Indietro

ⓘ Astrattisti comaschi




                                     

ⓘ Astrattisti comaschi

Gli astrattisti comaschi furono un gruppo artistico italiano, nato nei primi anni trenta del XX secolo attorno alle figure dei pittori Manlio Rho e Mario Radice e che incluse artisti come Aldo Galli, Carla Badiali, Carla Prina.

Influenzati dalla lezione degli architetti Antonio SantElia e Giuseppe Terragni nonché dalla visione delle prime mostre italiane di Kandinsky e dai testi della Bauhaus, il gruppo rappresentò la più omogenea trasposizione in Italia delle avanguardie astratte che erano fiorite in quegli anni in Europa a partire dal Suprematismo russo fino al movimento De Stijl. Ancora un architetto, Alberto Sartoris fu il primo a sostenere criticamente il gruppo, che ormai è unanimemente considerato come uno dei movimenti fondamentali dellavventura artistica del Novecento italiano. Fra i seguaci del movimento possiamo annoverare Alberto Cavalieri.

                                     
  • dall architetto razionalista Cesare Cattaneo e dal pittore astrattista Mario Radice, entrambi comaschi in occasione della VI Triennale di Milano: fu esposta
  • realizzata da Mario Radice. Per traslazione i pittori del gruppo degli astrattisti comaschi Mario Radice, Manlio Rho, Aldo Galli sono anche detti razionalisti
  • VI Triennale di Milano. Mantenne stretti contatti con il gruppo degli astrattisti in particolare con Mario Radice. Realizzò una Casa d affitto a Cernobbio
  • però: il gruppo più pericoloso della cultura in movimento: i pittori astrattisti e neorealisti, poeti e scrittori accesi da fuochi sinuosi e ironici
  • corte interna affrescata. Per traslazione i pittori del gruppo degli Astrattisti comaschi Mario Radice, Manlio Rho, Aldo Galli sono anche detti Razionalisti
  • sette firmatari di tale manifesto. Nel 1933 fonda insieme ai compagni astrattisti la rivista Quadrante che verrà poi diretta da Pier Maria Bardi e Massimo

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...