Indietro

ⓘ Miglioramenti su fondo altrui




                                     

ⓘ Miglioramenti su fondo altrui

È possibile che un miglioramento venga eseguito da una persona diversa dal proprietario, cioè da una persona che eserciti il possesso del fondo o che, in virtù di un qualche contratto, conduca il fondo da solo o in associazione col proprietario. La legge prevede che allesecutore di un miglioramento su un fondo altrui spetti unindennità. Salvo diversa disposizione vale lart. 936 C.C.:

  • Se il proprietario domanda che le opere vengano rimosse queste devono essere tolte a spese di colui che le ha fatte che inoltre deve essere condannato al risarcimento dei danni
  • Il proprietario non può obbligare lesecutore delle opere a toglierle quando esse sono state fatte a sua scienza e senza posizione, oppure in buona fede
  • Opere realizzate non dal proprietario, il quale ha diritto di ritenerle o di farle rimuovere
  • In caso il proprietario decidesse di ritenerle è obbligato a pagare il costo delledificazione oppure il valore dellaumento del fondo speso e migliorato
  • La rimozione non può essere domandata trascorsi sei mesi dal giorno in cui il proprietario ha avuto notizia dellincorporazione
                                     

1. Miglioramenti eseguiti dallaffittuario

Sia il proprietario sia laffittuario possono farsi promotori di opere di miglioramenti, purché queste non modifichino la destinazione agricola del fondo.

Se le opere di miglioramento vengono eseguite dallaffittuario, questi acquista il diritto di percepire unindennità pari allaumento del valore conseguito dal fondo per effetto dei miglioramenti. Tale aumento di valore si denomina migliorato. È la differenza tra il valore di mercato con i miglioramenti e il valore di mercato senza i miglioramenti del fondo. Il valore del fondo con i miglioramenti si stima considerando le opere di miglioramento nello stato di conservazione in cui si trovano al momento della liquidazione dellindennità.

Il valore si stima con il criterio di ordinarietà. Va stimato a valore attuale se è ordinaria la sua situazione senza miglioramenti e a valore potenziale se è ordinario il suo miglioramento. La suscettività ordinaria al miglioramento è componente del valore del fondo nel suo stato originario e non va a far parte dellindennità; la suscettività straordinaria non è riconosciuta come componente del valore del fondo e non va a far parte dellindennità.

                                     

2. Miglioramenti eseguiti dallusufruttario

Lusufruttuario ha diritto a unindennità per i miglioramenti che sussistono al momento della restituzione della cosa, e che lindennità si deve corrispondere nella minor spesa tra limporto della spesa e lincremento di valore per effetto dei miglioramenti.

Lindennità è la minor somma fra lo speso e il migliorato. Lo speso equivale al costo ordinario di riproduzione del miglioramento.

                                     

3. Miglioramenti eseguiti del possessore

Espresso in linguaggio estimativo, il disposto del codice significa che lindennità di miglioramento è pari al migliorato per il possessore di buona fede ed è pari alla minor somma tra lo speso e il migliorato per il possessore di mala fede.