Indietro

ⓘ Paolo Tabanelli




Paolo Tabanelli
                                     

ⓘ Paolo Tabanelli

Allenatore dotato di carattere introverso e grande conoscitore di calcio, comincia ad allenare nelle categorie inferiori, sedendosi sulle panchine di Baracca Lugo, Vita Nova e Parma, tutte in Serie C.

Il salto di qualità avviene con il passaggio alla Sampdoria, in Serie A, società che allena per tre stagioni, dal 1953-1954 al 1955-1956, affiancato dallottava giornata dellanno calcistico 1954-1955 da Lajos Czeizler, con risultati soddisfacenti per la piazza doriana 8º posto nel 1954, 9º nel 1955 e 6º nel 1956.

Nel massimo campionato allena anche SPAL e Bari, per poi passare allAtalanta, con la quale vince la Coppa Italia nella stagione 1962-1963.

Negli anni successivi si alterna sulle panchine di Bari, Atalanta e Genoa, per concludere la carriera nellUdinese, in Serie C.

Tornato alla Sampdoria come osservatore, nella stagione 1972-1973 viene coinvolto nel cosiddetto giallo di Alzano, per aver offerto un premio a vincere a dei giocatori atalantini, impegnati nellultima giornata contro il Lanerossi Vicenza, concorrente dei blucerchiati nella lotta per la salvezza, fatto che costa alla Sampdoria una penalizzazione di tre punti da scontare nella stagione successiva e allo stesso Tabanelli tre anni di squalifica.

È tuttora lunico tecnico ad aver vinto il Derby della Lanterna sia sulla panchina della Sampdoria che su quella del Genoa.