Indietro

ⓘ Leasing




                                     

ⓘ Leasing

Il leasing è il contratto con cui una parte concede in godimento allaltra un bene dietro corrispettivo e per un determinato periodo di tempo, alla scadenza del quale la parte che ha in godimento il bene può restituirlo o divenirne proprietario pagando la differenza tra quanto già versato ed il valore del bene.

In genere si distingue tra leasing finanziario e leasing operativo.

  • Il leasing finanziario è unattività finanziaria tenuta dalle banche. Le società di leasing svolgono principalmente unattività creditizia mediante la stipulazione di contratti di locazione finanziaria, che svolgono implicitamente la funzione di soddisfare fabbisogni finanziari emergenti da decisioni di investimento. La disponibilità di un bene necessario può essere ottenuta mediante due modalità: con lacquisto diretto del bene con capitale proprio o con il debito attraverso un contratto di leasing. La società di leasing nella veste di locatore concede il bene al locatario per un tempo determinato e in contropartita di un canone periodico. Pertanto la funzione di finanziamento si esplica nel fatto che la spesa per lacquisto è sostenuta dal locatore mentre il locatario è avvantaggiato dalla dilazione del pagamento. La conseguenza di questa formula è che la proprietà del bene locato appartiene alla società di leasing fino alleventuale riscatto da parte del cliente. Le società di leasing finanziano investimenti produttivi, beni mobili macchinari, impianti industriali ecc. beni immobili stabilimenti industriali, centri commerciali ecc. ed anche beni immateriali, quali marchi aziendali es: geox, benetton.
  • Il leasing operativo viene effettuato direttamente dal/dai costruttore/i del bene/i, come ad esempio il leasing su autovetture di varie case automobilistiche.

La locazione finanziaria è un contratto di durata il cui corrispettivo va calcolato secondo criteri finanziari e quindi tenendo conto non soltanto del costo del bene, ma anche del prezzo pattuito per l’opzione d’acquisto finale e della durata del contratto. Elemento essenziale del contratto è la previsione dell’opzione finale di acquisto del bene a favore dell’utilizzatore ad un prezzo prestabilito. Alla scadenza, l’utilizzatore ha il diritto di divenire proprietario del bene esercitando l’opzione di riscatto; in caso contrario ha l’obbligo di restituire il bene al concedente.

                                     

1. Definizione

La legge 4 agosto 2017 n.124 cd. Legge sulla concorrenza ha introdotto una specifica definizione e disciplina del contratto di locazione finanziaria che, dopo decenni dalla sua prima apparizione, viene ad assumere la connotazione di" contratto tipico”. La locazione finanziaria è il contratto con il quale la banca o lintermediario finanziario iscritto nellalbo di cui allarticolo 106 del decreto legislativo 1º settembre 1993, n. 385, si obbliga ad acquistare o a far costruire un bene su scelta e secondo le indicazioni dellutilizzatore, che ne assume tutti i rischi, anche di perimento, e lo fa mettere a disposizione per un dato tempo verso un determinato corrispettivo che tiene conto del prezzo di acquisto o di costruzione e della durata del contratto. Alla scadenza del contratto lutilizzatore ha diritto di acquistare la proprietà del bene ad un prezzo prestabilito ovvero, in caso di mancato esercizio del diritto, lobbligo di restituirlo.

Il primo canone corrisposto dallutilizzatore è sempre più frequentemente di entità maggiore rispetto ai successivi e per questo viene chiamato maxicanone iniziale. Il suo scopo è quello di ridurre i rischi di perdita del concedente in caso di insolvenza dellutilizzatore.

Per il concedente è della massima importanza valutare il rischio bene delloperazione, considerando la congruità di prezzo del bene, le sue caratteristiche di utilizzo e di profitto produttivo, la sua recuperabilità, la sua ricollocabilità sul mercato, il suo valore in caso di rientro anticipato dovuto ad insolvenza dellutilizzatore e la sua rispondenza alle normative antinfortunistiche.

La valutazione del rischio bene è unoperazione complessa e specializzata, in quanto si articola sulla base di moltissimi parametri, che fornisce indicazioni indispensabili per una valutazione realistica del rischio complessivo delloperazione, anche a tutela dello stesso utilizzatore.

