Indietro

ⓘ Continente




                                               

Oceania

L Oceania è il continente della Terra che comprende Polinesia, Melanesia, Micronesia, Australia e Nuova Zelanda. Lappellativo "nuovissimo" deriva dal fatto che, eccetto lAntartide, fu lultimo ad essere scoperto dagli europei e lultimo ad essere raggiunto e popolato dalluomo: il suo popolamento è iniziato circa 50.000 anni fa, ma fu completato in linea di massima intorno a 3.000 anni fa, quando gruppi umani raggiunsero e si stabilirono in Polinesia. In senso stretto, Oceania è un termine a volte utilizzato per indicare linsieme della Polinesia, Melanesia e Micronesia, secondo la suddivision ...

                                               

Atlantica

L Atlantica era un antico continente che si suppone si formò circa due miliardi di anni fa: 200 milioni di anni più tardi, divenne parte del supercontinente Columbia; altri 300 milioni di anni più tardi, dopo la rottura della Columbia, lAtlantica, assieme a Baltica, Arctica ed al cratone Antartico orientale, divenne parte del supercontinente Nena. Un miliardo di anni fa, la Nena venne a sua volta inclusa nella Pannotia, la quale nel Cambriano si disintegrò, lasciando lAtlantica incorporata nel Gondwana. Il Gondwana, a sua volta, divenne parte della Pangea durante il Permiano; finì per sepa ...

                                               

Zealandia

La Zealandia è una massa quasi interamente sommersa della crosta continentale che affondò dopo la rottura con lAustralia 60-85 milioni di anni fa, essendosi separata dallAntartide tra 85 e 130 milioni di anni fa. È stata variamente descritta come un "frammento continentale", un microcontinente, un continente sommerso o un continente. Il nome e il concetto di Zealandia furono proposti da Bruce Luyendyk nel 1995. Lo status della Zealandia come continente non è universalmente accettato, ma il geologo neozelandese Nick Mortimer ha commentato che "se non fosse per loceano" esso sarebbe stato ri ...

                                               

Nena (supercontinente)

Nena è un antico supercontinente che consisteva nei cratoni di Arctica, Baltica ed Antartico orientale. Si formò circa 1.8 miliardi di anni fa a partire dal supercontinente della Columbia. Nena è un acronimo che deriva da N ord E uropa e N ord A merica.

                                               

Ur (continente)

Ur è il più antico continente che si ipotizza si sia formato nellArcheano, circa 3 Ga fa. Il nome di questo ipotetico continente non ha attinenza con lantica città mesopotamica di Ur né con la biblica Ur patria del patriarca Abramo; deriva invece dal prefisso tedesco ur- che attribuisce il significato di "antico", "originario", "ancestrale" al vocabolo Kontinent che lo segue. Il continente Ur è stato ipotizzato dal geologo John Rogers nel 1996 principalmente sulla base di studi eseguiti nel Subcontinente indiano e in Australia. Nel primo periodo della sua esistenza, Ur fu probabilmente lun ...

                                               

Supercontinente

In geologia, un supercontinente è una massa di terra che comprende più di un cratone. Alcuni studiosi preferiscono definire il supercontinente come raggruppamento di quasi tutti i continenti, il che lascia maggior spazio allinterpretazione ed è più semplice da applicare alla situazione del Precambriano. Nellattuale conformazione geofisica della Terra sono a volte considerati supercontinenti lEurafrasia, lEurasia e lAmerica.

Continente
                                     

ⓘ Continente

Un continente è la più vasta delle ripartizioni con le quali si suddividono le terre emerse della crosta terrestre.

                                     

1. Definizione

La superficie del pianeta Terra è suddivisibile in continenti, ossia le terre emerse, e in oceani. Il concetto di continente si contrappone quindi a quello di oceano, i geologi suddividono la crosta terrestre in oceanica e continentale in funzione, tra laltro, della tipologia delle rocce predominanti in ciascuna delle due, rispettivamente rocce basaltiche e granitiche.

