Indietro

ⓘ Io sono Dio




Io sono Dio
                                     

ⓘ Io sono Dio

Io sono Dio è il quarto romanzo di Giorgio Faletti.

La presentazione è avvenuta il 16 maggio 2009. È pubblicato dalla casa editrice Baldini Castoldi Dalai. Faletti ha affermato in una presentazione che il titolo del libro è stato tratto da una frase pronunciata da Robert De Niro nel film Men of Honor - Lonore degli uomini.

                                     

1. Trama

Il libro inizia con un uomo che parla in prima persona, riflette sulla sua missione e, senza farsi vedere, preme un interruttore che porta con sé, e poco dopo un palazzo a New York esplode. Luomo poi pronuncia la sibillina frase:

"Questo è il mio potere. Questo è il mio dovere. Questo è il mio volere. Io sono Dio."

Andando indietro nel tempo si ha modo di seguire il rilascio da una struttura medica militare negli USA del soldato Wendell Johnson, sopravvissuto alla guerra del Vietnam, riportando però delle gravissime ustioni sul viso e su tutta la superficie del corpo a causa di un attacco aereo con il napalm diretto contro i vietcong, rivelatosi fatale per il commilitone amico di Johnson e con il quale era finito nelle mani del gruppo di resistenza sud-vietnamita. Johnson ripercorre mentalmente il cammino che lo ha portato lì, di come fu costretto a partire volontario per il Vietnam dopo essere stato ingiustamente accusato di un doppio omicidio da parte dello sceriffo ed il vice della sua contea. Tornato a casa, egli incontra Ben Shepard, il suo mentore e figura paterna, al quale rivela tutta la sua storia. Da Ben Shepard viene a sapere che la sua ragazza ha dato alla luce un bambino ma, considerato il suo stato, gli chiede di non dire a lei né a nessuno di essere vivo e di essere tornato. Dopo aver preso le sue cose e il suo gatto, fa una visita allo sceriffo e vice, vendicandosi di loro bruciandoli vivi.

Di nuovo al presente, linvestigatrice Vivien Light del 13º distretto di Manhattan indaga sul ritrovamento di un cadavere sotterrato nella calce, e riesumato a seguito di alcuni lavori in un cantiere. Vivien sta attraversando un periodo piuttosto cupo nella sua vita, poiché sua sorella Greta è ricoverata a seguito di una malattia incurabile e la nipote Sundance è una tossica ricoverata a Joy, comunità di recupero per ragazzi che hanno avuto problemi di droga, gestita da padre Michael McKean e John Kortighan. Mentre indaga, scopre un fascicolo contenente alcune foto, tra cui un uomo con in braccio un gatto con tre zampe e di due persone davanti ad un carro armato. Nel mentre, uno spacciatore e borseggiatore, soprannominato Ziggy Stardust, deruba la persona sbagliata e muore, non prima di aver dato ad un suo cliente, Russel Wade, un foglio fotocopiato ed una foto, precedentemente sottratti al suo assassino. Intanto il 13º Distretto è nel caos a causa dellesplosione di un palazzo nel Lower East Side, lo stesso avvenuto allinizio della storia. Russel si presenta al distretto e parlando con Vivien e il suo superiore, il capitano di polizia Alan Bellew, rivela quello che ha scoperto: un individuo, che il lettore immagina benissimo essere Johnson, mentre lavorava nelledilizia ha deciso di vendicarsi contro il Paese che lo ha tradito e sfigurato in guerra, piazzando delle cariche esplosive unite al napalm e collegando le cariche a un telecomando a radiofrequenze per farle esplodere non appena lui lavesse voluto in ogni fabbricato newyorkese in cui ha lavorato. Tutto questo è descritto nel foglio consegnatogli dal suo ex-spacciatore, ma non è stato lui ad attivare la bomba, visto che, come si capisce da quanto scritto, luomo era fin di vita e prima di morire ha chiesto al figlio di portare a termine la sua vendetta dandogli il telecomando e la lista degli edifici pronti ad esplodere. Non si sa chi esso sia né quali saranno i prossimi obbiettivi perché la lettera di Wade è solo la parte centrale, ma comunque qualcosa da cui cominciare. In cambio delle informazioni Russel chiede di poter partecipare alle indagini in modo da poter avere lesclusiva e scriverci una storia sopra. Vivien e Bellew, seppur a malincuore, accettano le condizioni delluomo, e la detective lo affianca come partner.