La valutazione di unazienda nella scelta del leasing deve tenere conto di due ulteriori aspetti:

  • il bene rimane di proprietà della società di leasing fino al riscatto quindi non compare in bilancio tra le immobilizzazioni con eccezione delle società che compilano il bilancio IAS secondo i cui criteri il bene va inserito fra le immobilizzazioni e il debito residuo nel passivo.
  • il costo del bene è soggetto ad Iva anche nel caso di immobili
                                     

1.1. Definizione Normativa

Il comma 136 dellart. 1 della Legge n.124 del 4 agosto 2017 ha descritto le caratteristiche peculiari della locazione finanziaria:

  • elemento essenziale del contratto è la previsione dell’opzione finale di acquisto del bene a favore dell’utilizzatore ad un prezzo prestabilito. Pertanto, alla scadenza l’utilizzatore ha il diritto di divenire proprietario del bene esercitando la suddetta opzione di riscatto; in caso contrario ha l’obbligo di restituire il bene al concedente;
  • la natura, funzione e causa giuridica prettamente" finanziaria” del contratto di locazione finanziaria si evincono dal fatto che l’utilizzatore" assume tutti i rischi, anche di perimento”, riferiti al bene.
  • l’obbligazione che assume il concedente con la stipula del contratto è di acquistare o far costruire il bene secondo le indicazioni dell’utilizzatore e di farlo mettere a disposizione dell’utilizzatore e non di farglielo godere come nella locazione semplice;
  • la causa finanziaria è confermata dal richiamo al requisito soggettivo del concedente, che deve essere una banca o un intermediario finanziario come previsto dal testo unico bancario che riserva in via esclusiva l’attività di locazione finanziaria alle banche ed agli intermediari finanziari iscritti, rispettivamente, negli albi di cui agli artt. 13 e 106 del d.lgs. 1º settembre 1993, n. 385;
  • come tutti i contratti di finanziamento, anche la locazione finanziaria è un contratto di durata; il corrispettivo va calcolato secondo criteri finanziari e quindi tenendo conto non soltanto del costo del bene, ma anche del prezzo pattuito per l’opzione d’acquisto finale e della durata del contratto;

La Rata R di un contratto di leasing finanziario dipende dal Capitale C da finanziare, cioè il costo di acquisto al netto della maxirata iniziale, dal riscatto r, dal tasso del periodo i, ad esempio tasso annuo diviso 12 per canoni mensili e dal numero di canoni N.

                                     

1.2. Definizione La risoluzione del contratto per grave inadempimento

Attualmente non esiste una norma che quantifica il numero di rate impagate che fanno scattare la risoluzione per i mutui o finanziamenti chirografari alle imprese, per cui questa potrebbe essere dichiarata anche in caso di mancato pagamento di una sola rata.

Il comma 137 dellart.1 della Legge n.124 del 4 agosto 2017 colma un vuoto normativo inserendo in maniera chiara e scevra da possibili interpretazioni tra le cause di risoluzione del contratto il" grave inadempimento” dell’utilizzatore, rappresentato dal mancato pagamento di almeno sei canoni mensili o due canoni trimestrali anche non consecutivi o un importo equivalente per i leasing immobiliari, ovvero quattro canoni mensili anche non consecutivi o un importo equivalente per gli altri contratti di locazione finanziaria. Il riferimento anche ai canoni" non consecutivi” è volto a evitare il rischio di un approfittamento della norma da parte dell’utilizzatore.

Dando un contenuto certo e fissando il numero dei canoni impagati, il legislatore ha inteso prevedere un inadempimento qualificato, in analogia a quanto previsto nell’art. 1525 c.c. o in materia di mutuo fondiario dall’art. 40, comma 2, delt.u. bancario 7 rate anche non consecutive pagate in ritardo da 30 a 180 gg. La norma non si applica al leasing immobiliare abitativo a cui si applica il d.lgs 72/2016.



                                     

1.3. Definizione Gli effetti della risoluzione del contratto per inadempimento

Il comma 138 della legge n.124 del 4 agosto 2017 disciplina gli effetti della risoluzione per inadempimento dell’utilizzatore, ponendo quest’ultimo al riparo dal rischio di un ingiustificato arricchimento da parte della società di leasing, replicando sostanzialmente quanto previsto recentemente con la Legge n.208/2015 per il leasing prima casa, in caso di rapporto giuridico pendente nel fallimento art. 72-quater l.f. e nel caso di concordato preventivo art. 169-bis l.f. quarto comma come novellato dallart.8 del dl 83/2015.

