Indietro

ⓘ Perché la Chiesa




Perché la Chiesa
                                     

ⓘ Perché la Chiesa

Perché la Chiesa è un saggio del sacerdote cattolico e teologo Luigi Giussani, fondatore del movimento Comunione e Liberazione. È il terzo e ultimo volume del PerCorso, opera in tre parti, pubblicata per la prima volta tra il 1986 e il 1992, nella quale don Giussani riassume il suo itinerario di pensiero e di esperienza e che rappresenta la base, sviluppata in quarantanni di insegnamento, della sua proposta educativa.

                                     

1. Storia editoriale

Il PerCorso nacque, come impianto iniziale, quale base delle lezioni di religione tenute da don Giussani al liceo Berchet di Milano negli anni cinquanta e in seguito rielaborata per linsegnamento di introduzione alla teologia allUniversità Cattolica. Lopera intende esemplificare le modalità secondo le quali si può aderire coscientemente e ragionevolmente al cristianesimo, tenendo conto dellesperienza reale.

Il libro ricalca, sviluppandola, limpostazione data da don Giussani in una sua prima opera intitolata Il senso religioso e pubblicata originariamente nel 1966. Seguendo lo schema lì adottato, il PerCorso inizia col tema del senso religioso inteso come "essenza stessa della razionalità e la radice della coscienza umana". Il secondo volume riguarda il tema della rivelazione, mentre il terzo verte sul tema della Chiesa.

Perché la Chiesa fu pubblicato in due tomi: il primo, intitolato La pretesa permane con chiaro riferimento al titolo del secondo volume Allorigine della pretesa cristiana, uscì per Jaca Book nel maggio del 1990; il secondo, intitolato Il segno efficace del divino nella storia, uscì invece nel marzo del 1992 come conclusione dellintero progetto editoriale del PerCorso.

Nel 2003 Rizzoli Editore, che aveva iniziato a pubblicare i libri di Giussani sin dal decennio precedente e aveva già ripubblicato i primi volumi del PerCorso, realizzò quella che, riveduta e corretta, con un nuovo apparato bibliografico e di note, una nuova introduzione dellautore e un nuovo capitolo finale, è considerata ledizione "definitiva" di Perché la Chiesa, riunendo in un unico volume i due tomi precedentemente editi da Jaka Book. Il testo fu poi pubblicato anche in edizione economica nella Biblioteca Universale Rizzoli nel 2005.

Lintero PerCorso è stato pubblicato da Rizzoli nel volume antologico Litinerario della fede nel 2007 allinterno della collana Firme Oro.

Nel 2014 Rizzoli ha pubblicato una edizione rinnovata del volume del 2003 con lidentico testo, ma con un aggiornamento dellapparato delle note.

Perché la Chiesa e gli altri testi del PerCorso sono alla base del volume per linsegnamento della religione cattolica rivolto agli studenti delle scuole superiori intitolato Scuola di religione e pubblicato dalla SEI di Torino nel 1999 e in una nuova edizione nel 2003.

Ledizione in lingua spagnola di Perché la Chiesa fu presentata il 15 giugno 2005 a Buenos Aires dallallora arcivescovo della capitale argentina Jorge Mario Bergoglio divenuto poi papa Francesco.

                                     

2. Contenuti

Dopo il tema del senso religioso, sviluppato nel primo volume del PerCorso, e quello dellavvenimento cristiano, la "pretesa" di Cristo di essere risposta al destino delluomo, sviluppato nel secondo, don Giussani affronta il tema della Chiesa, "il fenomeno storico il cui unico significato consiste nellessere per luomo la possibilità di raggiungere la certezza su Cristo".

In tal senso lautore sviluppa la risposta alla domanda "Io, che vengo il giorno dopo quello in cui Cristo se ne è andato, come faccio a sapere se veramente si tratta di qualcosa che sommamente mi interessa, e come faccio a saperlo con ragionevole sicurezza?". Questo è il problema di ciò che si chiama "Chiesa". Per la verifica a tale domanda, dice Giussani, è necessaria una "adeguata convivenza" e una "sintonia col fenomeno".

