Indietro

ⓘ Analisi bioenergetica




                                     

ⓘ Analisi bioenergetica

L analisi bioenergetica è una psicoterapia corporea ideata da Alexander Lowen, medico e psicoterapeuta statunitense, che nel 1956 fondò a New York lInternational Institute for Bioenergetic Analysis, del quale sarà direttore per quarantanni. Si tratta di una psicoterapia che si basa su un approccio psicoterapeutico analitico-caratteriale e somatico-relazionale utilizzato anche nella psicoterapia di gruppo.

Tale disciplina è oggi inclusa nellambito delle terapie alternative.

                                     

1. Cenni storici

Alexander Lowen nel 1940 partecipò a un corso tenuto da Wilhelm Reich sullanalisi del carattere e sul legame tra la tensione muscolare e la personalità nevrotica. Ne rimase molto impressionato e decise di intraprendere una terapia con Reich. Sebbene gli insegnamenti di Reich inerenti lanalisi delle resistenze, lanalisi del carattere, il principio dellindentià funzionale tra psichico e somatico e la confutazione dellistinto di morte freudaiano Thanatos infuenzeranno la sua formazione, Lowen prenderà le distanze da Reich in merito alle sue teorie energetiche e alle sue ipotesi sullorgone, non solo sviluppando un approccio psicoterapeutico differenziato, ma anche esplicitandolo in varie occasioni e nei suoi stessi scritti.

                                     

2. Il linguaggio del corpo

Secondo lanalisi bioenergetica il carattere, inteso come unicità somato-psichica, rappresenta lorganizzazione psicologica e corporea inconscia dellindividuo, che si struttura a livello mentale con i meccanismi psicologici di difesa e a livello corporeo con contrazioni muscolari croniche che, insieme allimpronta genetica, danno forma alla postura e alla qualità della respirazione. Le frustrazioni infantili continuative suscitano una risposta difensiva da parte dellorganismo con tensioni croniche dellapparato muscolare, una funzione respiratoria ridotta e, più in generale, in una riduzione dellespressività. È una risposta difensiva che mira ad allontanare il contatto con la frustrazione e il dolore, in presenza di un ambiente ostile allimperativo biologico che tende al piacere. Il prezzo pagato è un processo di contrazione che si manifesta in una riduzione generale di motilità e vitalità. Attraverso losservazione di questi messaggi corporei è possibile integrare i contenuti verbali, arrivando a una comprensione più profonda delle dinamiche dellindividuo: nellAnalisi Bioenergetica lattenta osservazione delle manifestazioni del corpo, e delle emozioni collegate, rappresenta uno strumento importante tanto quanto linterpretazione dei sogni e del materiale verbale. Il corpo viene osservato non solo nella sua realtà statica, ma anche e soprattutto nel suo modo di muoversi, respirare, lasciar uscire la voce ed entrare in relazione. In quest’ottica Lowen propone un insieme di esercizi propriocettivi ed espressivi.

                                     

3. Il concetto di energia

In Analisi Bioenergetica con il termine energia sintende la vitalità di un organismo, prodotto dellinsieme di processi biochimici e metabolici che gli permettono di vivere e che si manifesta nel movimento e nei processi di espansione e contrazione tipici di ogni essere vivente. Pensiamo per esempio al battito del cuore o ai processi vitali dellameba, secondo questa analisi la quantità di energia mobilitata e il modo di utilizzarla può dire molto sulla personalità di un individuo e sul suo modo di relazionarsi con il mondo. Per esempio, una persona impulsiva esperirà aumenti improvvisi di eccitazione che sentirà il bisogno di scaricare immediatamente, mentre una persona depressa mostrerà unattivazione ridotta. Laumento di energia è osservabile sia a livello corporeo, per esempio attraverso la mobilitazione delle masse muscolari o il flusso sanguigno, sia a livello psichico per esempio attraverso i meccanismi motivazionali e attentivi.

                                     

4. I tipi caratteriali

Partendo dai principi teorici dellanalisi del carattere reichiana, Lowen ne espande i concetti definendo una tipologia caratteriale articolata, frutto del lavoro clinico con i suoi pazienti. Partendo dalla fase prenatale, lindividuo attraversa una serie di fasi evolutive ognuna caratterizzata da un bisogno fondamentale. La qualità della relazione con le figure primarie, in primo luogo con la madre, e il grado di soddisfazione di tali bisogni, determinano diverse organizzazioni difensive psico-corporee, con conseguente differenza di carica energetica e motilità. Lowen propone tipologie caratteriali connotate da diversa distribuzione di tensioni croniche e carica energetica. Quanto più lindividuo ha una struttura caratteriale nevrotica, tanto maggiore è la contrazione psico-corporea e quindi minore la gamma di risposte possibili agli stimoli vitali interni ed esterni. Il carattere rimane comunque, nel pensiero di Lowen, espressione di una tensione alla vita, in quanto modalità unica e personale attraverso cui un individuo è stato capace di difendersi e protendersi verso il piacere. Se da una parte quindi lAnalisi Bioenergetica ha come obiettivo quello di rendere consapevole il paziente delle limitazioni imposte dalla propria struttura caratteriale, così da permettere il recupero di una maggiore vitalità, dallaltra ne riconosce lunicità come espressione del suo vissuto somato-psichico, unico e irripetibile.



                                     

5. Obiettivi della terapia

Per Lowen lobiettivo della terapia non è più solo il recupero di una sana e soddisfacente vita sessuale, come era invece per Reich, ma diventa la riconquista di una più ampia capacità di provare piacere e sperimentare la gioia di vivere. In questottica il piacere viene identificato come possibilità di lasciar fluire leccitazione vitale e la capacità di padroneggiarla per interagire in maniera vantaggiosa con la realtà circostante. La salute vibrante di cui parla Lowen, si basa sulla capacità di respirare, aprirsi al movimento energetico interno ed esterno e alle sensazioni ed emozioni connesse. Essa consente, momento per momento, un aggiustamento tra il contatto con il proprio Sé in senso sia corporeo che psicologico e con il mondo. È la sintonia dellindividuo con il proprio grounding, concetto che integra la percezione del proprio Sé psico-corporeo con la realtà sociale.

                                     

6. Il grounding

Il concetto di grounding, o radicamento, rappresenta una delle innovazioni più importanti introdotte da Lowen, che lo porterà a invitare il paziente a lavorare anche in piedi, oltre che sdraiato e seduto. Il grounding è il contatto con la propria energia psico-corporea, con il" qui ed ora”, con lIo adulto, con la terra intesa come fonte e sostegno del nostro esistere. Attraverso lesperienza del grounding, il paziente entra in un contatto più profondo con le proprie radici, la propria realtà interna, la visceralità delle emozioni, la sessualità. Senza queste radici lindividuo può perdersi nel cielo delle proprie illusioni, attuando un comportamento disfunzionale.