Si prevede che la società di leasing corrisponda a favore dell’utilizzatore l’importo realizzato dalla ricollocazione o dalla vendita del bene una volta che lo stesso sia stato riconsegnato, al netto dei canoni scaduti e non pagati e del credito residuo in linea capitale nonché delle spese anticipate dalla società di leasing per il recupero del bene, la stima e la sua conservazione per il tempo necessario alla vendita.

A titolo esemplificativo e non esaustivo rientrano quelle voci contrattualmente a carico del cliente inadempiente.

Anche a seguito della ricollocazione o vendita del bene, resta fermo nella misura residua il diritto di credito del concedente nei confronti dell’utilizzatore quando il valore realizzato con la vendita o altra collocazione del bene è inferiore all’ammontare dell’importo dovuto dall’utilizzatore stesso. In questo modo si prevede che la società di leasing recuperi almeno il capitale impiegato per l’acquisto del bene ed ogni spesa inerente al suo recupero, in modo da non avere perdite, fermo restando l’eventuale risarcimento del lucro cessante in base ai princìpi generali dell’ordinamento.

La società di leasing procede alla vendita o alla ricollocazione del bene sulla base dei valori risultanti da pubbliche rilevazioni di mercato elaborate da soggetti specializzati. A titolo esemplificativo è ragionevole inserire le rilevazioni di mercato di dominio pubblico ; nell’ambito delle procedure di vendita sono comunque ammissibili le vendite all’incanto, le aste notarili telematiche, le aste on line o pubbliche, le cessioni ai fondi. Solo allorquando non sia possibile far riferimento alle citate rilevazioni di mercato, il comma 139 della legge sulla concorrenza prevede che la vendita o la ricollocazione del bene avvenga sulla base di una stima effettuata da un perito scelto dalle parti di comune accordo nei venti giorni successivi alla risoluzione del contratto o, in caso di mancato accordo nel predetto termine, da un perito indipendente scelto dal concedente in una rosa di almeno tre operatori esperti, previamente comunicati all’utilizzatore, che può esprimere la sua preferenza vincolante ai fini della nomina entro dieci giorni dal ricevimento della predetta comunicazione. Per quanto attiene alle caratteristiche del perito, la disposizione fornisce una definizione di perito indipendente:" quando non è legato al concedente da rapporti di natura personale o di lavoro tali da compromettere l’indipendenza di giudizio”. Tenuto conto che la società di leasing può svolgere esclusivamente attività di concessione di finanziamenti nella quale rientra la locazione finanziaria e che la mancata o non tempestiva reimmissione nel ciclo produttivo di un bene ad. macchinario o immobile riveniente da un contratto di leasing risolto farebbe concorrere quest’ultimo a costituire il suo patrimonio mobiliare o immobiliare, ponendo quest’ultima nella condizione di svolgere un’attività gestione di cespiti non in linea con l’attività istituzionale, all’ultimo periodo del comma 139 si prevede che nelle attività di vendita e ricollocazione del bene la società di leasing si attenga a criteri di celerità, trasparenza e pubblicità adottando modalità tali da consentire l’individuazione del miglior offerente possibile con obbligo di informazione dell’utilizzatore.

                                     

