Indietro

ⓘ Peppino De Filippo




Peppino De Filippo
                                     

ⓘ Peppino De Filippo

Peppino De Filippo, allanagrafe Giuseppe De Filippo, è stato un comico, attore e commediografo italiano. È stato uno dei più importanti e apprezzati attori comici italiani, sia in ruoli di protagonista che di coprotagonista. Grande popolarità ebbe la sua presenza accanto a Totò in molti film di successo degli anni cinquanta e sessanta.

                                     

1. Biografia

Figlio naturale del commediografo Eduardo Scarpetta e di Luisa De Filippo, nonché fratello di Eduardo e Titina, nacque a Napoli nella casa di via Bausan n. 28/O, con attuale ingresso da via Vittoria Colonna n° 10/a. Casa dettagliatamente descritta, sulla scorta della memoria infantile, nel libro autobiografico Una famiglia difficile. Nel 2014 una lapide commemorativa è stata posta in via Ascensione n. 8. Trascorse i primi anni dinfanzia a Caivano, e si esibì sui palcoscenici sin da bambino. Dopo esperienze con diverse compagnie teatrali, sempre in ruoli da generico, nel 1931 fonda con i fratelli la Compagnia Teatro Umoristico: i De Filippo. È unesperienza di grande successo con tournée in tutta Italia, nuove commedie, critiche entusiaste e teatri sempre pieni. Tuttavia nel 1944, per dissidi con il fratello Eduardo dovuti anche alla relazione che Peppino aveva iniziato con Lidia Maresca, che divenne poi la sua seconda moglie, Peppino lasciò la compagnia. Questa separazione gli permise di trovare un suo stile come autore, distinguendosi da Eduardo per il tono delle sue commedie, più leggero. Anche come attore avrà modo di mostrare la sua versatilità in interpretazioni come quella de Il guardiano di Harold Pinter, diretto da Edmo Fenoglio nel 1977 con Ugo Pagliai e Lino Capolicchio, e quella di Arpagone ne Lavaro di Molière. Sempre nel 1977 Peppino pubblica, per lEditore Marotta, lautobiografia Una famiglia difficile.

Oltre al teatro, lavorò come attore anche per il cinema realizzando con Totò in diversi film dando vita a una delle più celebri e acclamate coppie comiche del cinema italiano; i due attori, infatti, avevano una straordinaria intesa e capacità di compensarsi, e Peppino De Filippo può considerarsi senza dubbio il partner migliore di Totò, al punto che nel suo caso il termine "spalla" sarebbe senzaltro riduttivo. Questa serie di film formata fra gli altri da Totò, Peppino e i fuorilegge, La banda degli onesti e Totò, Peppino e la. malafemmina, fu coronata da un vasto successo di pubblico, sebbene non venissero ugualmente considerati dalla critica dellepoca.

Lavorò anche con grandi registi come Fellini e Lattuada in Luci del varietà e nellepisodio Le tentazioni del dottor Antonio, inserito in Boccaccio 70.

Per la televisione inventò il personaggio di Pappagone, presentato nella trasmissione Scala reale ; un umile servitore, al servizio del Cummendatore Peppino De Filippo, in cui convergono le tipiche maschere del teatro napoletano Pulcinella e Felice Sciosciammocca, inventore di un gergo particolare ed esilarante. I suoi piriché, ecquequà, carta dindindirindà entrarono nel parlato comune divenendo modi di dire diffusissimi. Alla fine del 1979 si ebbero le sue ultime partecipazioni televisive dove, già malato, conduce il varietà televisivo Buonasera con. coadiuvato dalla collaborazione del figlio Luigi. Del programma televisivo incise anche la sigla dal titolo La gallina, pubblicato su 45 giri.

Morì alletà di 76 anni a causa di un tumore e venne sepolto nella tomba di famiglia al cimitero del Verano a Roma.