                                     

2.1. Contenuti Lindagine sul "problema Chiesa"

Giussani antepone allapprofondimento del problema due premesse. La prima indaga sul metodo da utilizzare per raggiungere una certezza sul "problema Chiesa". Lautore individua tre atteggiamenti culturali che offrono diverse rispostae alla domanda posta. Il primo è considerare la Chiesa un fatto del passato secondo un metodo "storico-razionalistico". Il secondo è quello della posizione protestante, secondo cui la certezza su Cristo avviene attraverso unilluminazione interiore. Il terzo atteggiamento è quello che Giussani giudica più ragionevole e adeguato alla domanda iniziale e che definisce "ortodosso-cattolico" secondo i metodo dell incontro con un fatto integralmente umano.

Nella seconda premessa Giussani individua i motivi e la dinamica secondo cui luomo, in particolare quello moderno, ha difficoltà nel comprendere il significato dellesperienza cristiana. In tal senso Giussani colloca storicamente tra la fine del Medioevo e linizio dellUmanesimo una discuntinuità che segna lavvio di un processo di disarticolazione della mentalità religiosa originaria e unitaria. Luomo inizia a bastare a se stesso e inizia la frammentazione in una moltitudine di ideali diversi fino al Rinascimento quando la natura, e non Dio, diventa la fonte ultima dellenergia umana. Il tutto porta infine alla concezione moderna razionalista e scientista. Il fattore comune a questa evoluzione frammentaria della mentalità è il concetto della centralità delluomo concepito astrattamente: "Dio non è negato.?". Innanzitutto, secondo lautore, è da tener presente che Gesù si rivolge alla persona così comè, con le sue esigenze del cuore e confrontandosi con tutta la sua esperienza elementare. La Chiesa quindi "scommette" sulluomo, un uomo dotato del necessario senso critico allenato nel continuo paragone con i criteri originali del cuore e in un continuo giudizio dettato dallesperienza. Alluomo è richiesta la necessaria disponibilità del cuore, cioè la mancaza di pregiudizio.

Giussani descrive i quattro frutti dai quali è verificabile lefficacia della presenza della Chiesa nella storia come prolungamento di Cristo e che sono elencati come caratteristiche fondamentali della Chiesa nella formula del Credo secondo il Simbolo niceno-costantinopolitano:

  • La cattolicità dal greco katholikós, "universale", dimensione della Chiesa che esprime la capacità di pertinenza allumano in tutte le variabili delle sue espressioni.
  • L apostolicità, secondo cui la Chiesa afferma di essere lunica depositaria di una tradizione di valori e di realtà che deriva dagli apostoli.
  • La santità, prerogativa delluomo realizzato, che vive e agisce con la consapevolezza del motivo ultimo della propria azione.
  • L unità, cioè una semplicità unificante nel sentire e giudicare lesistenza, di cui il dogma della Trinità è il fondamento.


                                     

2.2. Contenuti "Se di speranza fontana vivace"

Nella prefazione alledizione Rizzoli di Perché la Chiesa Giussani spiega perché è stato aggiunto un ultimo capitolo dedicato a Maria. "Senza la Madonna non potremmo intendere nulla del senso religioso né della pretesa cristiana, tanto meno della Chiesa" – gli argomenti dei tre volumi del PerCorso.

                                     

3. Indice

  • Parte prima - Al cuore del problema Chiesa
  • Sezione Prima - La pretesa permane
  • Prefazione alla nuova edizione
  • Prima premessa: Come raggiungere oggi la certezza sul fatto di Cristo
  • Seconda premessa: Difficoltà odierna nel capire il significato delle parole cristiane
  • Come introdursi allintelligenza della Chiesa
  • Parte seconda - I fattori costitutivi del fenomeno cristiano nella storia
  • La continuità di Gesù Cristo: radice della coscienza che la Chiesa ha di sé
  • I tre fattori costitutivi
  • Conclusione
  • Sezione seconda - Il segno efficace del divino nella storia
  • Parte terza - Come la Chiesa ha definito se stessa
  • Una missione della Chiesa verso luomo terreno
  • Il fattore umano
  • Il divino nella Chiesa
  • Parte quarta - La verifica della presenza del divino nella vita della Chiesa
  • "Dal frutto si riconosce lalbero"
  • Il luogo della verifica: lesperienza umana
  • "Se di speranza fontana vivace"
  • Alla fine del PerCorso
  • Indice dei riferimenti biblici
  • Indice tematico
  • Indice dei nomi
                                     