1.4. Definizione Trattamento fiscale del leasing finanziario

La deducibilità fiscale dei canoni di leasing finanziario è disciplinata dallart.54 co.2 per i lavoratori autonomi/professionisti e dallart. 102 co. 7 DPR 917/1986 Testo Unico Imposte sui Redditi per le imprese che non adottano i principi contabili internazionali cd. No ias adopter. Fino al 31.12.2013 per il leasing finanziario avente ad oggetto beni mobili, la deducibilità dei canoni era consentita in un periodo non inferiore ai 2/3 del periodo dammortamento ordinario, a prescindere dalla durata contrattuale, mentre i canoni relativi a contratti di leasing immobiliare erano deducibili in un periodo ricompreso tra gli 11 ed i 18 anni, in relazione allattività esercitata dallimpresa utilizzatrice. Gli autoveicoli - diversi da quelli utilizzati come strumentali allattività propria dellimpresa o concessi in uso promiscuo ai dipendenti – erano invece deducibili con le stesse tempistiche del processo di ammortamento. Per i contratti stipulati dal 1º gennaio 2014 da lavoratori autonomi/ professionisti e da imprese no IAS adopter la deducibilità dei canoni è consentita in un periodo non inferiore alla metà del periodo di ammortamento per i beni mobili attrezzature, impianti etc e non inferiore a 12 anni per gli immobili. Per questi ultimi, pertanto, la tempistica nella deducibilità dei canoni prescinde dal settore di attività in cui opera il locatario. Gli autoveicoli - diversi da quelli utilizzati come strumentali allattività propria dellimpresa o concessi in uso promiscuo ai dipendenti – sono invece deducibili con le stesse tempistiche del processo di ammortamento. La deduzione dei canoni di leasing è indipendente dalla durata del contratto. Pertanto, in caso di contratto con durata inferiore al minimo fiscale, le quote dei canoni eccedenti saranno riprese a tassazione durante la vita contrattuale, per essere poi dedotte al termine del contratto. Ai fini IRAP il canone di leasing finanziario è deducibile lungo la durata contrattuale. Le imprese utilizzatrici che adottano gli IAS deducono gli ammortamenti relativi ai beni acquisiti in leasing e gli interessi passivi leasing senza seguire le regole sulla durata fiscale.

                                     

1.5. Definizione Leasing operativo

Il leasing operativo non prevede unopzione di riscatto e può essere posto in atto, alternativamente:

da una banca o da un intermediario finanziario: in questo caso si tratta, come per la locazione finanziaria, di unoperazione trilaterale con causa di finanziamento in cui i rischi sul bene e lesecuzione degli eventuali servizi sono trasferiti dalla società di leasing ad un soggetto terzo di norma il fornitore;

da un intermediario non finanziario, che può trattenere in tutto o in parte i rischi sul bene e gestire in proprio o meno i servizi; in questo caso: o loperazione è trilaterale ed i beni da concedere in locazione generalmente non sono acquistati per massa rectius a stock ma ad hoc per il singolo cliente; o il concedente risponde degli eventuali vizi sul bene locato;

direttamente dal produttore del bene, in questo caso si tratta di unoperazione commerciale a struttura bilaterale nella quale il concedente/produttore risponde in prima persona degli eventuali vizi sul bene locato.

La presenza o meno della pattuizione di riacquisto rappresenta quindi uno degli elementi essenziali di discrimine per la qualificazione tra finanziaria e" operativa”. Lassenza dellopzione finale di acquisto riscatto rende tale schema contrattuale particolarmente adatto allutilizzo di beni strumentali per i quali linteresse allutilizzo da parte del conduttore coincide con la sola durata contrattuale.



                                     

2. Categorie

A seconda delle caratteristiche del bene oggetto del contratto si è soliti distinguere:

  • il leasing strumentale per macchine utensili, impianti tecnico-produttivi, attrezzature, arredi.
  • il leasing automobilistico per autoveicoli
  • il leasing navale per navi e imbarcazioni da diporto
  • il leasing immobiliare per immobili costruiti e da costruire.
  • il lease-back per immobili, impianti, marchi, brevetti.
  • il dry lease e il wet lease, forme utilizzate prevalentemente per gli aeromobili
                                     

3. Storia

Lo sviluppo nel tempo del leasing finanziario ed operativo è dovuto essenzialmente alle maggiori agevolazioni fiscali rispetto ad un acquisto diretto senza il ricorso ad alcun finanziamento. Altro vantaggio di non poco conto è lintestazione del bene in capo alla società locatrice, che fa sì che il locatario resti pressoché anonimo al fisco. Anonimato che viene meno solo in caso di verifica fiscale o di controllo diretto.

