Indietro

ⓘ Regolamenti governativi




                                     

ⓘ Regolamenti governativi

I regolamenti governativi, nellordinamento giuridico italiano, costituiscono fonti normative secondarie e si collocano al di sotto delle fonti costituzionali e delle fonti primarie. Secondo la dottrina sono atti formalmente amministrativi e sostanzialmente normativi. Il loro collocamento al di sotto delle fonti primarie è giustificato dal processo richiesto per la loro approvazione, dal quale il Parlamento è completamente escluso: i regolamenti governativi sono infatti proposti ed accettati interamente allinterno dellesecutivo.

                                     

1. Descrizione

Avendo la forma di atto amministrativo un regolamento può essere annullato da un giudice amministrativo nel caso in cui contrasti con la legge principio di legalità amministrativa e leffetto della pronuncia varrebbe erga omnes, cioè tutti i soggetti dellordinamento, pubblici e privati risentirebbero della pronuncia. Il giudice ordinario non può annullare un atto amministrativo, ma può disapplicarlo inter partes, cioè leffetto sarebbe ristretto alle sole parti in causa.

Nella gerarchia delle fonti, i regolamenti sono norme di rango secondario e quindi, come tali, sono subordinati alle leggi ordinarie e disciplinano materie non regolamentate da leggi, o si limitano ad eseguirne le disposizioni.

La legge 400/1988 allart 17 commi 1 e 4 definisce il procedimento di adozione. Il Consiglio dei ministri C.d.M delibera ladozione del regolamento, acquisendo preventivamente il parere del Consiglio di Stato. Il parere, acquisito entro 90 giorni, è obbligatorio e non vincolante, perché il Governo può discostarsene i motivi verranno formulati in C.d.M nella relazione del Ministro che propone questazione. Una volta deliberato il regolamento in C.d.M questo viene emanato per Decreto del Presidente della Repubblica D.P.R. A questo punto il regolamento è un atto amministrativo considerato perfetto, ma non efficace. Perché latto acquisisca efficacia deve passare sotto il controllo di legittimità esercitato dalla Corte dei conti, la quale appone il visto e provvede alla registrazione. Solo alla fine di questo procedimento il regolamento viene pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Qualora, invece, il regolamento venga emanato da un Ministro nellambito di competenza del proprio dicastero, il procedimento è semplificato ed esso assume la forma del decreto ministeriale.

                                     

1.1. Descrizione Sindacato indiretto della Corte Costituzionale

Propriamente la Corte Costituzionale non ha il potere di giudicare e annullare un regolamento governativo, ma al limite la norma primaria che tale regolamento deve richiamare e sulla quale legittimamente si fonda. La Consulta esercita un sindacato indiretto sui regolamenti: in quanto lannullamento di una singola norma primaria alla quale un regolamento si richiama, comporta la nullità del regolamento stesso.

Nessuna norma costituzionale impone a un regolamento di richiamarsi a norme primarie, a pena di inefficacia, né di indicare puntualmente nel regolamento il fondamento dei suoi articoli e disposizioni a partire da relative norme primarie. Questa ultima cosa, se fosse, permetterebbe di sancire quali articoli o disposizioni del regolamento andrebbero invalidati a seguito di una sentenza indiretta della Consulta volta a dichiarare illegittima tutta o una parte della cosiddetta legge primaria di autorizzazione al regolamento. Al contrario, non è previsto che i regolamenti debbano puntualmente riportare, per ogni disposizione in essi contenuta, la corrispondente norma primaria che di volta in volta le riconosca, quanto piuttosto è avallata, per la qualificazione del regolamento come validamente idoneo a ordinare, la tendenza alla mera invocazione formale e generale dellatto legislativo =primario delegificante.

Per questultimo, allo stesso tempo, non è previsto che debba disporre preventivamente e puntualmente le disposizioni di legge abrogabili, consentendo quindi alle norme poste dai regolamenti in delegificazione di sostituire mediatamente alla legge di autorizzazione, ma pur sempre direttamente il contenuto dellatto legislativo delegificato.

In alcuni casi poi, i regolamenti di Governo e authority amministrative vengono emanati anche in presenza di vuoto legislativo, quindi senza richiamarsi a norma primaria alcuna. In questo caso, non infrequente, si è in presenza di una fonte del diritto, seppure secondaria, che sfugge a qualsiasi possibilità di un vaglio costituzionale.

