Indietro

ⓘ Tasso naturale di disoccupazione




                                     

ⓘ Tasso naturale di disoccupazione

Il tasso naturale di disoccupazione è un concetto economico sviluppato particolarmente da Milton Friedman e Edmund Phelps negli anni sessanta. Esso rappresenta lipotetico tasso di disoccupazione coerente con il livello potenziale della produzione aggregata. Questo è il tasso di disoccupazione che leconomia raggiunge in assenza di frizioni temporanee come ad esempio un aggiustamento solo parziale dei prezzi nei mercati dei beni e del lavoro. Il tasso naturale di disoccupazione corrisponde quindi al tasso di disoccupazione che prevarrebbe secondo leconomia classica. Esso è determinato prevalentemente dallofferta aggregata, e quindi dalle possibilità di produzione e dalle istituzioni economiche. Se ciò determina disallineamenti permanenti nel mercato del lavoro, oppure rigidità nei salari reali, allora il tasso naturale di disoccupazione può rappresentare anche una disoccupazione involontaria, dovuto a persone che pur cercando un lavoro non riescono a trovarlo.

Disturbi allequilibrio del sistema economico ad esempio, variazioni cicliche nellottimismo o pessimismo dei soggetti economici fanno sì che la disoccupazione effettiva sia diversa da quella naturale, e sia determinata in parte da fattori di domanda aggregata secondo una visione keynesiana della determinazione del PIL. Limplicazione, dal punto di vista della politica economica, è che il tasso naturale di disoccupazione non può essere ridotto in modo permanente da politiche di controllo della domanda inclusa la politica monetaria, mentre tali politiche possono giocare un ruolo nella stabilizzazione delle variazioni della disoccupazione effettiva. Una riduzione del tasso naturale di disoccupazione, secondo questa teoria, deve essere ottenuta attraverso politiche strutturali dirette al lato dellofferta delleconomia.

                                     

1. Il tasso naturale di disoccupazione e la Curva di Phillips

Lo sviluppo della teoria del tasso naturale di disoccupazione arrivò negli anni sessanta quando gli economisti osservarono che la relazione prevista dalla curva di Phillips tra inflazione e disoccupazione cominciò a venir meno. Fino ad allora, era generalmente accettata lesistenza di una relazione stabilmente negativa tra inflazione e disoccupazione. Ciò implicava che la disoccupazione potesse essere ridotta in modo permanente da politiche espansive della domanda, e quindi da uninflazione più elevata.Milton Friedman e Edmund Phelps criticarono questa idea su una base teorica, notando che se la disoccupazione fosse stata ridotta in modo permanente, qualche variabile economica reale come i salari reali sarebbe dovuta cambiare anchessa in modo permanente. Il fatto che ciò dovesse accadere in conseguenza di uninflazione più elevata, sembrava dovuto ad una sistematica irrazionalità del mercato del lavoro. Come notò Friedman, laumento dei salari prima o poi avrebbe uguagliato laumento dei prezzi dovuto allinflazione, lasciando così i salari reali, e quindi la disoccupazione, invariati. Dunque, una disoccupazione più bassa poteva essere ottenuta fintantoché laumento dei salari e linflazione attesa fossero stati inferiori allinflazione realizzata. Tale risultato non poteva che essere considerato temporaneo. Prima o poi, la disoccupazione sarebbe tornata al tasso determinato da fattori reali indipendenti dal tasso di inflazione. Secondo Friedman e Phelps, la Curva di Phillips era quindi verticale nel lungo periodo, e politiche di domanda espansive avrebbero causato soltanto inflazione, senza abbassare permanentemente la disoccupazione.

