Indietro

ⓘ Renzo Orvieto




                                     

ⓘ Renzo Orvieto

Come partigiano, Renzo Orvieto combatte in Val Tanaro. Ma il suo legame con quegli anni non finisce con la guerra, anzi, grazie alle diverse sculture ed illustrazioni legate ai partigiani e al tema della Resistenza, tutta la vita di Orvieto sarà in parte dedicata alla Resistenza. Il riconoscimento forse più prestigioso per questa sua attività, Orvieto lo ottiene dal comune di Cuneo nel 30º Anniversario della Liberazione, che lo ritiene rappresentante dellArte della Resistenza.

                                     

1. Attività artistica

Le opere di Renzo Orvieto variano dai ritratti alle nature morte. Predilige soggetti anziani, paesaggi e prodotti autunnali e molte opere sono dedicate ai cavalli. I colori sono spesso cupi, con predilezione per il marrone, il verde e il grigio. Nel complesso sono opere che rappresentano leroismo e la sofferenza, anche se negli ultimi anni la decadenza e la fine della vita, compresa la solitudine che ne deriva, sono divenute sempre più presenti. La gran parte dei lavori maggiori sono comunque dedicati alla Resistenza.

                                     

1.1. Attività artistica Pittura

  • Alba tragica a Marzabotto, ospitata nella Sala del Consiglio Comunale del comune di Marzabotto
  • Uniti nella Resistenza 1973, manifesto commemorativo per il convegno italo-sovietico 1943-1973 Il contributo della Resistenza allunità e alla pace in Europa
  • Cartolina commemorativa per il Trentennale della Liberazione 1974
                                     

1.2. Attività artistica Scultura

  • Il Partigiano e il Contadino 1976, monumento esposto a Badalucco
  • Monumento ai Martiri della Resistenza inaugurato il 3 giugno 1972, commissionato dal comune di Sanremo
  • Monumento a Felice Cascione 1982, per il Comune di Imperia