Indietro

ⓘ Cupolino (aeronautica)




Cupolino (aeronautica)
                                     

ⓘ Cupolino (aeronautica)

In aeronautica, il cupolino è una copertura trasparente posta sopra la cabina di pilotaggio in alcuni tipi di aerei. La sua funzione è quella di proteggere dagli agenti esterni e garantire un ambiente relativamente tranquillo agli occupanti del velivolo.

Data la posizione preponderante nella sezione frontale dellaereo, è fondamentale studiare adeguatamente laerodinamica di questo particolare per ridurre al minimo la resistenza allaria.

                                     

1. Storia

I primi aerei dei pionieri dellaviazione non avevano un tettuccio. I piloti erano esposti al vento e agli agenti atmosferici, ma è da notare che i voli agli albori dellera aeronautica venivano effettuati solo in condizioni meteorologiche favorevoli. Nel corso della prima guerra mondiale, la maggior parte degli aerei non aveva tettuccio, sebbene molti cominciassero a utilizzare dei piccoli parabrezza per riparare il pilota dal flusso aerodinamico generato dallelica e dal vento. Negli anni venti e trenta laumento delle velocità e delle quote raggiunte, si adottò lutilizzo di una protezione integrale dei piloti e lutilizzo di tettucci diventò diffuso.

I primi tettucci erano composti da diverse sezioni realizzate in vetro, tenute in posizione da una intelaiatura. Questa riduceva la visibilità, il che era un problema specialmente per gli aerei militari. Inoltre, il tettuccio di vetro era molto più pesante di quelli realizzati in polimetilmetacrilato, noto anche con il nome commerciale di plexiglas, che furono introdotti poco prima della seconda guerra mondiale. Il nuovo materiale acrilico consentiva la realizzazione di tettucci a bolla cupolini o in inglese bubble canopy privi di intelaiatura e furono utilizzati su velivoli quali i britannici Supermarine Spitfire e il Westland Whirlwind, con lintento di avvantaggiare i piloti in combattimento fornendo maggiore visibilità e riducendo i pesi.