Milton Friedman enfatizzò gli errori nelle aspettative come la causa principale della differenza tra disoccupazione effettiva e disoccupazione naturale, mentre Edmund Phelps si concentrò più in dettaglio sulla struttura le frizioni del mercato del lavoro, le quali avrebbero fatto sì che le variazioni nella domanda aggregata si sarebbero tradotte in inflazione e, con aspettative che si adattano lentamente, nel tasso di disoccupazione effettivo. Inoltre, le sue teorie fornirono spunti per capire per quale motivo il tasso naturale di disoccupazione sarebbe stato troppo alto ovvero, per quale motivo la disoccupazione potrebbe essere strutturale o classica.

                                     

2. Critiche

L’esistenza di un tasso naturale di disoccupazione è controversa nella scienza economica, e criticato in particolare dagli studiosi post-keynesiani ed" eterodossi”. Il concetto stesso di" naturale” viene respinto, in quanto si ritiene che in ambito economico non esiste un unico ordine immutabile, ma mutevoli configurazioni che dipendono dagli intenti politici e dalle forze sociali. Secondo Hirschman per es. l’inflazione è l’effetto di un" tiro alla fune”, ossia è la manifestazione di un conflitto distributivo in corso: si genera quando l’occupazione è elevata e quindi i lavoratori hanno potere contrattuale per chiedere e ottenere aumenti dei redditi. A ciò seguirà un aumento dei prezzi, e di conseguenza ulteriori aumenti retributivi, generando inflazione. Ma finché dura il tiro alla fune gli interessi dei lavoratori possono prevalere. Quando invece la disoccupazione è elevata, molti lavoratori non partecipano al gioco, sicché saranno gli imprenditori a vincere la partita, mantenendo bassi i salari.

La disoccupazione infatti, come sosteneva Kalecki, ha un effetto disciplinante sul comportamento dei lavoratori. Secondo questa prospettiva, non esiste un livello di disoccupazione" naturale”, ma può sussistere un livello così elevato da provocare tra i lavoratori una situazione psicologica di scoraggiamento e incertezza, che disincentiva le rivendicazioni salariali; in assenza di aumenti salariali, l’inflazione resta contenuta.

                                     
  • del tasso di disoccupazione che si è ridotto all 11, 3 mentre la disoccupazione giovanile si attesta al 38, 1 Tuttavia, il tasso di disoccupazione se
  • Nepomuceno Colonna con statua della Vergine Maria Popolazione: 543 Tasso di disoccupazione 7.14 E - mail: Scuola: elementare dalla 1a alla 5a classe Kindergarten
  • stagnazione e della disoccupazione allo scarso livello della domanda di beni di consumo. Tra questi Barthélemy de Laffemas, il quale suggeriva di indirizzare
  • prodotti di elevato valore. Settori importanti sono l elettronica, l aerospaziale e la biomedicina. Il motivo del basso tasso di disoccupazione della Baviera
  • Gama approdò in un porto naturale sull Oceano Indiano lungo la costa africana. Chiamò questa costa Natal ed il porto naturale Rio De Natal, che successivamente
  • tasso di occupazione è del 51, 5 poco al disotto del valore medio della Cantabria che è del 52, 5 il tasso di disoccupazione è dell 11, 6 minore di
  • attesta tra il 4 e il 10 Nei paesi poveri non si conosce il vero tasso di disoccupazione ma si ricorre a stime dalle quali traspare quantomeno la differenza
  • governatorato di Tunisi ed è bassissima la percentuale di famiglie che possono accedere a internet 3 contro il 15 a Tunisi Il tasso di disoccupazione è molto
  • caseifici. Il tasso di occupazione sul totale degli abitanti è del 50, 7 mentre quello medio della Cantabria è del 52, 5 e il tasso di disoccupazione è del 10
  • ultimi 10 anni tuttavia, il tasso di disoccupazione è notevolmante salito, causando tra le altre cose un aumento del tasso di suicidî. La sede centrale

Anche gli utenti hanno cercato:

disoccupazione naturale e frizionale, la curva di phillips il tasso naturale di disoccupazione e l inflazione,

...
...
...