Alla definizione di continente concorrono criteri che sono soprattutto geografici e storici, ma anche filosofici e politici; si ricorre anche ad analisi geomorfologiche ed ecologiche. Dato che i vari criteri non portano a ununica conclusione, la suddivisione della terra emersa in diversi continenti è arbitraria. Per lo stesso motivo, non esiste un modello unico di suddivisione delle terre emerse, ma vari modelli, usati nei vari stati del mondo o nei vari ambiti di conoscenza a seconda delle necessità. Ogni modello ha le sue giustificazioni e prevede un numero diverso di continenti, variamente raggruppati.

Lappartenenza politica di un territorio ad uno stato oppure ad un altro non ha nessuna importanza ai fini dellappartenenza ad un continente. Valgano due esempi a riguardo: la Groenlandia è parte integrante del continente americano, nonostante dal punto di vista politico sia un possedimento danese; la Nuova Guinea Occidentale è una provincia dellIndonesia, stato asiatico, ma lisola della Nuova Guinea è nondimeno considerata tutta appartenente allOceania.

Le isole si considerano appartenenti al continente più vicino: per esempio, il Madagascar le Seychelles si considerano parte dellAfrica. Può aiutare in questo discrimine considerare lesistenza delle piattaforme continentali. Anche per questa situazione ci sono casi di ambiguità: per esempio lIslanda, comunemente considerata parte dellEuropa, in realtà si trova sulla dorsale medio atlantica in mezzo alloceano, e quindi, geologicamente, deve essere considerata come unemersione della dorsale oceanica, senza crosta continentale e quindi non facente parte di alcun continente.

Una seconda accezione di "continente" si usa quando si contrappone unisola alla terraferma. In questo caso la parola continente è sinonimo di terraferma. Esempi classici in questo senso si hanno quando i britannici chiamano "il continente" la restante parte dEuropa o quando sardi e siciliani chiamano "il continente" la restante parte dItalia.

                                     

2.1. Sistemi di suddivisione delle terre emerse Modello a sette continenti

Esso dà la massima importanza ai criteri storici e culturali, trascurando la contiguità tra le terre. Si separa così il Sudamerica dal Nordamerica e lEuropa dallAsia. È uno dei modelli comunemente più usati in Cina e nei paesi di cultura inglese.

  • Africa, Asia, Europa, Sudamerica, Nordamerica, Oceania, Antartide.
                                     

2.2. Sistemi di suddivisione delle terre emerse Modello più seguito in Italia: sei continenti

È un criterio storico-etimologico: sono considerati continenti le grandi estensioni di terre emerse che hanno storicamente un loro proprio nome. È il modello più usato non solo in Italia, ma anche in tutta lEuropa occidentale escluse le Isole Britanniche e in America latina. Corrisponde allaccezione comune di continente nella lingua corrente. Inoltre è il criterio seguito dalle Nazioni Unite nel Geoschema.

  • Africa, Asia, Europa, America, Oceania, Antartide.
                                     

2.3. Sistemi di suddivisione delle terre emerse Altro modello a sei continenti

In questo modello si giunge a contare sei continenti considerando separate le due Americhe e invece unite lEuropa e lAsia; questo modello prende in considerazione sia dati geografici e geologici, sia dati culturali. Adotta questo modello la Russia che, estendendosi sia in Europa sia in Asia, trova opportuno considerare unite queste due terre.

  • Africa, Eurasia, Sudamerica, Nordamerica, Oceania, Antartide.
                                     

2.4. Sistemi di suddivisione delle terre emerse Modello a cinque continenti

È il modello seguito nel simbolo olimpico dei cinque cerchi intrecciati. In esso non si include lAntartide, considerando solamente i continenti abitati dalluomo, le cui nazioni quindi partecipano ai giochi olimpici. LAntartide, infatti, non è divisa in stati e in essa risiedono permanentemente almeno un migliaio di abitanti, ma tra essi nessun abitante locale, solo ricercatori scientifici provenienti da altri continenti, alcuni permanenti, altri stagionali, altri solo per un viaggio.

