Indietro

ⓘ Chiesa di San Rocco (Marina di Grosseto)




Chiesa di San Rocco (Marina di Grosseto)
                                     

ⓘ Chiesa di San Rocco (Marina di Grosseto)

La chiesa fu edificata nel 1923 ed inizialmente dedicata a Santa Maria della Vittoria. Originariamente si presentava in stile neoromanico, con breve gradinata che conduceva al portale dingresso che si apriva nella parte centrale della facciata, sul cui architrave trovava appoggio un arco a tutto sesto, sopra il quale erano collocati tre stemmi, luno accanto allaltro. Ledificio si presentava a navata unica, con due cuspidi di piccole dimensioni collocate ai lati della parte apicale della facciata; priva di campanile, si caratterizzava per strutture murarie esterne rivestite in laterizio.

La costituzione della parrocchia avvenne tra il 1946 e il 1948, quando fu incaricato lingegner Ernesto Ganelli di progettare la nuova e più ampia chiesa, i cui lavori ebbero termine nel 1954, stesso anno della consacrazione. Il nuovo edificio religioso venne costruito modificando radicalmente quelli che erano gli elementi stilistici che caratterizzavano il luogo di culto originario.

                                     

1. Descrizione

La chiesa si affaccia sullomonima piazza di Marina di Grosseto, dalla quale vi si può accedere dopo aver salito una gradinata in travertino che conduce al portico, delimitato dal pronao, chiuso da un arco tondo situato quasi alla sommità. Dal portico, è possibile accedere allinterno della chiesa da uno dei tre portali che vi si aprono.

Le strutture murarie esterne si presentano rivestite in laterizio e, sui fianchi laterali, si aprono una serie di monofore che consentono lilluminazione naturale dellinterno. Sul lato posteriore destro si eleva il campanile a più ordini, con un vistoso orologio collocato sotto lapertura che delimita la cella campanaria.

Linterno è suddiviso in tre navate, di cui la centrale risulta sia più ampia che elevata rispetto a quelle laterali. Esse sono delimitate da colonne su cui poggiano gli archi a tutto sesto. I mosaici furono realizzati nel 1958 dallartista Luciano Favret, mentre i più recenti affreschi risalenti agli anni settanta sono di Arnaldo Mazzanti.