Indietro

ⓘ Relazione (testo)




Relazione (testo)
                                     

ⓘ Relazione (testo)

La relazione è un testo che riferisce in modo dettagliato e oggettivo su unattività di studio, oppure espone un argomento su cui si è raccolta unapposita documentazione. Questa fonte di dati e notizie è dunque più complessa e preziosa di una comunicazione o testimonianza verbale.

                                     

1. Tipologie

I contenuti di una relazione possono riguardare esperimenti scientifici, attività di studio, di lavoro, di ricerca o di indagine, prove tecniche, situazioni, problemi, eventi civili o bellici.

Per quanto riguarda il mondo scolastico, si possono fare relazioni su lezioni svolte in classe, su esperimenti di fisica o di chimica, relazioni su lavori scolastici o domestici di costruzione di plastici, carte geografiche e geografico-storiche, di sussidi didattici.

Una relazione può anche essere commerciale, nel caso in cui una ditta riceva le referenze da un incaricato sulle condizioni del mercato in un altro paese; amministrativa o burocratica o dufficio qualora un ispettore riferisca alle autorità i metodi, i profitti o i fatti irregolari che possono accadere in un pubblico ufficio; politica, quella effettuata da un politico, che riferisca e studi le istituzioni di un altro paese; di concorso, quella espressa dalla Commissione esaminatrice nei riguardi della graduatoria di un concorso, formulata con lesposizione dei criteri di giudizio sui concorrenti; parlamentare, quella su un disegno di legge proposta al Parlamento da un relatore; agronomica, che descrive i terreni di unazienda in misure catastali.

Nelle scienze cliniche mediche e psicologiche una relazione documentale, sia essa redatta in forma scritta o trasmessa verbalmente, assume più propriamente il nome di referto o report.

Una relazione deve essere chiara, breve, ordinata, imparziale e giovarsi assennatamente dellindagine e della critica.

                                     

2. Alcune relazioni

  • Achille Mazzi compilò la Relazione sullattività clandestina ed operativa svolta dai patrioti toscani nel periodo 8 settembre 1943-7 settembre 1944 ; questa relazione fu controfirmata dal Comandante ten.col. Nello Niccoli e dal commissario politico Luigi Gaiani.
  • Niccolò Machiavelli scrisse il Rapporto delle cose della Magna nel 1508, quando fu inviato come ambasciatore in Germania.
  • Gli ambasciatori veneziani inviavano relazioni alla Repubblica di Venezia.
  • Sulla vita della beata Maria Assunta Pallotta scrissero relazioni: il parroco di Force Luigi Martini relazione sulla prima fanciullezza e gioventù della beata; la Madre Direttrice della Casa Madre delle Francescane Missionarie di Maria, Maria di San Lamberto; la Maestra delle Novizie, Madre Maria degli Arcangeli; la suora Maria di San Bonaventura; la Superiora della Casa del Santo Nome di Gesù di Firenze, Madre Maria Alessandra; la Madre Maria Sinforiana del Sacro Cuore, Superiora della Casa nello Shanxi; suor Maria Albertina dellEucaristia.
  • Presso lIstituto Storico della Resistenza in Toscana si trovano relazioni scritte da alcuni protagonisti della guerra di liberazione. Una di queste relazioni è scritta da Alessandro Pieri, unaltra, datata 8 giugno 1944, è conservata fra le carte della Brigata Lanciotto, nel fondo ANPI Presso lo stesso Istituto si trovano le relazioni Comando divisione "Arno"- Relazione "A", Comando divisione "Arno" - Relazione "B" Comando divisione "Arno" - Relazione "C" 8 agosto 1944.
  • Lo scienziato Patrick Brydone, studioso dellelettricità, scrisse relazioni che furono pubblicate dalla Philosophical Transactions della Royal Society di Londra.
  • Nel caso in cui una relazione sia molto estesa, essa diventa una vera e propria opera darte letteraria e storica, come la relazione Dellunità della lingua e dei mezzi di diffonderla, scritta e inviata da Alessandro Manzoni al ministro Emilio Broglio nel febbraio del 1868.