Fiscalmente la durata minima contrattuale del leasing non può essere inferiore ai 2 o 3 anni della vita utile del bene, utilizzando come termine di riferimento le tabelle ministeriali di ammortamento in uso per le varie attività economiche. Pertanto a fronte di uno scarico fiscale più ravvicinato, rispetto alla normale obsolescenza del bene, il locatario ottiene un maggior onere, deducibile dal reddito complessivo, venendo in tal modo a generarsi un risparmio di imposta. Fanno eccezione alla regola dei 2/3 anni le autovetture la cui durata contrattuale è di minimo 48 mesi, e gli immobili la cui durata contrattuale non può essere inferiore ai 18 anni.

La differenza che maggiormente distingue un leasing da un mutuo, o da unaltra operazione finanziaria, va ricercata nella convenienza che ha il locatario a non dover anticipare varie imposte, ma bensì riuscire a dilazionarle sulle singole rate di leasing. Un esempio può chiarire: si supponga di dover acquistare un bene o un immobile dallesborso molto alto; con un finanziamento ipotecario o chirografario si assolvono le imposte direttamente allacquisto con IVA o Registro fase impositiva e per lacquirente si genera quindi unuscita finanziaria piena che crea un eventuale credito dimposta da utilizzare poi, in compensazione. Con lopzione del leasing, che finanzia il costo bene, oltre alle imposte, in termini pratici si arriva a finanziare il 120% è la società di leasing che viene a trovarsi in una situazione di credito dimposta, mentre lutilizzatore beneficia della dilazione delle tasse: Iva o Imposta di registro, sulle varie rate e sul riscatto finale, andando così a spostare nel tempo unuscita finanziaria che altrimenti sarebbe immediata. Le società di leasing offrono anche altri tipi di vantaggi che un promittente acquirente di un bene dovrebbe conoscere; basti pensare che le società offrono anche la possibilità di contrarre leasing esteri. Ovvero è possibile acquistare in leasing un determinato bene utilizzando la formula finanziaria con la giurisprudenza più favorevole allutilizzatore. Anche qui un esempio può chiarire: se intendo acquistare una barca "importante" è preferibile che la stessa batta bandiera estera Isole Del Canale o BVI ecc. e non italiana. Ciò perché le norme del registro delle unità da diporto in Italia impongono come equipaggio minimo un comandante e due marinai, a differenza di quanto avviene allestero.

Senzaltro la flessibilità del piano di ammortamento è un vantaggio che solo la formula della locazione finanziaria può proporre allutilizzatore finale. Si possono avere rate mensili tarate sulle esigenze dello stesso, andando a modificare il maxi canone dellanticipo e dellimporto del riscatto finale, si possono avere rate crescenti oppure decrescenti, piani finanziari a rate anticipate od a rate posticipate, insomma viene costruito un vero abito attorno alle esigenze del cliente.

I principi contabili internazionali prevedono che il leasing finanziario sia sempre contabilizzato con il metodo finanziario.

                                     
  • italiana con sede a Salerno. Era una compagnia che si appoggiava tramite leasing alla compagnia aerea inglese Flightline. Ha iniziato il 4 giugno 2005
  • penalizzazione del Lonigo per decisione del Comitato Regionale Veneto. Il Fineco Leasing Bessica viene successivamente assorbito dalla Luparense, che acquisisce
  • Associazione Italiana Leasing su www.assilea.it. URL consultato il 7 giugno 2017. Elenco completo - Associazione Italiana Leasing su www.assilea.it.
  • Force decise di prendere in leasing 100 di questi KC - 767 da Boeing. Nonostante le varie nazioni che proponevano leasing di aerei militari non avessero
  • Corporation Sumitomo Mitsui Card Company. Limited Sumitomo Mitsui Finance and Leasing Co., Ltd. The Japan Research Institute. Limited SMBC Friend Securities
  • annunciato l arrivo, in leasing di due Airbus A330 - 200 a partire dal 2011 e contemporaneamente ha deciso di prolungare il leasing di due Boeing 767 - 300ER
  • forma simile all acquisto, ma profondamente diversa nella concezione, è il leasing che configura piuttosto un analogia con l affitto. Il pagamento viene
  • aerea charter e cargo con sede a Kópavogur, Islanda. È specializzata in leasing di aerei con la modalità wet lease sia per voli cargo che passeggeri inoltre

Anche gli utenti hanno cercato:

contratto di leasing esempio, contratto di leasing immobiliare, leasing calcolo, società di leasing,

...
...
...