Sposato tre volte, dalla sua prima moglie Adele Carloni ebbe un figlio, Luigi, che ha continuato con successo fino alla morte lattività paterna riproponendone in scena molti lavori teatrali. In seconde nozze sposò lattrice e soubrette Lidia Maresca attiva con il nome darte Lidia Martora, sorella di Marisa Maresca, dopo una convivenza trentennale nel 1971, poche ore prima della morte dellattrice. Nel 1977 sposò Lelia Mangano, sua partner in compagnia. Al pari di molti altri attori famosi, Peppino De Filippo recitò in diversi film del genere del musicarello.

                                     

2. Teatro

  • Il grande attore, Commedia in un atto 1940
  • I migliori sono così, Farsa in due parti e otto quadri 1950
  • Quel bandito sono io!, Farsa in tre atti e quattro quadri 1947
  • Miseria bella, Farsa in un atto 1931
  • Tutti i diavoli in corpo, Un atto 1965
  • La lettera di mammà, Farsa in due parti in collaborazione con Maria Scarpetta 1933
  • Omaggio a Plauto, Un atto 1963
  • Lamico del diavolo, Commedia in tre atti 1965
  • Caccia grossa, Un atto ironico romantico 1932
  • Quaranta ma non li dimostra, Commedia in due parti in collaborazione con Titina De Filippo 1933
  • Un pomeriggio intellettuale, Commedia in un atto 1955
  • Pranziamo insieme!, Farsa in un atto 1952
  • Il mio primo amore atto unico dei fratelli De Filippo, radiotrasmesso 1937
  • Trampoli e cilindri, Un atto in lingua napoletana 1927
  • Gennarino ha fatto il voto, Farsa in tre atti 1950
  • Aria paesana, Storia vecchia uguale per tutti in un atto 1931
  • Non è vero. ma ci credo, Commedia in tre atti 1942
  • Le metamorfosi di un suonatore ambulante, Farsa allantica in un prologo, due parti e cinque quadri. Con appendice e musiche di Peppino De Filippo 1956
  • Cinque minuti dopo, Atto unico 1932
  • Il compagno di lavoro, Un atto in lingua napoletana 1936
  • La collana di cento noccioline, Commedia in un atto 1957
  • Lorenzo e Lucia, commedia in tre atti 1934
  • Il ramoscello dolivo, Farsa in un atto 1933
  • Sto bene con lelmo, commedia in un atto unico 1931
  • Pater familias, Commedia in un atto 1955
  • Quale onore, Farsa in un atto 1932
  • I brutti amano di più, Commedia romantica in tre parti 1933
  • Prestami cento lire, atto unico di A. Vacchieri, versione napoletana di Peppino 1941
  • .di Pasquale del Prado, rifacimento in tre atti di Lo chicos crescen di Darthes e Damiel 1941
  • Un povero ragazzo, Commedia in tre atti e quattro quadri 1936
  • Cupido scherza e spazza, Farsa in un atto in lingua napoletana 1932
  • Una donna romantica e un medico omeopatico, Da una commedia - parodia in cinque atti di Riccardo di Castelvecchio. Riduzione in tre atti in lingua napoletana 1940
  • Un ragazzo di campagna, originariamente rappresentato con il titolo Tutti uniti canteremo Farsa in due parti 1931
  • Spacca il centesimo, Commedia in un atto 1931
  • Amori e balestre!, Farsa in un atto in lingua napoletana 1931
  • A Coperchia è caduta una stella, Farsa campestre in due parti 1933
  • Quel piccolo campo., Commedia in tre atti 1948
  • Per me come se fosse!, Commedia in due parti e quattro quadri 1949
  • Liolà dalla novella di Luigi Pirandello, trasposta in lingua napoletana 1935
  • Pronti? Si gira!, Satira buffa in un atto 1952
  • Dietro la facciata, Commedia in un atto 1956
  • Lospite gradito!, Tre atti comici 1948
  • Noi due!, Commedia in un atto 1955
  • Una persona fidatissima, Farsa in un atto 1931
  • Bragalà paga per tutti!, Un atto in lingua napoletana 1939
  • Il talismano della felicità, Farsa in un atto 1956
  • Uno, due e tre - Hop.là atto unico 1932
  • Don Rafele o trumbone, Commedia in un atto 1931
  • Carnevalata, Un atto1950
  • I casi sono due, Commedia in tre atti 1945
  • Io sono suo padre!, Commedia in due parti e quattro quadri 1952
                                     

