Indietro

ⓘ Introversione ed estroversione




                                     

ⓘ Introversione ed estroversione

Il tratto di introversione-estroversione è una dimensione centrale della personalità umana. Gli estroversi tendono ad essere socievoli e assertivi mentre gli introversi tendono ad essere più riservati, riflessivi e meno socievoli. Questi ultimi non sono necessariamente solitari, ma tendono comunque ad avere circoli di amici di dimensioni piuttosto ristrette e hanno meno probabilità di riuscire ad avere relazioni sociali con nuove persone. Essi in genere non hanno bisogno di cercare negli altri lemozione perché di per sé sono propensi a fantasticare e riflettere.

                                     

1. Ambiversione

Sebbene molte persone considerino lintroversione o lestroversione come esclusive, la maggior parte delle teorie sui tratti contemporanee tiene conto dei livelli di introversione e di estroversione come parte di una singolo continuum, allinterno del quale alcune persone si collocano vicino a unestremità e altri vicino al centro. Lambiversione si trova nel mezzo. Un ambiverso è moderatamente a proprio agio con i gruppi le interazioni sociali, ma assapora anche il tempo da solo, lontano dalla folla. In parole più semplici, un ambiverso è una persona il cui comportamento cambia in base alla situazione in cui si trova. Di fronte allautorità o in presenza di estranei, la persona può essere introversa. Tuttavia, in presenza di familiari o amici intimi, la persona può essere altamente energica o estroversa. Il concetto di ambiversione è oggi compreso - oltre che nel modo sopracitato - anche come la combinazione di tratti estroversi ed introversi nella personalità di un essere umano, dunque tutti gli esseri umani secondo tale accezione del termine sono ambiversi, possedendo ogni persona sia tratti estroversi che tratti introversi. Il concetto di ambiversione, più verosimile e meno astratto di unipotetica personalità totalmente estroversa o totalmente introversa, neutralizza la polarizzazione che si viene a creare quando si vogliono creare due "gruppi" umani teorici, cioè quello degli estroversi e quello degli introversi, e classificare le persone come appartenenti in esclusiva ad uno di essi.

I termini introversione ed estroversione furono diffusi per la prima volta da Carl Gustav Jung. Praticamente tutti i tipi di personalità comprendono questi due concetti.

                                     

2. Tipi psicologici di Jung

Fu Carl Gustav Jung a creare i caratteri tipologici dellintroverso e dellestroverso, nella sua famosa opera Tipi psicologici Psychologische Typen, anno di pubblicazione 1921, incrociandoli con quelle che definiva come funzioni: sensazione, sentimento, intuizione, intelletto, da cui discendevano altrettanti tipi: sensoriale, sentimentale, intuitivo, logico-razionale. La sua fu la prima classificazione empirico-scientifica dei tipi psicologici. Egli prende lo spunto dalla concezione di Sigmund Freud di una libido intesa come forza motivazionale primaria e distingue una libido diretta verso loggetto, il mondo esterno, e una libido diretta verso il soggetto, quindi il mondo interno, linteriorità. Da questa prima distinzione nasce la concezione degli atteggiamenti estroverso e introverso, come variamente dosati allinterno della soggettività, e modulati a loro volta dalle altre quattro funzioni psicologiche.

Due, secondo Jung, sono i fondamentali principi che sono alla base del comportamento umano, due i sistemi che ne creano le motivazioni. La difficoltà nellindividuazione di una tipologia o di unaltra è dovuto da una parte dalla casualità ambientale e temporale e dalla volontà individuale. Introversione o estroversione classificano un modo di pensare e di conseguenza di reagire allambiente esterno, in base ad una tipologica visione del mondo esterno stesso. La differenza fondamentale delle due tipologie è lattenzione particolare che una pone verso il soggetto e laltra verso loggetto, una verso laperto, laltra verso il chiuso: chi è attirato dallaperto o dalloggetto viene definito come estroverso, chi dal chiuso o dal soggetto viene definito introverso.

                                     

3. Introversione ed estroversione nei bambini

Se guardiamo ad esempio dei bambini, i meno corrotti dalla volontà individuale e dalla realtà ambientale, si possono notare le differenze in alcuni comportamenti tipici delle due tipologie. Il bambino introverso si porrà con attenzione, rispetto e profonda empatia nei confronti dei soggetti, i genitori, che per lui sono i grandi, gli importanti, gli incomprensibili, imprevedibili, ovvero laperto, e una sorta di sfida invece verso gli oggetti, un comportamento di curiosità iniziale ma anche di rapida noia. Per il bambino introverso qualsiasi comportamento delladulto nei suoi confronti è visto come giustificabile, il grande ha il potere di fare ciò che vuole, in poche parole parte con un atteggiamento di fiducia verso i soggetti e di sfiducia verso gli oggetti. Il bambino estroverso manifesterà attenzione agli oggetti e anche una forte affettività agli stessi, ma anche molta empatia verso gli esseri umani, che in taluni casi - dato il carattere indipendente - può indurre una sfida verso gli adulti di cui controllerà e verificherà i comportamenti.

Il bambino estroverso parte quindi con un atteggiamento di sfiducia verso i soggetti e di fiducia verso gli oggetti. Con lo sviluppo, nelletà adolescenziale, questi comportamenti tendono a sconvolgersi allinterno del gruppo familiare. Lestroverso tenderà a vedere il soggetto nemico al di fuori della famiglia, lintroverso comincerà a sottovalutare e persino ad odiare i soggetti familiari in quanto si accorge di averli sopravvalutati e rivolge la sua attenzione alla ricerca di soggetti allesterno del nucleo familiare. Se con il bambino estroverso il genitore dovrà preoccuparsi di essere giusto, con il bambino introverso dovrà essere sincero, non dovrà mostrarsi più di quello che è.



                                     
  • attraverso l Oceano Indiano per collidere con l Asia. In un modello di estroversione la chiusura dell Oceano Pacifico sarebbe completa entro circa 350 milioni
  • veniva presentato come estroverso, quasi tutte le domande presumevano estroversione tipo cosa faresti per ravvivare una festa noiosa? Queste domande davano
  • quello indagato da Hans Eysenck, sviluppato su tre dimensioni: estroversione - introversione stabilità - nevroticità e psicoticismo. Raymond Cattell ha proposto
  • viscerotonico viscerotonia si delinea con una tendenza alla socievolezza, estroversione rilassatezza, comunicazione, tolleranza, bassa reattività, sedentarietà
  • chiave per vincere le malattie ed il decadimento organico da ciò l intrecciarsi di tematiche chimiche, spirituali ed astrologiche che furono caratteristiche

Anche gli utenti hanno cercato:

carattere estroverso, introverso o estroverso test, percentuale introversi estroversi, uomo estroverso,

...
...
...