconda guerra mondiale nei Paesi circostanti, la gara non si svolse nel 1940 e dal 1943 al 1945. Nel 1941 e nel 1942 si tenne invece in forma ridotta: tre tappe nellarco di due giorni nelledizione 1941, con solo 44 professionisti al via e uno spareggio indoor per decretare il vincitore allo Hallenstadion di Zurigo, e cinque tappe in altrettanti giorni di gara nel 1942.

Nellimmediato dopoguerra la corsa si affermò come terzo Giro per importanza dopo Tour de France e Giro dItalia. Gino Bartali si impose nel 1946 e nel 1947, dominando sulle montagne e vincendo con distacchi record, mentre negli anni subito seguenti la corsa raggiunse il picco di popolarità con i duelli tra gli svizzeri Ferdi Kübler e Hugo Koblet: entrambi vinsero la corsa tre volte, ciascuno aggiudicandosi undici tappe e vestendo la maglia di leader per quattordici frazioni. Negli stessi anni si affermò anche litaliano Pasquale Fornara, che con quattro successi, nel 1952, 1954, 1957 e 1958, risulta ancora il plurivittorioso della corsa.

Negli anni 1960 la gara risultò appannaggio di numerosi ciclisti di livello, tra cui Hans Junkermann vincitore nel 1959 e 1962, Franco Bitossi nel 1965 e Vittorio Adorni nel 1969 in maglia iridata. Nel 1974 lorganizzatore Sepp Voegeli riuscì a convincere Eddy Merckx a partecipare per la prima volta alla corsa: pur avendo vinto solo quattro giorni prima il Giro dItalia, il "Cannibale" vinse tre tappe, vestì di giallo dal primo allultimo giorno e vinse la classifica generale le classifiche accessorie della gara svizzera. Fu questo il suo unico successo; nelle stagioni seguenti e negli anni 1980 si imposero al Giro di Svizzera specialisti delle corse di un giorno come Roger De Vlaeminck, Hennie Kuiper e Sean Kelly due volte, ma anche scalatori come Michel Pollentier, Beat Breu e Andrew Hampsten entrambi due volte e passisti come Giuseppe Saronni.

Nel 1991 Sepp Voegeli diresse per lultima volta la corsa, morì lanno dopo. Gli anni 1990 videro imporsi tra gli altri Pascal Richard, Pavel Tonkov e Stefano Garzelli, mentre nel decennio seguente si ebbero i successi dei campioni da Grandi Giri Lance Armstrong titolo revocato, Alex Zülle, Aleksandr Vinokurov, Jan Ullrich due vittorie, di cui una revocata e Aitor González. Lo specialista delle cronometro Fabian Cancellara si mise anchegli in evidenza vincendo, tra il 2003 e il 2016, undici tappe oltre alla classifica finale nel 2009 ed eguagliando così il primato di successi parziali detenuto da Kübler e Koblet. Il primato assoluto di vittorie di tappa è stato quindi superato durante il Tour de Suisse 2016 da Peter Sagan. Dal 2015 la corsa è organizzata da InfrontRingier Sports & Entertainment AG, società svizzera di gestione sportiva.

Nel 1948 eccetto le edizioni 1949 e 1954 la corsa venne spostata da luglio/agosto a metà giugno. Negli ultimi anni si conclude in genere una-due settimane prima del Tour de France e due-tre settimane dopo il Giro dItalia; tale collocazione in calendario ha reso la gara svizzera unimportante prova di preparazione al Tour de France. Dal 2004 si svolge in parziale sovrapposizione con il Critérium du Dauphiné, altra prova di preparazione al Tour.

                                     

2. Percorso

La corsa è generalmente formata da nove tappe, tra le quali una breve cronometro iniziale, spesso unulteriore tappa a cronometro, e alcune tappe con arrivo in salita.

                                     

3. Maglie

I leader delle diverse classifiche vestono durante la gara particolari maglie distintive. Nelledizione 2019 tali casacche distintive sono:

  • La maglia nera dal 2015 per il corridore che conquista più punti nei traguardi intermedi e sugli arrivi leader della classifica a punti.
  • La maglia gialla per il corridore con il miglior tempo cumulativo leader della classifica generale.
  • La maglia marrone dal 2019 per il corridore che conquista più punti e bonus sulle cime leader della classifica della montagna.
  • La maglia bianca dal 2019 per il corridore Under-25 con il miglior tempo cumulativo leader della classifica dei giovani.
                                     

4. Statistiche

Plurivincitori

  • Pasquale Fornara 1952, 1954, 1957, 1958
  • 4 successi
  • 3 successi
  • Rui Costa 2012, 2013, 2014
  • Hugo Koblet 1950, 1953, 1955
  • Ferdi Kübler 1942, 1948, 1951
  • Gino Bartali 1946, 1947
  • Sean Kelly 1983, 1990
  • Simon Špilak 2015, 2017
  • Louis Pfenninger 1968, 1972
  • 2 successi
  • Andrew Hampsten 1986, 1987
  • Hans Junkermann 1959, 1962
  • Beat Breu 1981, 1989