Indietro

ⓘ Ferrovie eritree




Ferrovie eritree
                                     

ⓘ Ferrovie eritree

Le ferrovie eritree sono i resti delle linee costruite durante loccupazione italiana. Si limitano attualmente alla sola tratta Massaua – Asmara, anche se è allo studio un prolungamento della stessa fino a Cheren. Essendo di derivazione coloniale, si tratta di una rete a scartamento ridotto di collegamento tra la costa e linterno.

                                     

1. Storia

La prima ferrovia in Eritrea venne costruita dallItalia per ragioni militari nel 1888. I lavori iniziarono con il generale Tancredi Saletta nel 1887 e proseguirono con il generale Alessandro Asinari di San Marzano. Essa, a scartamento ridotto, partiva da Massaua per arrivare alle fortificazioni di Saati poco dopo Dogali, rioccupate dagli italiani il 1º febbraio 1888. La ferrovia, completata il 15 marzo 1888, era lunga 26 km. Guidava i lavori lingegner Olivieri.

In passato è stata in funzione la ferrovia Asmara – Biscia, prolungamento della precedente, costruita dal 1914 al 1922 e chiusa nel 1978.

I progetti prevedevano due prolungamenti verso Tessenei e Om Ager, in direzione rispettivamente del Sudan Anglo-Egiziano e dellEtiopia.

Alla fine degli anni trenta, allinterno del porto di Assab furono costruiti alcuni raccordi ferroviari, in previsione di un collegamento verso Dessiè e Addis Abeba, anchesso mai costruito.

Attualmente in Eritrea è in funzione una sola linea ferroviaria, la Massaua – Asmara, costruita ed aperta al traffico tra il 1901 ed il 1911, chiusa nel 1978, e successivamente riattivata fra il 1994 e il 2003.

                                     

2. Tratte

Massaua-Asmara

La tratta fu aperta tra il 1901 ed il 1911. Fu subito etichettata come "un trionfo dellingegneria italiana".

Attualmente solo le stazioni di Massaua e Asmara svolgono servizio viaggiatori.

Asmara-Cheren

Questa tratta fu attivata tra il 1914 ed il 1923. Attualmente il governo eritreo ne progetta la riattivazione.

Cheren-Agordat

Le tratta fu aperta tra il 1925 ed il 1928. Attualmente è quasi tutta scomparsa in alcuni casi distrutta nella seconda guerra mondiale e/o riutilizzata per altri scopi.

Oltre Agordat

Oltre Agordat i binari raggiunsero Biscia nel 1932, per altri 31 km di percorso. Vi erano progetti di continuare la ferrovia fino a Cassala, nel Sudan, da parte delle autorità italiane negli ultimi anni trenta. Furono fatti i ponti della tratta Biscia-Tesseney, e la muratura della Stazione di Tesseney vicino al confine sudanese, ma le rotaie non furono sistemate a causa dellinizio delle ostilità nel 1940.