Indietro

ⓘ Ferrari 340 America




Ferrari 340 America
                                     

ⓘ Ferrari 340 America

Già dal nome si capisce quali fossero le ambizioni di questo modello. La casa di Maranello intendeva infatti con questa versione sportiva di lusso far breccia tra gli appassionati di motori oltre oceano. Nel 1951 infatti il mercato americano diventava ogni anno sempre più importante, e Enzo Ferrari lo capì subito.

Questo modello, derivato dalla 340 F1, venne presentato il 5 ottobre 1951 al salone di Parigi, in colore nero con interni verde scuro. Ben presto riscosse molto successo tra gli appassionati, smuovendo i sogni di quei pochi che avevano la possibilità di guidare tutti i giorni una vettura di derivazione assolutamente "corsaiola". La presentazione ufficiale avvenne però nellanno successivo al salone di Torino, dove per celebrare levento fu chiamato lo stesso Aurelio Lampredi, progettista del poderoso motore a 4 litri. Il primo esemplare Touring richiamava le linee della 166 Barchetta, ma le versioni meglio riuscite sono considerate quelle di Ghia e Vignale.

                                     

1. Attività sportiva

Come banco di prova venne preso ovviamente il tracciato della Mille Miglia, che vide impiegate quattro 340, tre affidate a Vittorio Marzotto, Alberto Ascari e Dorino Serafini, ed una nella versione coupé carrozzata Vignale per lequipaggio Gigi Villoresi - Pasquale Cassani. Furono proprio questi ultimi due ad ingaggiare unaspra lotta con la Lancia Aurelia B20 di Giovanni Bracco e Umberto Maglioli, che pur avendo unauto molto meno potente della Ferrari solo 1991 cc di cilindrata, sui tratti misti faceva valere le proprie doti di stabilità e maneggevolezza. La 340, in difficoltà sui tratti tortuosi, si avvantaggiava sui rettilinei del percorso, sul litorale Adriatico ed in pianura, riuscendo poi a prevalere sul traguardo.