Indietro

ⓘ Satanismo di LaVey




Satanismo di LaVey
                                     

ⓘ Satanismo di LaVey

Il satanismo di LaVey o satanismo laveyano è una visione del mondo e della vita, ufficialmente praticata dalla Chiesa di Satana.

Il suo teorizzatore e fondatore fu Anton Szandor LaVey, un esoterista, scrittore e musicista statunitense, che per un periodo lavorò anche come fotografo della polizia scientifica, fondatore dellorganizzazione religiosa chiamata Chiesa di Satana. A capo dellorganizzazione si trova un "sommo sacerdote" assistito dalla "gran sacerdotessa", che in linea con la struttura dellorganizzazione può essergli legata sentimentalmente: ovviamente fu, dal 1966 al 1997, Anton LaVey. Attualmente il successore è Peter H. Gilmore, insieme alla moglie, Peggy Nadramia.

Questorganizzazione conta ad oggi numerosi adepti, molti dei quali dicono pubblicamente di essere satanisti laveyani: per es. nel 2004 il ventiquattrenne Chris Cranmer, un tecnico militare, è stato ufficialmente il primo membro della Chiesa a far parte della United States Navy. La Chiesa di Satana non fa nemmeno mistero della sua esistenza, al punto che il 6 giugno 2006 ha tenuto il suo primo rituale pubblico nella città di Los Angeles.

                                     

1. Definizione

Il satanismo laveyano o razionalista è un nuovo movimento religioso, sociale, filosofico, e culturale, che si ricollega alla figura di Satana, e si concentra sulla conoscenza, lesperienza diretta, fiducia e sostegno delle scienze empiriche, il libero pensiero, la libertà personale degli esseri viventi in tutte le sue forme e la crescita autonoma dellindividuo.

Eminenti sociologi, accademici e intellettuali statunitensi considerano il satanismo laveyano sia una filosofia sia un fenomeno di scarso rilievo, prettamente americano.

Nel linguaggio comune odierno tuttavia per satanismo sintende ladorazione o venerazione della figura chiamata Satana o Diavolo, e in alcuni casi anche dei demoni, da parte di piccoli gruppi organizzati in forma di movimenti, tramite pratiche di tipo cultuale, cerimoniale o liturgico. Tuttavia, questa definizione vale solo per il satanismo tradizionale, che non viene considerato parte del satanismo dai laveyani, ma piuttosto un culto diabolico vero e proprio. La denominazione più appropriata per tale branca satanica, dal punto di vista semantico, sarebbe quella di diabolismo.

                                     

2. Caratteristiche

Per LaVey, "Satana è un simbolo, nulla di più. Satana simboleggia il nostro amore per tutto ciò che è terreno e la negazione dellimmagine del Cristo pallido e magro sulla croce." LaVey dichiarò, nel descrivere il suo pensiero, di essere stato pesantemente influenzato dalle idee di Nietzsche, Aleister Crowley, Machiavelli, Ayn Rand, Jack London, e dalle biografie di personaggi famosi, come Basil Zaharoff, Cagliostro e Rasputin. Per LaVey luomo è realmente "il suo proprio dio" ed è lunico responsabile delle sue azioni e del suo destino; la stessa figura di Satana, in contrasto con le altre correnti sataniste, viene intesa come un archetipo, cioè un simbolo di una forza interiore presente in ogni persona: una forza in grado di portare il singolo a vivere una vita realizzata, senza chiedere intercessioni a divinità esterne. Questo messaggio è sostanzialmente comune a tutte le correnti di pensiero sataniste: rifiutare il controllo della propria vita da parte di terzi, e vivere in modo responsabile e autonomo, porta a vivere in modo realizzato e libero. La grossa differenza è però nella visione di Satana che la concezione laveyana descrive: "Satana", in questa visione, non rappresenta una reale divinità da servire e adorare, ma il simbolo della propria autodeterminazione. Nelle altre correnti, invece, è visto come una reale entità, cosa che invece è rifiutata da quella laveyana. Il satanismo laveyano è quindi, cosa che lo distingue nettamente da tutte le altre visioni, unicamente una concezione della vita umana il cui "dio" è luomo stesso, una pratica di vita atea e dedita solo allaspetto "terreno", tangibile, rifiutando lesistenza di entità ultraterrene o divinità. Lo stesso Gilmore è arrivato definirlo una "non-religione", essendo questa una visione di stampo molto più spiritualistico che dogmatico. Anche la ritualistica è vista non come la reale adorazione di una divinità, ma al contrario come uno psicodramma: luomo, avendo bisogno di categorizzare, di "toccare con mano" e visualizzare i suoi obiettivi e aspettative, ha quindi la possibilità di farlo attraverso un rito, il quale è solo una manifestazione esteriore, tesa a focalizzare energie già presenti nelluomo e non a chiedere lintercessione di unentità ultraterrena, come invece è per le altre correnti.

                                     

3. Fondamenti del satanismo laveyano

Le Nove Affermazioni Sataniche possono essere citate come i punti essenziali del satanismo LaVeyiano:

  • Satana rappresenta lenergia vitale invece di sogni spirituali di cornamuse.
  • Satana rappresenta vendetta invece di porgere laltra guancia.
  • Satana rappresenta luomo giusto come un altro animale, talvolta migliore, molto spesso peggiore di quelli che camminano a quattro zampe, che, a causa del suo sviluppo divino spirituale e intellettuale, è diventato lanimale più vizioso di tutti.
  • Satana è stato il miglior amico che la Chiesa abbia mai avuto, perché Egli lha tenuta in affari tutti questi anni.
  • Satana rappresenta saggezza manifesta invece di autoinganno ipocrita.
  • Satana rappresenta tutti i cosiddetti peccati, finché tutti loro portano a gratificazione fisica, mentale, o sentimentale
  • Satana rappresenta gentilezza e tenerezza a chi le merita invece di amore sprecato agli ingrati.
  • Satana rappresenta responsabilità a chi è responsabile invece di considerazione per vampiri psichici.
  • Satana rappresenta indulgenza invece di astinenza.


                                     

4. I Nove Peccati Satanici

  • Autoinganno.
  • Mancanza di prospettive.
  • Orgoglio controproducente.
  • Mancanza di estetica.
  • Dimenticanza delle ortodossie passate.
  • Solipsismo.
  • Pretenziosità.
  • Conformità al gregge.
  • Stupidità
                                     

5. Elenco cronologico dei preti della Chiesa di Satana

  • Anton LaVey - dal 1966 al 1997, anno della sua morte.
  • Blanche Barton - dal 1997 al 2002, anno del suo passaggio al culto "Magistra Templi Rex".
  • Peter H. Gilmore - dal 2001 ad oggi.
  • Diane Hegarty - dal 1966 al 1984.
  • Peggy Nadramia - dal 2002 ad oggi.