Indietro

ⓘ Policy inquiry




Policy inquiry
                                     

ⓘ Policy inquiry

La policy inquiry è una delle metodologie di indagine proprie della più generica analisi delle politiche pubbliche. Tale strumento metodologico nasce in reazione agli affondi subiti dallapproccio razionale di analisi.

Il termine inquiry riceve dignità scientifica dopo che Dewey gli attribuisce un significato ben più ampio di quello della comune" investigazione”, attribuendo a questo concetto una duplice tensione: conoscenza del mondo / propensione a modificarlo.

La policy inquiry deve riflettere tutta la complessità e la confusione del mondo politico. Caratteristica della policy inquiry è il disincanto per cui appare fuorviante ricercare una procedura standard per tutte le analisi come lARP pure si propone, in quanto volendo pervenire a una rappresentazione realistica di quello che succede bisogna tenere conto dei diversi attori, anche quelli che tradizionalmente non sono presi in considerazione come gli utenti finali o i cittadini. Quindi obiettivo primario dellanalista che sfrutti questo approccio, non è più capire come fare una politica pubblica, ma come fare a capirla.

                                     

1. Laffermazione del metodo

Le origini di questa metodologia risalgono già ai tempi della stesura della costituzione USA, in cui Hamilton e Madison incorporarono già il concetto di "equilibrio" basato su pesi e contrappesi sia a livello di divisione dei poteri che nel senso federale.

Il concetto portante che in questo modo veniva a presentarsi nella cultura americana è il fatto di non ritenere ottimale tanto la convergenza delle opinioni quanto lampiezza del loro confronto, contesto fondamentale a tenere viva e proficua una democrazia. Le stesse think tank non si basano solo sul pragmatismo, ma anche sulla fiducia nella dissonanza delle idee e limportanza del mercato come medium per la circolazione delle conoscenze.

In seguito allaffermarsi della policy inquiry nasce una nuova scienza dellamministrazione resa evidente dalla crescita delle agenzie regolative che hanno ormai cambiato profondamente le modalità di gestione del settore pubblico per cui si afferma lidea dellimpossibilità, in una democrazia, di analizzare la pubblica amministrazione come una mera macchina, separata dalla politica politics.

Una delle novità introdotte con questa impostazione è la rivalutazione degli interessi organizzati per cui si ritiene che anche i destinatari delle politiche pubbliche Policy takers possano avere attrezzi e risorse sufficienti per ribaltare scelte già adottate dalle amministrazioni rappresentative senza peraltro uscire dalla legalità.

Gli anni 1960 sono segnati da un radicale disincanto in seguito alle grandi delusioni lasciate dalla eccessiva forbice riscontrata tra le promesse le realizzazioni delloperato degli scienziati sociali tanto da favorire il ripensamento in termini nuovi dei problemi legati allimplementazione.

Tale situazione fu da premessa per la tendenza neoliberista degli anni 1980 che trovò negli USA e in GB vasto consenso e applicazione attraverso vasti processi di privatizzazione. La nuova impostazione segue lo schema bottom-up assegnando alle comunità locali e agli ultimi anelli istituzionali un ruolo fondamentale per la concreta risoluzione dei problemi in una chiave dunque apertamente anti-manageriale. Concretamente, il verificati di nuovi sprechi e nuovi problemi legati proprio alle nuove agenzie di controllo sorte precedentemente, si è ritenuto che realisticamente solo chi è a diretto contatto con i problemi è qualificato a risolverli.

Lidea di governo digitale prende spunto proprio da questa visione, per cui le nuove tecnologie permetterebbero di coprire il problema della realizzazione di un circuito bottom-up, facendo della rete internet il medium fondamentale per risolvere i problemi di policy.

                                     

2. Risorse teoriche e metodologiche

La conoscenza a differenza della mera raccolta di dati e di informazioni ha implicita una tensione a ridurre la forbice tra le cose come sono e come invece vorremmo che fossero. Fare le politiche pubbliche appartiene appunto a questo tipo di attività. Ma affinché si tratti di una conoscenza capace di aiutare il policy making bisogna riscontrare due caratteristiche principali: 1 capire i contesti culturali, politici e sociali che modellano i significati delle idee che circolano in una società; 2 deve essere orientata allazione e alla trasformazione del presente per evitare di cadere nel condizionamento dallo status quo.