Durante le indagini la donna ha modo di capire la situazione di Russel Wade, un uomo dalla pessima fama per laver spacciato per sua una foto scattata da suo fratello Robert, La seconda Passione, che gli è addirittura valso un premio Pulitzer successivamente toltogli quando è saltata fuori la verità; un gesto giustificato come un tentativo rivelatosi vano di uscire dopo tutta una vita dallombra di suo fratello al quale comunque era molto affezionato e del padre Jenson Wade, uno degli uomini più potenti di New York, che ha sempre avuto una pessima considerazione del secondogenito. Questo fa avvicinare molto Vivien alluomo, avendo vissuto una situazione analoga con sua sorella, specie poi quando questi viene diseredato definitivamente dal padre a causa degli ultimi problemi che gli ha causato e, dopo averlo salvato da un pestaggio ordinato da uno strozzino, lo porta in casa sua, dove passano la notte assieme per cercare di calmarsi dopo gli ultimi eventi, ma poco dopo unaltra esplosione preannuncia che un altro palazzo è stato distrutto dal misterioso assassino. Le indagini si intensificano, ma lunica cosa che salta fuori è il nome delluomo sepolto nella calce, ovvero Mitch Sparrow, un ex motociclista e operaio edile, che aveva lavorato assieme alluomo che ha piazzato le bombe nei palazzi e ucciso da questi quando ha scoperto cosa stava facendo. Inoltre si scopre che entrambi avevano lavorato ad una casa appartenente ad un militare, il maggiore Mistnick, successivamente fatta saltare in aria con l conseguente morte del maggiore e della famiglia. Dopo essersi fatti dare le documentazioni dalla ditta che aveva fabbricato la casa, la detective e Russell risalgono a Jeremy Cortese, precedentemente incontrato da Vivien durante le indagini sulla morte di Sparrow, scoprendo che luomo era orribilmente sfigurato, dettaglio che già immaginavano dalla lettera. Dopodiché la detective fa passare al setaccio gli ospedali della città per scoprirne il nome, ipotizzando che questi fosse morto in ospedale a causa della sua malattia e risalgono a Wendell Johnson, ma la loro unica pista si interrompe poco dopo: stando alle parole del fratello di Johnson, lunico suo parente ancora in vita, egli non aveva mai lavorato nelledilizia e non è lui luomo nella foto, ma che probabilmente era il suo compagno nella foto in cui erano ritratti entrambi, che al momneto è identificato con il nome di Little Boss, oltre al fatto che il nome di Johnson è coperto dal segreto militare, pertanto non si possono continuare le indagini nonostante la gravità della situazione. Questo inasprisce anche i rapporti tra Russel e Vivien, che litigano e si separano, continuando le indagini ciascuno per conto proprio, con sommo dispiacere per entrambi.