3. Filmografia

  • Giallo napoletano, regia di Sergio Corbucci 1979
  • I due compari,regia di Carlo Borghesio 1955
  • Il sogno di tutti, regia di Oreste Biancoli e Ladislao Kish 1940
  • Cameriera bella presenza offresi., regia di Giorgio Pàstina 1951
  • Il carabiniere a cavallo, regia di Carlo Lizzani 1961
  • Boccaccio 70, regia di Mario Monicelli, Federico Fellini, Luchino Visconti e Vittorio De Sica 1962
  • Gli ultimi cinque minuti, regia di Giuseppe Amato 1955
  • Zum nº 2, regia di Bruno Corbucci 1969
  • In campagna è caduta una stella, regia di Eduardo De Filippo 1939
  • Soldati e capelloni, regia di Ettore Maria Fizzarotti 1967
  • Anna di Brooklyn, regia di Vittorio De Sica e Carlo Lastricati 1958
  • Peppino e la vecchia signora, regia di Emma Gramatica e Piero Ballerini 1954
  • Adultero lui, adultera lei, regia di Raffaello Matarazzo 1963
  • Le signorine della villa accanto, regia di Gian Paolo Rosmino 1942
  • Il cappello a tre punte, regia di Mario Camerini 1934
  • Totò e Peppino divisi a Berlino, regia di Giorgio Bianchi 1962
  • Lo scocciatore Via Padova 46, regia di Giorgio Bianchi 1953
  • Sono stato io!, regia di Raffaello Matarazzo 1937
  • Io piaccio, regia di Giorgio Bianchi 1955
  • Una di quelle, regia di Ado Fabrizi 1953
  • A noi piace freddo.!, regia di Steno 1960
  • Il mattatore, regia di Dino Risi 1960
  • Martin Toccaferro, regia di Leonardo De Mitri 1953
  • Pane, amore e Andalusia Pan, amor y. Andalucía, regia di Javier Setó 1958
  • Genitori in blue-jeans, regia di Camillo Mastrocinque 1960
  • Gli infermieri della mutua, regia di Giuseppe Orlandini 1969
  • Made in Italy, regia di Nanni Loy 1965
  • A che servono questi quattrini?, regia di Esodo Pratelli 1942
  • Le signorine dello 04, regia di Gianni Franciolini 1955
  • Ti conosco, mascherina!, regia di Eduardo De Filippo 1943
  • Totò contro i quattro, regia di Steno 1963
  • I 4 tassisti, regia di Giorgio Bianchi 1963
  • Non ti pago!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia 1942
  • Siamo tutti inquilini, regia di Mario Mattoli 1953
  • La bisarca, regia di Giorgio Simonelli 1950
  • Arrangiatevi, regia di Mauro Bolognini 1959
  • Ferdinando I° re di Napoli, regia di Gianni Franciolini 1959
  • Il mio amico Benito, regia di Giorgio Bianchi 1962
  • Lamor mio non muore!, regia di Giuseppe Amato 1938
  • Chi si ferma è perduto, regia di Sergio Corbucci 1960
  • La famiglia Passaguai, regia di Aldo Fabrizi 1951
  • Il più comico spettacolo del mondo, regia di Mario Mattoli 1953
  • Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo, regia di Mauro Bolognini 1956
  • Non è vero. ma ci credo, regia di Sergio Grieco 1952
  • Peppino, le modelle e. "chella llà", regia di Mario Mattoli 1957
  • Zum - La canzone che mi passa per la testa, regia di Bruno Corbucci e Sergio Corbucci 1968
  • Non stuzzicate la zanzara, regia di Lina Wertmüller 1967
  • La banda degli onesti, regia di Camillo Mastrocinque 1956
  • Vacanze a Ischia, regia di Mario Camerini 1957
  • Tre uomini in frak, regia di Mario Bonnard 1933
  • La vedovella, regia di Silvio Siano 1964
