Indietro

ⓘ Enrico Bigatti




                                     

ⓘ Enrico Bigatti

Enrico Bigatti è stato un presbitero, educatore e antifascista italiano, noto soprattutto per le sue attività legate allo scautismo clandestino e alla Resistenza in Lombardia dallinizio dellepoca fascista fino a dopo la seconda guerra mondiale.

                                     

1. Biografia

Nato da famiglia povera e numerosa, resta presto orfano del padre. Inizia gli studi tra i padri Monfortani li e prosegue nel seminario di Venegono; il cardinale Alfredo Ildefonso Schuster lo ordina sacerdote il 22 maggio 1937, il suo primo incarico pastorale è tra i ragazzi handicappati dellistituto San Vincenzo di Via Copernico a Milano; collabora inoltre alla Carità dellArcivescovo, assieme allamico Carlo Bianchi.

Dal settembre 1943, collabora con Andrea Ghetti, Aurelio Giussani, Natale Motta, Giovanni Barbareschi le Aquile Randagie, alla fondazione dellorganizzazione O.S.C.A.R., la quale ebbe un grande merito nel salvare vite umane.

Nel gennaio 1944, quando viene trasferito a Crescenzago, la sua canonica diventa uno dei centri di smistamento delle Aquile Randagie per ricercati, ebrei e politici che fuggono in Svizzera. La polizia fascista lo tiene sotto sorveglianza e infatti attraverso una delazione riesce anche ad arrestarlo. Il 18 febbraio del 1944 corre il rischio di essere fucilato.

Ritorna alla vita pastorale con il trasferimento ad altra parrocchia. Muore in un incidente stradale il 30 dicembre 1960

                                     

2. Premi e riconoscimenti

Milano, il 28 settembre 1986 viene insignito della medaglia doro alla memoria per lattività svolta in favore di profughi ebrei, sbandati e partigiani fuggitivi; nel capoluogo lombardo gli è stata anche dedicata una via.