                                     

2. Tipologia del regolamento

Lart. 17 della legge 400/1988, recante Disciplina dellattività di governo e organizzazione della Presidenza del Consiglio, distingue cinque diversi tipi di regolamento:

  • regolamenti delegati o autorizzati: previsti al fine di dare corso ad un processo di delegificazione ossia dellattribuzione al Governo del compito di regolamentare certe materie anche in deroga ad una disciplina precedentemente posta dalla legge. Tale processo è garantito da una legge avente contenuto autorizzatorio del Parlamento che permette di disciplinare con regolamento un oggetto già regolato da legge, anche su una materia coperta da riserva di legge purché non assoluta. La legge di autorizzazione dispone labrogazione della normativa vigente con effetto però dallentrata in vigore del regolamento abrogazione differita.
  • di attuazione delle direttive europee: si tratta di regolamenti che fanno seguito a disposizioni della legge comunitaria tramite la quale lItalia si adegua annualmente agli atti comunitari e che possono essere adottati in materie di competenza legislativa esclusiva statale già disciplinate da legge seppur non coperte da riserva assoluta.
  • regolamenti di attuazione e integrazione: essi sono adottati quando una disciplina è coperta da riserva di legge relativa e nel caso in cui una legge definisca soltanto norme di principio; tale tipo di regolamento favorisce una migliore applicazione della legge, colmando eventuali incompletezze mai per materie coperte da riserva di legge assoluta.
  • regolamenti organizzativi: disciplinano lorganizzazione interna dei pubblici uffici, e prima del 1948 godevano di un ampio raggio dazione. Dallentrata in vigore della Costituzione repubblicana, essendo la materia coperta da riserva di legge relativa, essi non si distinguono più nella sostanza dai regolamenti di esecuzione o di attuazione e integrazione. Tuttavia, nel 1997 la materia è stata oggetto di delegificazione, per cui ad essi si sono sostituiti i regolamenti delegati.
  • regolamenti di esecuzione: sono di norma previsti dalla legge al fine di dettare norme specifiche per la sua corretta esecuzione, ovvero predispongono gli strumenti più opportuni per leffettiva messa in pratica delle disposizioni di legge; possono inoltre assolvere allimportante funzione di precisare e integrare le norme predisposte dalla legge funzione interpretativa.
  • regolamenti indipendenti: essi sono adottati autonomamente dal Governo per regolamentare materie che non sono affatto disciplinate da una fonte primaria con esclusione di quelle coperte da riserva di legge assoluta e che quindi sono solitamente di modesta rilevanza. Non possono mai derogare ad una norma di legge.


                                     
  • i numeri per condizionare il percorso legislativo dei provvedimenti governativi Questi strumenti hanno maggiore forza poiché non sono solo strumenti
  • sistema della ULC è testato nel tempo supportando regolamenti di sicurezza dei prodotti governativi e partecipa alle iniziative di sicurezza federali
  • classi più agiate a rintanarsi in città sotterranee, tra intrighi governativi regolamenti di conti tra mafiosi, gruppi rivoluzionari di ambientalisti, mostruosità
  • Rapporti con l estero Regolamento e amministrazione Sanità, istruzione, lavoro e pensioni Sicurezza interna e affari governativi Sistema giudiziario
  • 112 ma, per arrivare al regolamento governativo di attuazione, è stato necessario, come si apprende dal preambolo del regolamento porre in essere il seguente
  • residenza, per le persone giuridiche invece dalla propria sede legale. I regolamenti comunali sono gli statuti con le norme fondamentali dei comuni. Regolano
  • il 1º luglio 1982. Nella fine di giugno del 1983 c erano tre uffici governativi Servizio Civile, Lavori Pubblici, e Istruzione quattro dipartimenti
  • L FDA ha come scopo la protezione della salute dei cittadini attraverso regolamenti che controllino la messa sul mercato dei prodotti che sono sotto la sua
  • quinta sala illustra la parte burocratica, cioè tasse, regolamenti e disposizioni governative Il museo è collocato nelle ex scuderie padronali, nei seminterrati
  • direttore generale emana con decreto gli statuti ed i regolamenti di ateneo ed i regolamenti interni delle sue articolazioni organizzative dipartimenti
  • relativo regolamento emanato con regio decreto 1º febbraio 1891 n. 260 Regolamento generale degli stabilimenti carcerari e dei riformatori governativi Rimase

Anche gli utenti hanno cercato:

regolamenti di riordino, regolamenti enti locali, regolamenti governativi sono emanati,

...
...
...