Indietro

ⓘ La posta del cuore (programma televisivo 1998)




                                     

ⓘ La posta del cuore (programma televisivo 1998)

La posta del cuore è stato un programma televisivo italiano di genere comico-satirico, realizzato da Sabina Guzzanti e Carlo Freccero, andato in onda negli ultimi tre mesi del 1998 su Rai 2.

                                     

1. Il programma

Protagonista del programma, Sabina Guzzanti nei panni di Valeria Marini, offrì anche altre imitazioni di importanti personalità del mondo politico, come Massimo DAlema, Che Guevara ed Irene Pivetti.

Ospiti fissi erano Corrado Guzzanti, Neri Marcorè, Caterina Guzzanti, Paola Cortellesi, Francesca Reggiani, Francesco Paolantoni, Michele Cucuzza, Cinzia Leone, Pier Francesco Loche, Simona Izzo e Anna Marchesini; proprio in quella trasmissione Anna Marchesini interpretò per la prima volta il celebre personaggio della sessuologa Merope Generosa ispirandosi alla sessuologa Gianna Schelotto. Cinzia Leone interpretò la moglie di Gianfranco Fini, ricevendo non poche critiche, che la costrinsero nelle puntate successive ad abbandonare il personaggio.

Tra gli autori ed ideatori del programma cera anche la show girl Valeria Marini, che, in polemica con la Guzzanti per un improvviso cambio di rotta di questultima, decise di co-condurre soltanto la prima puntata dello spettacolo, trasmessa il 18 ottobre. In seguito la Guzzanti venne affiancata dallattore statunitense Clayton Norcross, ex interprete di Thorne Forrester nella soap opera Beautiful.

                                     

2. I personaggi

  • Valeria Marini: Interpretata da Sabina Guzzanti, in un primo momento doveva essere limmagine riflessa di quella vera che condusse con lei la prima puntata, ma in seguito alla rottura con la Marini, passò ad essere lei la conduttrice del programma.
  • Michele Cucuzza: Lallora telegiornalista del TG2 interpretava sé stesso in improbabili servizi ed edizioni straordinarie del telegiornale dove lavorava in cui parlava della scomparsa di unipotetica fidanzata di nome Cinzia Pandolfi, a volte cadendo anche preda dello sconforto mettendosi a piangere perché lei lo aveva lasciato e suscitando così ilarità generale.
  • Daniela Fini: Interpretata da Cinzia Leone, era la fotocopia della moglie dellallora leader di Alleanza Nazionale Gianfranco Fini. Dal carattere bellicoso, omofobo e razzista, difendeva sempre il marito e aveva pure un tormentone che diceva "Oh, nun me tocca Gianfranco che te un omo così nun lhai mai conosciuto! Senza contare il fatto che, a letto, lui è dichiaratamente un picchio!" e aveva una passione smodata la Lazio. Il personaggio di Daniela Fini però ebbe durata breve a causa delle critiche che vennero da questultima, e in una puntata la Leone interpretò addirittura lo stesso Gianfranco Fini, che però non riscosse molto successo.
  • La Signora Lorena: Interpretata da Francesco Paolantoni, era una casalinga con sette figli a cui aveva dato il nome di alcune delle soap opera in voga in quegli anni, come Sentieri, Santa Barbara o Topazio. La sua particolarità era che alle domande che la Marini-Guzzanti le poneva, lei prima rispondeva in dialetto napoletano, poi cominciava la traduzione in perfetto italiano. Alla terza domanda, iniziava un monologo in napoletano stretto e, quando la Marini diceva di non averla capita, la signora Lorena diceva "Questa non lho capita nemmeno io!".
  • Cleto: Interpretato da Clayton Norcross, Cleto era lautoironico fidanzato di Valeria Marini. Spaesato, ogni volta attendeva la fine del programma per fare quello che gli piaceva tanto: andare a mangiare "la pizza con la pummarola n copp".
  • Che Guevara: Interpretato da Sabina Guzzanti, con tanto di sigaro cubano in bocca, Che Guevara era tornato per riproporre i suoi ideali e per ricandidarsi alle elezioni. Veniva intervistato da una parodia di Gianni Minà fatta da Neri Marcorè che però a volte sviava dalle domande venendo attratto fortemente dal politico cubano.
  • La ragazza della posta: Interpretata da Paola Cortellesi, era una ragazza allapparenza spensierata che leggeva le lettere che arrivavano alla Posta del Cuore con dei motivetti in rima, concludendo sempre con il tormentore "E viva lamor!".
  • Geri Halliwell: Interpretata da Caterina Guzzanti, era la parodia dellex componente delle Spice Girls che allepoca aveva lasciato il gruppo. Una ragazza molto esuberante che, oltre a sbagliare la personalità delle sue quattro ex colleghe confondeva Victoria con Emma e Mel C con Mel B e lei si definiva "zoccoletta". Secondo il suo personaggio, se ne sarebbe andata perché le altre quattro Spice non le facevano nientaltro che scherzi come sostituire il suo profumo preferito con urina di gatto. Aveva anche un suo tormentone quando parlava del suo fidanzato italiano, un tal Giampiero di Frosolone, che si scoprì in seguito esistere realmente e chiese di non citarlo più nel programma.
  • Massimo DAlema: Interpretato da Sabina Guzzanti. Il suo Massimo DAlema era un politico, oltre che arrogante, anche narcisista e innamorato di sé stesso al punto di corteggiarsi con qualunque mezzo. Nellultima puntata, i due DAlema si troveranno dentro una tenda e finalmente si scambieranno un bacio.
  • LIspettore Derrick: Interpretato da Francesca Reggiani, era la parodia del poliziotto integerrimo interpretato dallattore tedesco Horst Tappert. Girava per lo studio cercando indizi e canticchiando ogni tanto la sigla dapertura de "LIspettore Derrick" dicendo "Ta-Dà! Tre, quat! Ta-Dà! Set, Ot!".

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...