Vi sono diversi rischi nel procedere in questa direzione, i più visibili sono:

  • Il paradigma razionale deve essere ridimensionato Rispetto allARP perché è impossibile raccogliere" razionalmente” tutte le informazioni rilevanti di una politica, del resto se così non fosse renderebbe sovrumano questo tipo di studi; La razionalità deve infatti accettarsi come" limitata”," antisinottica”;
  • Il costruttivismo sociale evidenzia che le idee che ci facciamo delle situazioni non sono semplici e meccaniche riproduzioni della realtà, ma piuttosto sono il risultato di un processo di astrazione e ricombinazione con unimpronta marcatamente sociale. La policy inquiry ben svolta dovrà infatti curare non solo la soluzione del problema pubblico, ma anche una certa interpretazione delle norme e dei valori della società in cui avviene la ricerca. La prospettiva dunque cambia profondamente rispetto al precedente metodo di analisi ARP, dato che lesperienza umana non è più vista come la capacità di raggiungere degli obiettivi, ma come la capacità di rendere conto, di interpretare le scelte passate.

Unaltra traccia che esprime la distanza della PI dagli altri approcci è dovuta alla teoria dei policy frames, dove per frames si intendono le strutture cognitive cui facciamo ricorso per ricondurre lignoto al noto. Lidea è insomma che lintelaiatura con cui organizziamo le informazioni meriti grande attenzione.

Il federalismo è una componente fondamentale di questa visione, insieme alla valorizzazione di tutte le forme di coordinamento dal basso al contrario dellARP che al massimo può giungere a concepire il decentramento. È infatti lordine posto dallalto più che il caos ad essere guardato con sospetto secondo gli analisti di questo approccio.

Anche il concetto di pubblico viene definito in termini peculiari, per cui non è contrapposto al privato, ma si tratta di due fondamentali forme di coordinamento: la prima strutturata e la seconda spontanea. Le amministrazioni infatti possono consentire ai cittadini di plasmare il mercato secondo le proprie esigenze e i propri valori.

A differenza dellARP, la policy inquiry non guarda ai processi di formazione delle politiche come un susseguirsi di fasi temporali, piuttosto evidenzia che una politica pubblica trova una direzione solo attraverso una serie indeterminata di passaggi tra un numero indefinito di attori di cui nessuno è probabilmente decisivo, mentre molti possono contribuire a sospingerla da una parte o dallaltra. Si ha infatti una idea circolare del processo, per cui ogni punto può essere visto come la chiusura di un percorso e linizio di un altro.

Vi è anche una certa interpretazione della teoria del" garbage can” secondo cui problemi, decisioni e attori si ammassano nel tempo e talvolta, a certe condizioni, producono una politica pubblica.

                                     

3. Coordinate per la ricerca

La policy inquiry mantiene il suo autonomo percorso rispetto ai paradigmi della razionalità economica, limitata e del costruttivismo sociale grazie al suo netto orientamento alla pratica, tanto da fare orgogliosamente suo il pregiudizio a favore dellazione e della sperimentazione.

Inoltre questo schema analitico non si prefigge di giungere alla verità assoluta, ma consapevole dei suoi limiti, mantiene unimpostazione dinamica che mira a politiche reversibili non appena è possibile fare un ulteriore passo in avanti.

Lapprendimento è il fondamentale passaggio di questo tipo di analisi, perché lapplicazione di politiche imperfette produce un utile bagaglio di informazioni per migliorare la stessa politica, mentre la valutazione ex ante, senza applicazione eliminerebbe questa risorsa.

                                     
  • forward policy 1908 - 14, in Women s History Review, vol. 11, nº 3, 2002, p. 431 - 454. EN Caroline E. Stephen, The Service of the Poor: Being an Inquiry into
  • Foreign Policy Political Science Quarterly, vol. 115, n. 2 estate 2000 174 - 199, p. 184. Bruce Mazlish. Toward a Psychohistorical Inquiry The Real
  • Hillary Clinton. Rachael Bade e Mike DeBonis, Pelosi announces impeachment inquiry says Trump s courting of foreign political help is a betrayal of national
  • Frontier, Northern Homeland: the Report of the Mackenzie Valley Pipeline Inquiry PDF Supply and Services Canada, 1977, ISBN 0 - 660 - 00775 - 4. Carlson, Keith
  • e D. A. Reed, Cults in France Report Made in the Name of the Board of Inquiry into Cults, cftf.com, 22 dicembre 1955. URL consultato il 24 marzo 2014
  • sociologia, Milano, F. Angeli, 1973. May man prevail? An inquiry into the facts and fictions of foreing policy New York, A Doubleday Anchor Book, 1961. Può l uomo
  • la rivista Evolutionary Psychology, ed è un consulente del Centre for Inquiry Canada. Una linea di ricerca che Saad sta esplorando è il modo in cui gli
  • 1993 The Biographer s Moustache 1995 My Enemy s Enemy 1955 Court of Inquiry 1956 The 2003 Claret 1958 Moral Fibre 1958 Hemingway in Space 1960

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...