4. Edizioni

  • Luigi Giussani, Perché la Chiesa. Tomo 1, La pretesa permane. Volume terzo del PerCorso, 1ª ed., Milano, Jaca Book, Già e non ancora 177, maggio 1990, pp. 144, ISBN 88-16-30177-5.
  • Luigi Giussani, Perché la Chiesa. Volume terzo del PerCorso, 1ª ed., Milano, Biblioteca Universale Rizzoli, BUR Saggi, 2005, pp. 340, ISBN 978-88-17-00623-1.
  • Luigi Giussani, Perché la Chiesa. Volume terzo del PerCorso, 1ª ed., Milano, Rizzoli, ottobre 2003, pp. 330, ISBN 88-17-87298-9.
  • Perché la Chiesa in Luigi Giussani, Opere 1966-1992, Vol. 1, Il PerCorso, 1ª ed., Milano, Jaca Book, Già e non ancora 273, 1994, pp. 696, ISBN 88-16-30273-9.
  • Luigi Giussani, Perché la Chiesa. Volume terzo del PerCorso, nuova edizione, Milano, Rizzoli, gennaio 2014, pp. 330, ISBN 88-17-07004-1.
  • Luigi Giussani, Perché la Chiesa. Tomo 2, Il segno efficace del divino nella storia. Volume terzo del PerCorso, 1ª ed., Milano, Jaca Book, Già e non ancora 221, marzo 1992, pp. 152, ISBN 88-16-30221-6.


                                     

4.1. Edizioni Scuola di religione

  • Luigi Giussani, Scuola di religione. Per le scuole superiori, a cura di Gianni Mereghetti, 2ª ed., Torino, SEI, 2003, pp. 564, ISBN 978-88-05-02837-5.
  • Luigi Giussani, Scuola di religione. Per le scuole superiori, a cura di Marco Artoni, Gianni Mereghetti, 1ª ed., Torino, SEI, 1999, pp. 502, ISBN 978-88-05-02621-0.
                                     
  • La Chiesa di Danimarca, denominata anche Chiesa evangelica - luterana della Danimarca o Chiesa nazionale danese DA Den Danske Folkekirke o Folkekirken
  • La Chiesa ortodossa siriaca in siriaco: ʿIdto Suryoyto Trisuṯ Šuḇho è una Chiesa ortodossa autocefala originaria nel Vicino Oriente, ma con fedeli sparsi
  • significati, vedi Chiesa d Oriente disambigua La Chiesa d Oriente in siriaco ܥܕܬܐ ܕܡܕܢܚܐ Ēdṯāʾ d - Maḏenhā nota anche come Chiesa nestoriana, Chiesa persiana
  • forma di parrocchie e diocesi. La Chiesa di Svezia ha anche un organizzazione nazionale. La Chiesa di Svezia è una chiesa nazionale aperta, che, attraverso
  • Disambiguazione Chiesa ortodossa greca rimanda qui. Se stai cercando la chiesa greco - ortodossa in generale, vedi Chiesa greco - ortodossa. La Chiesa di Grecia
  • La santa Chiesa assira d Oriente in siriaco ʿedtā d - madnḫā è una Chiesa cristiana di rito siriaco orientale. Si considera la continuazione legittima
  • principale: Chiesa cattolica. Le Chiese cattoliche di rito orientale o Chiese sui iuris orientali sono Chiese particolari in piena comunione con la Santa Sede
  • Essenzialmente, la chiesa madre o chiesa matrice è la chiesa principale di un paese o di una città. A reggere tale chiesa è a volte un sacerdote insignito
  • La Chiesa cattolica sira è una Chiesa sui iuris patriarcale in comunione con la Chiesa cattolica. È formata dai fedeli della Chiesa degli ortodossi siriaci
  • Disambiguazione Chiesa copta rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Chiesa copta disambigua La Chiesa copta è una chiesa cristiana miafisita

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...