  • Policarpo, ufficiale di scrittura, regia di Mario Soldati 1959
  • Il segno di Venere, regia di a Dino Risi 1955
  • Ischia operazione amore, regia di Vittorio Sala 1966
  • Signori, in carrozza!, regia di Luigi Zampa 1951
  • Totò le donne, regia di Steno e Mario Monicelli 1952
  • Rita la zanzara, regia di Lina Wertmüller come G. Brown 1966
  • Quei due, regia di Gennaro Righelli 1935
  • Un po di cielo, regia di Giorgio Moser 1955
  • Ragazze da marito, regia di Eduardo de Filippo 1952
  • Piccola posta, regia di Steno 1955
  • La nipote Sabella, regia di Giorgio Bianchi 1958
  • Gli onorevoli, regia di Sergio Corbucci 1963
  • I pappagalli, regia di Bruno Paolinelli 1955
  • Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa, regia di Marcello Fondato 1970
  • Campo de fiori, regia di Mario Bonnard 1943
  • I quattro moschettieri, regia di Carlo Ludovico Bragaglia 1963
  • Totò, Peppino e la. malafemmina, regia di Camillo Mastrocinque 1956
  • I 4 monaci, regia di Carlo Ludovico Bragaglia 1962
  • La fabbrica dei soldi, regia di Riccardo Pazzaglia, Juan Estelrich e Jean-Claude Roy 1966
  • Letto a tre piazze, regia di Steno 1960
  • Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci 1962
  • Non mi muovo!, regia di Giorgio Simonelli 1943
  • Notte di fortuna, regia di Raffaello Matarazzo 1941
  • Biancaneve e i sette ladri, regia di Giacomo Gentilomo 1949
  • La nonna Sabella, regia di Dino Risi 1957
  • Lisa dagli occhi blu, regia di Bruno Corbucci 1969
  • Cortile, regia di Antonio Petrucci 1955
  • Motivo in maschera, regia di Stefano Canzio 1955
  • Totò, Peppino e i fuorilegge, regia di Camillo Mastrocinque 1956
  • Il marchese di Ruvolito, regia di Raffaello Matarazzo 1939
  • Gli incensurati, regia di Francesco Giaculli 1960
  • Totò, Peppino e. la dolce vita, regia di Sergio Corbucci 1961
  • Io tho incontrata a Napoli, regia di Pietro Francisci 1946
  • Totò, Peppino le fanatiche, regia di Mario Mattoli 1958
  • Signori si nasce, regia di Mario Mattoli 1960
  • Tuppe tuppe, Marescià!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia 1958
  • Natale al campo 119, regia di Pietro Francisci 1948
  • Lultimo combattimento, regia di Piero Ballerini 1941
  • Luci del varietà, regia di Federico Fellini e Alberto Lattuada 1950
  • Accadde al penitenziario, regia di Giorgio Bianchi 1955
  • Bellezze in bicicletta, regia di Carlo Campogalliani 1951
  • Casanova farebbe così!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia 1942
  • La cambiale, regia di Camillo Mastrocinque 1959
  • Vivere a sbafo, regia di Giorgio Ferroni 1949
  • Un giorno in pretura, regia di Steno 1954


                                     

4. Prosa radiofonica RAI

  • Ventiquattrore di un uomo qualunque, di Ernesto Grassi con Peppino De Filippo, Mario Siletti, Luigi De Filippo, Lidia Martora, Gina Amendola, regia di Peppino De Filippo, secondo programma, lunedì 3 ottobre 1955 ore 21:00.
                                     

5. Libri parziale

  • Una famiglia difficile, Marotta, 1977.
  • Strette di mano, Marotta, 1974.
  • Paese mio! Poesie e canzoni napoletane, Marotta, 1966.
  • Pappagone e non solo., Mondadori, 2003.