Indietro

ⓘ Porte di Ferro (Algeria)




Porte di Ferro (Algeria)
                                     

ⓘ Porte di Ferro (Algeria)

Porte di Ferro è una stretta gola allinterno del massiccio dei Biban nel nord dellAlgeria, sul lato orientale della Cabilia, che costituisce un passaggio obbligato nel percorso tra Algeri e Costantina. La gola è caratterizzata da due restringimenti detti in cabilo taggurt tamezzyant e taggurt tameqqrant, e in arabo Biban. Il termine "di ferro" ricorda, probabilmente, la presenza, in zona, di miniere di ferro già sfruttate dai Romani.

La tribù berbera degli At Sidi Braham, che abita la regione, esigeva un pedaggio per il passaggio delle Porte di Ferro, imponendolo anche alle forze del Bey di Algeri quando dovevano passare da Costantina ad Algeri o viceversa.

Una spedizione francese comandata dal duca dOrléans nel 1839, attraversò le Porte di Ferro, suscitando la reazione dellemiro Abd el-Kader, che considerò la spedizione una violazione del trattato della Tafna del 1837 e riprese quindi la guerra contro i francesi.

La regione ha dato i natali ad un poeta berbero, Qasi Udifella 1898-1950, marabutto e membro del partito ulemista, autore di numerose poesie di tipo eminentemente religioso.

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...