Indietro

ⓘ Sterlina australiana




Sterlina australiana
                                     

ⓘ Sterlina australiana

Il 14 febbraio 1966, dopo anni di studi, fu introdotta una valuta decimalizzata, il dollaro. La data inizialmente individuata per lintroduzione della nuova valuta era il 2 febbraio 1963, ma questa data non venne rispettata in quanto nessun progresso era stato fatto riguardo alla creazione della nuova valuta. Il tasso di cambio applicato fu di 1 sterlina = 2 dollari. Perciò, 10 shillings divennero pari a 1 dollaro e 1 shilling divenne pari a 10 cent. Gli importi inferiori a uno shilling furono convertiti come segue:

                                     

1. Monete

Nel 1855 la zecca di Sydney coniò le prime monete in oro da ½ e 1 sovrana. Queste monete furono i soli tagli emessi dalle zecche australiane fino a dopo la nascita della federazione 1901.

Nel 1910 seguirono monete in argento sterling titolo 925/1000 da 3 e 6 penny, 1 e 2 shilling, questultima nota come "fiorino" florin. Al contrario del Regno Unito, non vennero emesse "mezze corone" half crowns. Nel 1911 seguirono monete in bronzo da ½ e 1 penny. La produzione delle ½ sovrane cessò nel 1916; quella delle sovrane nel 1931. Nel 1937 una moneta da 5 shillings fu emessa per commerorare lincoronazione di Re Giorgio VI. Questa moneta si dimostrò impopolare e la sua produzione fu interrotta poco dopo la riemissione del 1938.

Nel 1946 il titolo delle monete dargento fu ridotto a 500/1000 ma, al contrario di quanto avvenne in Nuova Zelanda e nel Regno Unito, le monete dargento continuarono ad essere emesse anche dopo la decimalizzazione.

                                     

2. Banconote

Numerose banche private hanno emesso carta moneta in Australia, a partire dalle emissioni della "Bank of New South Wales" nel 1817. Laccettazione delle banconote emesse da banche private non era resa obbligatoria da normative sul corso forzoso, ma erano comunque ampiamente utilizzate ed accettate. Anche i governi del Queensland e del Nuovo Galles del Sud stamparono banconote. Le banconote emesse dal tesoro del Queensland avevano corso legale nel Queensland stesso.

La prima emissione nazionale di carta moneta era composta da sovrastampe di banconote emesse tra il 1910 e il 1914 da quindici banche private e dal governo del Queensland, in tagli da 1, 5, 10, 20, 50 e 100 sterline. Queste venivano sovrastampate con le parole "Banconota australiana" Australian note. Non è nota lesistenza di alcuna banconota da 100 sterline di queste serie.

Nel 1913 le prime banconote nazionali furono introdotte in tagli da 10 shillings, 1, 5, e 10 sterline. Il 1914 vide lintroduzione delle banconote da 20, 50, 100 e 1 000 sterline. La banconota da 1 000 sterline ebbe solamente una circolazione limitata e più tardi fu dedicata al solo uso interbancario. I magazzini furono distrutti nel 1969 e di questa banconota non ci sono esemplari non annullati in possesso di mani private. Ci sono state due versioni di banconote da 5 shillings mai emesse, una del 1916 circa e laltra del 1946; entrambe riportavano il monarca regnante e sono state più tardi distrutte, rispettivamente nel 1936 e nel 1953.

Alla metà degli anni venti vennero emesse una banconota modificata da 10 shillings, chiamata "mezza sovrana" Half Sovereign ", e banconote di dimensioni ridotte da 1, 5 e 10 sterline con il profilo di Re Giorgio V sul dritto. Queste banconote riportavano ancora il riferimento alla convertbilità della valuta in oro a richiesta. Una nuova banconota da 1 000 sterline con il profilo di Giorgio V era stata preparata ma mai emessa. Una prova di stampa mai emessa di questa banconota è stata scoperta a Londra nel 1996 e successivamente venduta per una somma di oltre 200 000 dollari australiani. Nondimeno, questa banconota non è ritenuta legittimamente emessa dallAustralia.

Subito dopo linizio della grande depressione nel 1933, la valuta australiana cessò di essere convertibile in oro al tasso precedentemente stabilito di una sovrana doro per una sterlina. Conseguentemente venne disegnata una nuova serie di banconote a corso forzoso, riportanti ancora una volta il ritratto di Re Giorgio V, in tagli da 10 shillings e 1, 5 e 10 sterline. I tagli e i disegni furono mantenuti e lunica modifica apportata fu quella necessaria per accogliere il ritratto di Re Giorgio VI nel 1938.

Lincoronazione della Regina Elisabetta II nel 1953 vide lemissione di una nuova serie con i ritratti di illustri personaggi della storia australiana.

  • £10 – Arthur Phillip
  • 10s – Matthew Flinders
  • £50 – Henry Parkes Questa banconota non fu mai emessa al pubblico; ne esistono pochi campioni in mani private.
  • £1 – Regina Elisabetta II
  • £5 – John Franklin

Tra le banconote stampate ma mai entrate in circolazione, ci sono 2 diverse versioni del 5 shillings: una del 1916 il cui magazzino è stato distrutto nel 1936, e una del 1946, i cui esemplari sono stati distrutti nel 1953. Entrambe riportavano il ritratto del monarca regnante. Sono state disegnate due banconote da 50 sterline, una nel 1939 con Re Giorgio VI e una nel 1951 come già detto. Entrambi i magazzini furono distrutti nel 1958. È esistita anche una versione della banconota da 100 sterline del 1939 con una colorazione marrone, verde e rosa, il cui magazzino è stato distrutto nel 1958. Lultima banconota non emessa era da 1 000 sterline, con i campioni arrivati nel 1923 e tenuti fino al 1928, dopo che fu deciso di non usare ulteriormente tale taglio. La banca demissione detiene campioni di tutti i tagli dichiarati.