Indietro

ⓘ Visto d'ingresso




Visto dingresso
                                     

ⓘ Visto dingresso

Il visto di ingresso è latto con il quale uno stato dà a un individuo straniero il permesso di accedere nel proprio territorio, per un certo periodo di tempo e per determinati fini. È internazionalmente noto col nome breve di visa, dal latino charta visa.

                                     

1. Caratteristiche e tipologie

Il visto può essere contenuto in un documento a sé o, più comunemente, stampato sul passaporto del richiedente o contenuto in foglio da allegare al medesimo. Non tutti gli stati richiedono il visto per lingresso nel loro territorio, ritenendo in certi casi sufficiente il passaporto o la carta di identità, in seguito ad accordi di libera circolazione.

A seconda del motivo di viaggio, sono disponibili diverse tipologie di visto:

  • Visto di transito: rilasciato a coloro che si fermano nel paese per un breve periodo solitamente fra 3 e 7 giorni per poi proseguire verso un paese terzo diverso da quello di provenienza.
  • Visto turistico: il più richiesto, è generalmente il meno costoso talvolta gratuito e permette di visitare il paese per un periodo compreso fra 30 e 90 giorni nella maggior parte dei casi.
  • Visto di studio/lavoro: è di solito il più costoso e anche quello che dura di più 6-12 mesi e oltre, viene richiesto da chi si vuole trasferire per lavorare o studiare nel paese, e talvolta i requisiti sono più stringenti rispetto al visto turistico.

Esistono poi altre tipologie di visti per casi particolari, come i viaggi diplomatici o le operazioni chirurgiche.

                                     

1.1. Caratteristiche e tipologie Visto allarrivo

In alcuni casi il visto può anche essere ottenuto allarrivo, allo stesso prezzo di quando viene richiesto al consolato o pagando una commissione aggiuntiva. In questo caso si parla di VOA Visa on arrival. Con il passaporto italiano si può ottenere il VOA in 36 paesi.

                                     

1.2. Caratteristiche e tipologie Visto elettronico

Il visto elettronico o eVisa dallinglese electronic visa è una procedura semplificata di richiesta del visto, che permette di evitare le code al consolato e snellisce la burocrazia, in quanto permette di pagare con carta di credito o di debito e di stampare il visto direttamente a casa propria, ritirarlo al consolato tramite appuntamento o allaeroporto di arrivo. Al 2020 43 paesi hanno implementato luso del visto elettronico. Con il passaporto italiano si ha accesso a 22 paesi con il visto elettronico.

                                     

2. Gli accordi internazionali

I cittadini degli Stati che hanno sottoscritto la Convenzione di Schengen possono entrare liberamente in Italia e soggiornarvi senza limitazioni, mentre gli altri sono soggetti a controlli di frontiera, in molti casi con lobbligo del visto dingresso rilasciato da un consolato italiano allestero.

Come orientamento generale, sono di regola esenti dallobbligo del visto tutti i cittadini degli stati del continente americano, mentre sono in genere soggetti allobbligo del visto i cittadini provenienti da stati del continente africano e asiatico.

                                     

3. Restrizioni

Henley & Partners ogni anno compila un indice sulle restrizioni dei visti, che classifica i paesi in base alla apertura delle loro restrizioni sui visti e requisiti per i visti. Lindice si basa sul database International Air Transport Association.

LOrganizzazione Mondiale del Turismo nella sua annuale relazione Visa ha concluso che i 30 paesi i cui cittadini sono stati meno colpiti da restrizioni sui visti nel 2015 sono stati in base ai dati forniti dalla UNWTO, sulla base di informazioni provenienti da istituzioni ufficiali nazionali:

La media mondiale nel 2015 era 89, tra le economie avanzate il punteggio medio è stato di 154 e tra le economie emergenti, 73 Russia ha segnato 93, lIndia 50 e la Cina 46.

                                     

4. Stati che non richiedono visto per gli italiani

In base allHenley & Partners Visa Restrictions Index Global Ranking, basato sul numero dei paesi visitabili senza visto, lItalia si trova al 3º posto a livello mondiale per libertà di movimento, con 174 Stati di destinazione. Il visto dingresso non è richiesto al cittadino italiano munito di passaporto in corso di validità; anche se in alcuni casi esso deve avere una scadenza residua di 3 o 6 mesi, chi vi si reca deve quindi informarsi preventivamente per essere sicuri di poter entrare in questi Stati. Gli Stati del mondo che non richiedono il predetto documento sono:

                                     
  • Il Visa Waiver Program in italiano Programma di esenzione di visto d ingresso è un programma del governo degli Stati Uniti che permette ai cittadini
  • Mairbek Taisumov doveva vedersela con Nik Lentz, ma ebbe problemi con il visto d ingresso per gli Stati Uniti, quindi venne sostituito da Michael McBride. Il
  • l apposizione di un autorizzazione temporanea all ingresso nello stato in cui si chiede di entrare, denominata visto d ingresso e rilasciata da ambasciate o anche
  • alcuni lottatori riscontrarono parecchi problemi nell ottenere il visto d ingresso per gli Stati Uniti, ciò portò alla cancellazione di molti incontri
  • Gianna Visto che mi vuoi lasciare è un 45 giri di Rino Gaetano pubblicato nel 1978 dalla It. Il disco è risultato il 13º più venduto nel 1978 ed è stato
  • come visto e viene generalmente richiesta a coloro che non necessitano di un visto d ingresso a determinate condizioni. A differenza del visto propriamente
  • seguito al rifiuto dell ufficio immigrazione liberiano di concedere il visto d ingresso ai giocatori del Club Africain. Villa si ritira prima della disputa
  • con l inglese Ross Pearson. Tuttavia, Trujillo ebbe problemi con il visto d ingresso per l Australia e, di conseguenza, Pearson si ritrovò ad affrontare
  • di pallamano che nel 2004 sparì in Germania dopo avere ottenuto il visto d ingresso per ragioni sportive. Machan è l equivalente singalese di amicizia