  • Africa, Asia, Europa, America, Oceania.
                                     

2.5. Sistemi di suddivisione delle terre emerse Modello a quattro continenti e sei "parti del mondo"

È un modello che individua solo quattro continenti, tenendo presenti esclusivamente considerazioni di geografia fisica: i continenti sono definiti univocamente come masse di terre emerse contigue e completamente circondate da oceani; il taglio dellIstmo di Suez e dellIstmo di Panama, essendo opera delluomo, non sono considerati impedimento per considerare unite, rispettivamente, Africa e Asia oppure le due Americhe.

Secondo questo modo di vedere, lEuropa, lAsia, lAfrica, lAmerica, lOceania e lAntartide sono definite con lespressione "parti del mondo". Alcune parti del mondo coincidono con i quattro continenti; si tratta dellAmerica, dellOceania e dellAntartide.

In questo modello esistono due diversi criteri di denominazione:

  • America, Eurafrasia, Oceania, Antartide;
  • Continente Antico, Continente Nuovo, Continente Nuovissimo, Continente Antartico, nomi che indicano la progressiva scoperta dei continenti da parte degli europei, nel corso dei secoli: Cristoforo Colombo raggiunse il Continente Nuovo nel 1492, mentre Willem Janszoon giunse nel Continente Nuovissimo nel 1606. Gli aggettivi "antico", "nuovo" e "nuovissimo" si adattano anche al progressivo popolamento del pianeta da parte delluomo, secondo le teorie più diffuse: il Continente Antico è quello in cui ebbe origine la specie umana circa 200.000 anni fa e il cui popolamento fu completato circa 10.000 anni fa, il Continente Nuovo è quello che fu popolato tra 10.000 e 20.000 anni fa, il Continente Nuovissimo è quello che fu raggiunto circa 50.000 anni fa, ma il cui popolamento fu completato in linea di massima tra 3.000 e 1200 anni fa con la colonizzazione della Polinesia, il Continente Antartico, raggiunto nel XIX secolo, non è stabilmente popolato.


                                     

3.1. Risposte diverse agli stessi problemi Europa e Asia oppure Eurasia?

Mentre listmo di Suez è sufficiente a distinguere lAsia dallAfrica e lIstmo di Panama separa bene il Nordamerica dal Sudamerica, non cè un elemento geografico di pari evidenza che possa distinguere lEuropa dallAsia. Si può quindi parlare di Eurasia, sia come unione dei due continenti e dunque come supercontinente, sia come un continente vero e proprio, come si usa nella letteratura geografica russa.

Ciononostante le due parti del mondo sono considerate come due entità distinte sin dai tempi di Omero. Nella distinzione tra Europa e Asia occorre quindi necessariamente considerare anche i criteri storici, poiché nessuna caratteristica geografica può da sola esser sufficiente a tal scopo

Il problema è stato quindi quello di individuare un confine convenzionale tra i due continenti, dato che Europa e Asia sfumano luna nellaltra sia culturalmente sia fisicamente.

Già in epoca classica lunico confine certo era la linea tra lEllesponto Dardanelli, la Propontide mar di Marmara e il Bosforo.

A settentrione del Mar Nero, invece, si trovano pianure, bassopiani o basse catene montuose, estesi dalla Francia fino alla Mongolia, terre di nomadi fino a epoche recenti; ciò rende difficili i tentativi di delimitazione. Il confine tra Europa e Asia è comunque universalmente indicato allinterno del territorio russo. Infatti la Russia è una nazione transcontinentale il cui territorio si estende parte in Europa e parte in Asia, inoltre la sua storia è stata per molti secoli incentrata sui rapporti con le monarchie europee.

La convenzione più seguita identifica il confine tra Europa e Asia con la linea che passa sullo spartiacque dei Monti Urali, prosegue lungo il corso del fiume Ural e infine attraversa la pianura russa seguendo la Depressione del Kuma-Manyč, che si estende tra la foce del Volga a quella del Don, lungo il corso dei due fiumi Manyč e del fiume Kuma.

