Indietro

ⓘ Basilica di San Marino




Basilica di San Marino
                                     

ⓘ Basilica di San Marino

La basilica di San Marino è la chiesa principale della Città di San Marino, appartenente alla diocesi di San Marino-Montefeltro; è dedicata al patrono della città e dello Stato. Sorge in piazzale Domus Plebis. La basilica di San Marino è raffigurata sulle monete euro sammarinesi da dieci centesimi.

Sul retro della basilica di trovano gli Orti Dell’Arciprete, luogo usato per concerti e altri eventi.

                                     

1.1. Storia Lantica pieve di San Marino

Nel luogo dove oggi sorge la basilica già nel IV secolo sorgeva una pieve dedicata a san Marino diacono. Il primo documento che attesta lesistenza della pieve è del 530, La Vita di San Severino ad opera del monaco Eugippio e laltro documento è il Placito Feretrano dell885. Il primo documento che riguarda direttamente la pieve di San Marino è del 31 luglio 1113.

                                     

1.2. Storia La costruzione della basilica di San Marino

A inizio Ottocento la Pieve era in condizioni di grave degrado, così nel 1807 venne abbattuta e il progetto per la costruzione della nuova chiesa venne affidato allarchitetto bolognese Antonio Serra. Il 24 luglio 1825 il Consiglio Grande e Generale decise di costruire una nuova chiesa nel luogo dove cera lantica pieve. Il 28 luglio 1826 cominciò la costruzione che sarebbe terminata nel 1838. Il 5 febbraio 1838 venne solennemente inaugurata alla presenza del vescovo del Montefeltro Crispino Agostinucci e dei Capitani Reggenti. Il 21 luglio 1926 fu elevata al rango di basilica minore da papa Pio XI. La costruzione costò 40.150 scudi e 76 baiocchi. Inoltre vi si tenne lArengo del 1906.

                                     

2. Descrizione

Linterno è costituito da tre navate, composte da sedici colonne corinzie che formano un grande ambulacro semicircolare intorno allabside. Laltare maggiore è ornato dalla statua di San Marino diacono opera del Tadolini, allievo del Canova. Sotto laltare sono conservate parte delle reliquie del santo che vennero ritrovate il 3 marzo 1586, mentre alcune reliquie il 28 gennaio 1595 sono state donate allisola di Arbe Croazia, luogo natale del santo. Il cranio del Santo è conservato nella Sacra Teca, un busto reliquiario in argento e oro dal 2 settembre 1602, posto a destra dellaltare. A sinistra dellaltare cè il Trono della Reggenza del 600. Nella navata destra cè un piccolo altare dedicato alla Madonna della Misericordia, copia di Sebastiano Conca e una tela di Elisabetta Sirani "Noli Me Tangere". Il 29 agosto 1982 fu visitata da Giovanni Paolo II e il 19 giugno 2011 da Benedetto XVI, che omaggiarono le reliquie del Santo.

Nella basilica si conserva un organo a canne di Giacomo Bazzani 1835 a tastiera unica e pedaliera a leggio.

Tra gli altri, vi è sepolto Gian Battista Bonelli, Segretario generale della Repubblica, ucciso il 14 luglio 1853.