Indietro

ⓘ Fratelli missionari di San Francesco d'Assisi




                                     

ⓘ Fratelli missionari di San Francesco dAssisi

I fratelli missionari di San Francesco dAssisi sono un istituto religioso maschile di diritto pontificio: i membri di questa congregazione laicale pospongono al loro nome la sigla C.M.S.F.

                                     

1. Cenni storici

Le origini della congregazione risalgono alla fine del XIX secolo, quando un gruppo di zelatori missionari tedeschi, con il sostegno del vescovo di Lahore, iniziò a interessarsi delle problematiche inerenti allevangelizzazione dellIndia, terra povera di clero. Il vescovo di Nagpur, Jean-Marie Crochet, eresse la fraternità in istituto religioso con decreto del 21 febbraio 1901 e affidò ai missionari di San Francesco il distretto di Nimar, dove i fratelli aprirono un orfanotrofio e una tipografia.

La congregazione di Propaganda Fide concesse il decreto di lode allistituto l8 gennaio 1921; nel 1930 i religiosi celebrarono il loro primo capitolo generale ed elessero superiore della congregazione il missionario tedesco Paulus Moritz 1869-1942, ritenuto il fondatore dei fratelli missionari di San Francesco; la Santa Sede approvò le costituzioni della congregazione il 29 giugno del 1931.

                                     

2. Attività e diffusione

I fratelli missionari di San Francesco dAssisi si dedicano alle opere di propagazione della fede cattolica.

Sono presenti in Asia India, Sri Lanka e in America Paraguay, Bolivia; la sede generalizia è a Mumbai.

Al 31 dicembre 2005 la congregazione contava 92 comunità e 406 religiosi, tutti laici.