Europa e Asia si contrappongono anche su basi culturali: Occidente e Oriente hanno dato origine a scienze e filosofie diverse tra loro, in continuo scontro e confronto. In numerosi miti viene raccontata la contrapposizione tra occidente e oriente, come nel mito di Europa, la principessa fenicia rapita da Zeus.



                                     

3.2. Risposte diverse agli stessi problemi LAmerica oppure le Americhe?

Come già detto nel paragrafo dedicato ai vari modelli di suddivisione in continenti, a volte si considera tutto il territorio americano un unico continente, altre volte si considera invece tale territorio diviso in due continenti, lAmerica del nord o America settentrionale che comprende anche lAmerica centrale e lAmerica del sud o America meridionale, separati dallistmo di Panama.

Geograficamente parlando, un continente è separato dagli altri per mezzo di oceani, e non di istmi. Quello di Panama è sì tagliato dal canale artificiale omonimo, ma dal punto di vista naturale le due masse di terra a nord e a sud di esso sono unite.

Dal punto di vista culturale listmo di Panama non separa i paesi di cultura latino-americana da quelli di cultura anglosassone. LAmerica centrale, pur essendo compresa nellAmerica settentrionale in quanto situata a nord dellistmo, ha, per lo più, una cultura risultante dalla fusione tra le civiltà precolombiane e quella spagnola e ciò lavvicina ai paesi dellAmerica meridionale: non per niente il concetto di America latina include America centrale, meridionale e Canada francofono mentre, come contraltare, il concetto di America del nord può essere ridotto a Stati Uniti, Canada anglofono e Groenlandia.

Dal punto di vista ecologico, listmo di Panama ha però un suo ruolo nellevoluzione di alcune specie animali e vegetali e, quindi, relativamente allaspetto florofaunistico delle due Americhe. Per esempio, per quanto riguarda luomo, parlando di popolazioni autoctone, si può notare come in America del sud lunico gruppo sanguigno diffuso sia lo 0, mentre in America del nord lo stesso sia semplicemente il più diffuso più del 90% nelle popolazioni indigene. Listmo in quanto tale, cioè, condiziona la deriva genetica, apportando differenze ecologiche sensibili, similarmente a quanto osservato in altre realtà vedi la linea di Wallace nel determinare i confini tra Asia e Oceania.

In conclusione, visto che listmo di Panama non è un confine né geografico né culturale, in Italia, in Europa occidentale e nella stessa America latina si preferisce considerare tutto il territorio americano come un unico continente, usando il nome al singolare: America. Secondo questo criterio, le espressioni "America del nord", "America del sud", "America centrale" e "America latina" hanno lo stesso valore, ad esempio, di "Europa occidentale" o "Asia meridionale", ossia di suddivisioni interne a un continente unico, utilizzabili a seconda dei casi, e i cui confini non sono categoricamente definiti.

Nel Regno Unito e nei paesi di cultura anglosassone si preferisce invece parlare di due Americhe, dato che il concetto di America latina non considera la presenza, nel territorio così denominato, di alcuni paesi di cultura non latina; essi sono il Belize, le isole delle Antille di lingua inglese od olandese le Guyane.

                                     

3.3. Risposte diverse agli stessi problemi Confine tra Asia ed Oceania?

Anche lOceania pone dei problemi, riguardo alla definizione classica di continente.

Per "Oceania" si intende linsieme delle terre emerse del Pacifico, tra le quali lAustralia è la più grande. Al contrario di ciò che accade negli altri continenti, ciò che unisce queste terre è il mare, e il termine "Oceania" è quindi esplicativo di tale peculiarità.

Questa unione continentale non è solo ideale, concettuale, ma si basa anche su fondamenta geomorfologiche: loceano Pacifico, infatti, è per gran parte ununica placca tettonica; da questo punto di vista, però, lAustralia non è unita allOceania, giacendo su una sua propria placca.

