Indietro

ⓘ Riserva naturale integrale Tsingy di Bemaraha




Riserva naturale integrale Tsingy di Bemaraha
                                     

ⓘ Riserva naturale integrale Tsingy di Bemaraha

La Riserva naturale integrale Tsingy di Bemaraha è una riserva naturale situata vicino alla costa occidentale del Madagascar.

A causa della geografia unica, delle ben conservate foreste di mangrovia, degli uccelli selvatici e della popolazione di lemuri, venne aggiunto ai patrimoni dellumanità dellUNESCO nel 1990. In seguito, nel 1997, la parte meridionale dellarea protetta 666 km² è diventata ufficialmente il Parco nazionale Tsingy di Bemaraha.

                                     

1. Territorio

Lattuale riserva naturale integrale copre una superficie di 853 km², caratterizzata dalla presenza degli tsingy, caratteristiche formazioni rocciose calcaree di origine carsica, dallaspetto a guglia, tra le quali scorre il fiume Manambolo.

                                     

2. Flora

Nella riserva sono state censite 430 diverse specie botaniche, 85% delle quali endemiche. La vegetazione dominante è rappresentata dalla foresta decidua secca, con prevalenza di Dalbergia spp., Commiphora spp. e Hildegardia spp., a cui si alternano piccole "isole" di foresta umida. Alcune specie sono esclusive di questarea come per esempio lebano del Madagascar Diospyros perrieri, lalbero di fuoco Delonix regia e il banano selvatico Ensete perrieri. Sono presenti anche il baobab Adansonia digitata e diverse xerofite come Aloe spp., Euphorbia spp. tra cui lendemica E. bemarahaensis, Kalanchoe spp. e Pachypodium spp. È segnalato anche un discreto contingente di Orchidaceae. In alcuni corsi dacqua cresce infine la pianta acquatica Aponogeton madagascariensis.

                                     

3. Fauna

Tra i mammiferi presenti nella riserva vi sono 11 specie di lemuri, alcuni facilmente osservabili come il sifaka di Decken Propithecus deckenii e il lemure dalla fronte rossa Eulemur rufus; altri più elusivi, per le loro abitudini notturne, come il lepilemure di Milne-Edwards Lepilemur edwardsi, il valuvi pallido Phaner pallescens, lapalemure occidentale Hapalemur occidentalis, il licanoto occidentale Avahi occidentalis, lavahi di Bemaraha Avahi cleesei, il microcebo murino Microcebus murinus, il microcebo di Coquerel Mirza coquereli e il cheirogaleo medio Cheirogaleus medius. Altre specie di cui è segnalata la presenza sono il fossa Cryptoprocta ferox, la mangusta dalla coda ad anelli Galidia elegans, il ratto degli tsingy Eliurus antsingy e il ratto di foresta rosso Nesomys rufus. Numerose le colonie di pipistrelli che trovano riparo nelle grotte della riserva; tra le specie censite vi sono Rousettus madagascariensis, Eidolon dupreanum, Taphozous mauritianus, Triaenops menamena, Triaenops furculus, Miniopterus gleni, Miniopterus manavi, Myotis goudoti, Otomops madagascariensis, Scotophilus tandrefana e Hipposideros commersoni.

Molto ricco il contingente dellavifauna che annovera numerosi endemismi tra cui laquila pescatrice del Madagascar Haliaeetus vociferoides, lastore di Henst Accipiter henstii, lo sparviero del Madagascar Accipiter madagascariensis, lassiolo del Madagascar Otus rutilus, lalzavola di Bernier Anas bernieri, il rallo di bosco del Madagascar Canirallus kioloides, lalbanella del Madagascar Circus macrosceles, il tuffetto del Madagascar Tachybaptus pelzelnii, lairone di Humblot Ardea humbloti, la sgarza del Madagascar Ardeola idae, libis crestato di foresta Lophotibis cristata, il cua di Coquerel Coua coquereli, il cua gigante Coua gigas e il cua capirosso Coua ruficeps.

Un spedizione scientifica del 2006 ha registrato 19 specie di anfibi e 60 specie di rettili. Tra i primi vanno menzionate alcune specie il cui areale è esclusivo della riserva quali Plethodontohyla fonetana, Boophis tampoka e Gephyromantis atsingy. Tra i rettili meritano una menzione il camaleonte Brookesia perarmata, un endemismo il cui areale è ristretto al territorio della riserva e del limitrofo parco nazionale, e il geco Phelsuma borai.



                                     

4. Accessi

Il parco può essere visitato facendo base a Bekopaka, un comune rurale collegato a Belo sur Tsiribihina e Morondava attraverso la strada nazionale RN 8.