Indietro

ⓘ Segretario di Stato (Santa Sede)




                                     

ⓘ Segretario di Stato (Santa Sede)

Il segretario di Stato, nellorganizzazione della Chiesa Cattolica, presiede la Segreteria di Stato della Santa Sede e il rilevante dicastero della Curia romana.

                                     

1. Storia

Dal pontificato di Innocenzo X 1644-1655 il segretario è sempre stato un cardinale. Per consuetudine, un ecclesiastico non cardinale poteva ricoprire la carica solo come pro-segretario di Stato, esercitando le sue normali funzioni, finché fosse stato creato cardinale nel concistoro successivo; tuttavia nel 2013 Francesco ha nominato con titolo pieno di segretario larcivescovo Pietro Parolin, nonostante questi non fosse ancora cardinale al momento della designazione.

Il 30 agosto 2013 Francesco, accettando le dimissioni del cardinale Tarcisio Bertone, ha nominato nuovo segretario di Stato larcivescovo Pietro Parolin, nunzio apostolico in Venezuela. Parolin ha assunto lincarico il 15 ottobre 2013. Solamente due segretari di Stato non erano italiani: lo spagnolo Rafael Merry del Val y Zulueta 1903-1914 e il francese Jean-Marie Villot 1969-1979. Questultimo è sinora anche il segretario di Stato che ha servito il numero più alto di pontefici regnanti, tre: Paolo VI che lo nominò, e i successori Giovanni Paolo I e Giovanni Paolo II che lo confermarono.

Tre segretari di Stato sono stati successivamente eletti papi: Alessandro VII Fabio Chigi nel 1655; Clemente IX Giulio Rospigliosi nel 1667; Pio XII Eugenio Pacelli nel 1939.

                                     

2. Funzioni

Il segretario di Stato, come responsabile delle attività politiche e diplomatiche della Santa Sede, è paragonabile ad un primo ministro per quanto riguarda le attività della Santa Sede, sia interne che estere, ma non ha alcun potere esecutivo allinterno della Città del Vaticano, ruolo che spetta invece al presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano.

Il segretario termina il suo mandato con il pontefice che lo ha designato.