Il confine tra Asia e Oceania può seguire due linee convenzionali: la linea di Wallace-Weber, oppure la linea di Lydekker, molto usata perché corre lungo il margine della piattaforma continentale australiana ed anche perché legata a parametri antropici.

                                     

3.4. Risposte diverse agli stessi problemi LAntartideː continente uniforme?

LAntartide è un emblema dei diversi criteri che sono alla base della definizione di continente. Pur essendo ottimamente definito nei suoi confini grazie ai tre oceani che lo circondano e pur essendo lunico continente che viene sempre considerato a sé stante, lAntartide, a causa della sua apparente uniformità, non sembrerebbe un continente, se si considera letimologia della parola, ossia terra che tiene insieme tante cose diverse – climi, ecosistemi, popoli, culture.

In realtà luniformità dellAntartide è solo apparente, effetto della grande diversità ambientale e climatica rispetto agli altri continenti; in realtà anche in questa parte del mondo si possono distinguere vari tipi di clima, di morfologia e di ambienti naturali, significativamente diversi tra loro, ma che appaiono simili perché tutti caratterizzati da un clima notevolmente freddo.

                                     

3.5. Risposte diverse agli stessi problemi Zealandiaː il settimo continente?

Sono stati pubblicati alcuni articoli in riviste geografiche in cui si parla della Zealandia, variamente descritta come un "frammento continentale", un microcontinente, un continente sommerso o addirittura come un continente vero e proprio.

La Zealandia è costituita da 4.9 milioni di chilometri quadrati di crosta continentale, ma dato il 94% si trova sottacqua, essa non corrisponde alla comune definizione di "continente", inteso come massa di terra emersa, e non sommersa. Infatti, solo la Nuova Zelanda e la Nuova Caledonia sono le terre della Zealandia che si trovano sopra la superficie delloceano. La Zealandia affondò dopo la rottura con lAustralia 60-85 milioni di anni fa, essendosi separata dallAntartide tra 85 e 130 milioni di anni fa. Il nome e il concetto di Zealandia furono proposti dal geofisico ed oceanografo statunitense Bruce Luyendyk nel 1995.

Lo status della Zealandia come continente non è universalmente accettato, ma il geologo neozelandese Nick Mortimer ha commentato che "se non fosse per loceano" esso sarebbe stato riconosciuto come tale tempo fa; loceano che lo ricopre, però, esiste.



                                     

4. Confronto tra popolazione e superficie dei continenti

La seguente tabella e limmagine a fianco riportano larea e la popolazione dei sei continenti, secondo il criterio più seguito in Italia, Europa occidentale ed America Latina.

La seguente tabella riporta invece larea dei continenti utilizzati nelle diverse convenzioni.

Le dimensioni sono importanti anche nel definire il subcontinente lo stato-continente, ma non sono sufficienti:

  • lAustralia è a buon diritto uno Stato-continente, occupando tutta la parte continentale del continente Oceania.
  • la Federazione Russa è considerata uno "stato-continente" per le sue dimensioni, per la sua omogeneità storica e culturale, per il suo essere transcontinentale.
  • la regione geografica indiana è detta "subcontinente indiano" per le sue dimensioni, per la sua omogeneità storica e culturale, per la sua forma peninsulare e per il fatto di essere divisa dal resto dellAsia da unalta catena montuosa;

Stati molto estesi come gli Stati Uniti dAmerica, il Canada, la Cina e il Brasile non sono definiti "stato-continente", in quanto non occupano tutta la superficie del continente rispettivo.

                                     

5. Storia dei continenti

La formulazione della teoria della deriva dei continenti 1915, le successive conferme empiriche, hanno portato i paleogeografi a supporre che la forma e il numero dei continenti siano variati ripetutamente nel corso della storia antica della Terra. Si ritiene che i continenti moderni siano frammenti dellunico supercontinente di Pangea circa 300 milioni di anni fa e che questo a sua volta si sia formato dallunione dei frammenti di altri supercontinenti precedenti.