Indietro

ⓘ Lingua greca bizantina




Lingua greca bizantina
                                     

ⓘ Lingua greca bizantina

Il greco bizantino o medievale è la variante di lingua greca diffusasi nel corso del Medioevo nellImpero bizantino ed in seguito in altri paesi come oggetto di studio. Fino ad età giustinianea ricevette influenze dal latino, allepoca lingua ufficiale dellImpero romano dOriente, e, successivamente, anche dagli idiomi slavi e neolatini.

                                     

1. Storia

Il greco bizantino si iniziò a delineare ben prima della nascita di Costantinopoli, con la formazione della cosiddetta κοινή koinè per il greco antico, kinì per quello moderno che presentava numerose semplificazioni rispetto agli idiomi parlati nellantica Grecia delle polis. La pronuncia dei bizantini corrispondeva già in larga misura a quella moderna.

La semplificazione più eclatante presente in greco bizantino è la mutazione della pronuncia con la prevalenza assoluta del suono "i". Questultimo, sin dalla tarda età ellenistica, poteva infatti essere reso dai dittonghi ει ed οι questultimo solo a partire dal X secolo e dalle vocali η, ι ed υ. Inoltre, il dittongo αι veniva letto "e".

Lumanista che raccolse la pronuncia bizantina fu il tedesco Johannes Reuchlin. I greci oggi pronunciano il greco antico esattamente come il greco moderno. La pronuncia più antica restituta o erasmiana, riscoperta grazie agli studi dello studioso olandese Erasmo da Rotterdam, è tuttora di gran lunga la più seguita fuori dalla Grecia. Ciononostante, le parole greche rimaste nella liturgia cattolica per esempio linvocazione Kyrie eleison, Κύριε ἐλέησον vengono pronunciate Kirie elèison seguendo la fonetica del greco bizantino, laddove seguendo la pronuncia erasmiana dovrebbero essere pronunciate Kürie eléēson.

Anche gli spiriti e i vari tipi di accento non si sentivano più nella pronuncia bizantina da un processo iniziato nella koinè e nel greco moderno sono stati finalmente eliminati soltanto nel 1982, con lintroduzione del sistema monotonico: nel greco moderno laccento è solo quello acuto e si segna solo sui polisillabi.