Vivien viene poi contattata da padre McKean, il quale è visibilmente terrorizzato e spaventato da quello che ha recentemente vissuto: lattentatore si è andato a confessare da lui, rivelandogli come la città sia in suo potere, e di come intenda distruggere quel che è stato costruito, in un discorso delirante tra teologia e furia vendicatrice, considerandosi addirittura Dio pronunciando la stessa frase poche da il titolo alla storia. Dopo averlo rivelato a Vivien, questa gli chiede di registrare e descrivegli meglio luomo che ha intravisto, con la promessa di non rivelare a nessuno di aver infranto il segreto del confessionale. La storia si concentra successivamente sulle indagini di Russel, il quale riesce a convincere il padre a dargli una mano a condizione di lavorare alle sue dipendenze per una cifra irrisoria. Jenson quindi sfrutta la sua rete di agganci e favori per permettere al figlio di scoprire la verità dietro Johnson e, ascoltando una conversazione in vivavoce con un ufficiale, scopre dellattacco nel 1970 ad un gruppo di vietcong in cui fu sfigurato luomo che credevano essere Johnson, e ordinato dallesercito statunitense per la precisione dal maggiore Mistnick, del quale poi si vendicò, in cui salta fuori il nome dellaltro uomo creduto morto: Matt Corey. Con queste nuove informazioni, Russel viaggia fino in Ohio, nella terra natale di Corey e qui riesce a parlare con Ben Shepard, ancora in vita. La storia che il vecchio gli racconta spiega alcuni retroscena del soldato di cui nessuno era a conoscenza: dopo averlo preso sotto la sua ala dopo che questi era uscito dal riformatorio, il ragazzo soprannominato Little Boss per la sua attitudine al comando nei cantieri, fu incastrato in realtà, con lausilio dello sceriffo e del suo vice, da un giudice molto potente, Swanson, la cui figlia, Karen, stava frequentando Matt, ritenuto un poco di buono. Per questo motivo fu costretto a partire in Vietnam in alternativa alla prigione, ma prima di partire per la guerra Karen rimase incinta, e riuscì a tenerlo minacciando il padre di rivelare chi fosse il padre del bambino e che il giudice la voleva far abortire, ma dopo lattacco in Vietnam e il recupero dei corpi, a causa di uno scambio di piastrine, lesercito USA congedò Matt Corey sotto il nome del commilitone Wendell Johnson. Shepard rivela anche il nome del bambino, Manuel Swanson, e che probabilmente si guadagnava da vivere come comico, dandogli un poster con il quale potrebbero identificarlo. Vivien, recatasi allultimo domicilio di Corey, scopre alcuni disegni di costellazioni, in particolare uno, che la detective posiziona sopra una mappa di New York, scoprendo quale saranno i prossimi obiettivi del figlio di Corey, ma un luogo in particolare suscita in lei una terribile preoccupazione, essendo il palazzo in cui si trova la comunità di Joy e sua nipote Sundance. Russel riesce a raggiungerla di nuovo a New York, e assieme si recano a Joy per fermare lattentatore, ascoltando nel mentre anche la conversazione tra McKean e lattentatore. In macchina anche Russel racconta a Vivien quello che ha scoperto le mostra il poster, cosa che mette ancora di più in agitazione la donna, perché ha capito a chi stanno dando la caccia. A Joy i due si precipitano immediatamente nelle stanze di padre McKean, ma lo trovano morto, ucciso da John Kortighan. A quel punto si scopre la verità: Manuel Swanson era il vero nome di padre McKean, che negli anni, a causa della sua professione di ventriloquo, aveva sviluppato un disturbo di personalità multipla; una era appunto McKean, quella più mite e buona, tanto da violare il segreto della confessione cristiana per salvare degli innocenti, laltra quella di Manuel, più crudele e fanatica simile allimitazione di Dio che faceva con il suo pupazzo. Kortighan lo aveva successivamente ucciso per salvare il buon nome delluomo e della sua comunità una volta scoperta la verità.

Infine viene narrato lepilogo di tutti i personaggi principali: Sundance, nipote di Vivien, dopo la morte della madre decide di rimanere ad aiutare al Joy, ora mantenuto da finanziamenti municipali; Russel riesce ad ottenere il successo personale inseguito dopo tanti anni con la pubblicazione di un suo articolo che narra lintera vicenda, riscoprendosi come un formidabile scrittore, che forse gli varrà il Pulitzer, e a liberarsi della morsa del padre dopo avergli fatto credere che ha registrato lintera discussione tra lui e lufficiale dellesercito; Vivien, infine ritrova Russel a casa sua e finalmente i due possono cominciare una relazione, con la donna ora libera dai fantasmi del passato di questa oscura vicenda.

                                     

2.1. I personaggi Personaggi principali

  • Michael McKean, prete, fondatore di Joy, comunità di recupero per ragazzi che hanno avuto problemi di droga.
  • Russel Wade, scrittore che partecipa alle indagini con Vivien.
  • Jenson Wade, padre di Russel.
  • Wendell Bruce Johnson, caporale reduce del Vietnam.
  • Vivien Light, detective del 13º distretto di polizia di New York.
                                     

2.2. I personaggi Personaggi secondari

  • Ronald Freeman, vice capo di Jeremy, di colore, alto e corpulento.
  • Geoffry Hetch, generale dellesercito.
  • Jonas Manson, trafficante di droga, fratello maggiore di Jubilee.
  • Alan Bellew, capo di Vivien, capitano di polizia.
  • Robert Star, detective collega di Vivien, lavora nella zona di Brooklyn.
  • Victor Salinas, poliziotto.
  • Jeff B. Anderson, reduce del Vietnam dove ha perso le gambe, originario di Atlanta; ricoverato in ospedale in attesa di ricostruzione, unico amico di Wendell.
  • Richard, ex fidanzato di Vivien.
  • Jack Borman, coroner medico legale.
  • Zbigniew Malone, detto Ziggy Stardust, borseggiatore, spacciatore.
  • Herbert Lewis Swanson, giudice di contea.
  • Nathan, cognato di Vivien, padre di Sundance.
  • Matt Corey, soldato, prigioniero con Wendell.
  • Judith, anziana vicina di casa di Wendell.
  • Wilson Gollemberg, sindaco di New York.
  • Jeremy Cortese, operaio edile, dirige alcuni cantieri.
  • Jenny, moglie di Jeremy.
  • Sam, figlio maggiore di Jeremy Cortese.
  • Sundance, figlia di Nathan e Greta, nipote di Vivien.
  • Elisabeth Brokens, moglie di Charles.
  • Ben Shepard, titolare di una ditta di demolizioni, ristrutturazioni, costruzioni, dove lavorava Wendell prima di partire per la guerra.
  • Charles Brokens, proprietario della compagnia per cui lavora Jeremy, marito di Elisabeth.
  • Savine, dottore che segue Greta.
  • Karen, donna di Wendell, figlia di Herbert.
  • James Ritter, giovane operaio che lavora nella squadra di Jeremy.
  • Greta, sorella di Vivien.
  • Robert Wade, fratello di Russel, fotografo morto anni prima.
  • Tyler, poliziotto.
  • Chuck Newborn, operaio edile.
  • Paul Smith, reverendo di Saint Benedict.
  • Lester Johnson, fratello di Wendell.
  • Janet Carrara, cuoca della comunità Joy.
  • Justin Chowsky, titolare di un punto vendita di motociclette Harley Davidson.
  • John Kortighan, braccio destro di Michael McKean, responsabile laico di Joy.
  • Brett Tyler, collega di Vivien.
  • Margareth Taylor Wade, madre di Russel appartenente allalta borghesia di Boston.
  • Mistnick, maggiore che ordina unincursione aerea in Vietnam.
  • Carmen Montesa, moglie di Mitch, ispanica, fa linfermiera.
  • Frank Ritter, caposquadra della polizia scientifica.
  • LaMarr Monroe, malvivente, strozzino, presta soldi a Russel.
  • Henry, maggiordomo di casa Wade.
  • Peter Curtin, detective.
  • Barry Lovito, avvocato di origine italiana che lavora a Manhattan; lascia un patrimonio alla comunità Joy.
  • Fred Wyring, ingegnere con cui ha lavorato Jeremy.
  • Mitch Sparrow, uno dei membri degli Skullbusters, un gruppo di motociclisti.
  • Jubilee Manson, paziente di Joy di colore, fratello di Jonas.


                                     

3. Edizioni

  • Giorgio Faletti, Io sono Dio, in Romanzi e Racconti, Dalai Editore, 19 maggio 2009, pp. 523, ISBN 978-88-6073-405-1.
  • Giorgio Faletti, Io sono Dio, in 10 e Lode, edizione tascabile, Dalai Editore, 11 ottobre 2011, pp. 523, ISBN 978-88-6620-223-3.
  • Giorgio Faletti, Io sono Dio, in Romanzi e Racconti, Baldini+Castoldi, 6 luglio 2015, pp. 523, ISBN 978-88-6852-871-3.