Indietro

ⓘ Elettrosensibilità




                                     

ⓘ Elettrosensibilità

L elettrosensibilità o elettroipersensibilità è un insieme di sintomi fisici e/o psicologici che un soggetto afferma essere causati da campi magnetici, elettrici o elettromagnetici, a un livello di esposizione tollerato dalle altre persone.

LES non è riconosciuta come una vera e propria malattia dallOrganizzazione mondiale della sanità e dalla comunità scientifica. La principale obiezione è la mancanza di evidenze scientifiche che forniscano parametri in grado di dimostrare il rapporto di causa-effetto tra sintomi e esposizione. Da quando, nel 2005 una revisione sistematica ha rilevato che non cè alcuna prova che tali malesseri siano causati dai campi elettromagnetici, molti studi in doppio cieco sono stati pubblicati, ognuno dei quali suggerisce che coloro che affermano di essere malati non riescono a distinguere la presenza del campo elettromagnetico.

La OMS rileva che studi ben controllati hanno mostrato come i sintomi non sono causati dai campi elettromagnetici e che ci sono alcune indicazioni che tali sintomi sono dovuti a preesistenti condizioni psichiatriche, stress o sono causati dalla stessa paura dei campi elettromagnetici. La OMS aggiunge che la mancanza di evidenti basi tossicologiche o fisiologiche e di verifiche indipendenti la rendono simile ad unaltra condizione patologica: la sensibilità chimica multipla.

Tale posizione della OMS è contestata dalle associazioni dei malati, diffuse in tutto il mondo.

                                     

1. Epidemiologia

Una piccola parte della popolazione che si definisce ES dichiara di esserne fortemente colpita. Come esempio, uno studio ha stimato che circa il 10% dei soggetti ES in Svezia sono in malattia o sono in pensione anticipata o pensione di disabilità, paragonati al 5% della popolazione generale, mentre una seconda ricerca ha riportato che su 3406 persone che accusavano "disturbo" da dispositivi elettrici l11% riporta "molto" disturbo. LES può avere un impatto significativo sulla qualità di vita causando un deterioramento fisico, mentale e sociale e distress psicologico.

                                     

2. Eziopatogenesi

Le persone soggette ad elettrosensibilità affermano di presentare differenti livelli di risposta ai campi elettrici, campi magnetici e alle diverse frequenze delle onde elettromagnetiche.

È una materia controversa, poiché nonostante limponenza dei sintomi accusati da alcuni soggetti colpiti, nessuna sperimentazione a doppio cieco è riuscita sinora a dimostrare univocamente il legame fra i campi elettromagnetici e la sindrome e si ritiene che la fonte prima possa avere natura psicosomatica.

Coloro che ne sostengono la natura organica rilevano come molti apparecchi elettrici siano stati sospettati essere causa della sintomatologia, e una ricerca del 2004 ipotizza che le antenne per i telefoni cellulari e per i cordless, le linee elettriche ad alta tensione ravvicinate, i trasformatori e i telefoni cellulari sarebbero le più comuni fonti dei disturbi da elettrosensibilità.

                                     

3. Controversie

Nel 2005 la OMS ha suggerito che si possa utilizzare il termine "Intolleranza ambientale idiopatica" per descrivere lES, poiché tale definizione ha carattere generale, ovvero raggruppa condizioni patologiche varie delle quali non si conosce lorigine ed è eziologicamente neutrale. Essa tuttavia è molto meno diffusa di "elettrosensibilità". Pur riconoscendola quale "potenziale fattore di disabilità funzionale", la OMS ribadisce in particolare che" non esistono criteri diagnostici chiari per lipersensibilità ai campi elettromagnetici e non esiste alcuna base scientifica per associarne i sintomi allesposizione ai campi elletromagnetici”.

Studi scientifici condotti in doppio cieco, tesi a provare la relazione tra lesposizione a un campo elettromagnetico e lincidenza dei sintomi di elettrosensibilità hanno dimostrato che i soggetti colpiti non sono generalmente in grado di distinguere i campi elettromagnetici reali da quelli che credono tali. I risultati hanno portato lautore dello studio a concludere che: "Gli studi osservativi disponibili non permettono di individuare una differenza tra gli effetti biofisici dovuti allelettrosensibilità e un effetto nocebo".

La posizione ufficiale della OMS è contestata dalle associazioni dei malati che, supportate da alcuni studi che ne collocherebbero lorigine nellesposizione a campi elettromagnetici, la ritengono un"intolleranza ai campi elettromagnetici" ne definiscono protocolli diagnostici e terapeutici.



                                     

4. Trattamento

Nessun trattamento efficace per coloro che affermano di essere affetti da elettrosensibilità è ancora noto, principalmente perché lesistenza stessa della condizione resta non accertata.

La principale strategia è di evitare, il più possibile, lesposizione ai campi elettromagnetici per chi soffre di grave ES; ciò presenta difficoltà pratiche nella società moderna. Gli altri metodi usati spesso dai pazienti includono: schermatura ad es. con reti metalliche messe a terra, filtri elettrici e al trattamento delle condizioni correlate.

Una rivista del 2006 ha identificato nove trial clinici testando diversi trattamenti per lES: quattro provarono filtri visivi per gli schermi, uno un dispositivo che emetteva campi elettromagnetici "schermanti", uno ha testato lagopuntura e un altro studio lassunzione giornaliera di vitamina C, e selenio. Lautore ha concluso che: "Ulteriori ricerche sono necessarie prima che qualche definitivo trattamento clinico possa effettuarsi. Comunque, la migliore prova attualmente disponibile suggerisce che la terapia cognitivo-comportamentale sia efficace per coloro che riferiscono ipersensibilità a campi elettromagnetici di debole entità.".

                                     

5. Posizioni governative e politiche

In Svezia lEHS non è riconosciuta come malattia ma è riconosciuta dal Governo come causa di invalidità funzionale.

LAssemblea Parlamentare del Consiglio dEuropa ha raccomandato agli Stati Membri di "prestare unattenzione particolare alle persone elettrosensibili che soffrono di una sindrome di intolleranza ai campi elettromagnetici e di introdurre specifiche misure per proteggerli, inclusa la creazione di aree wave-free, non coperte dalle reti wireless"

                                     
  • consultato il 22 novembre 2019 archiviato il 22 novembre 2019 Antenna Elettrosensibilità Modulazione Telefono cellulare Wikinotizie contiene l articolo Elettrosmog:
  • 3 della popolazione dei paesi occidentali denuncia i sintomi dell elettrosensibilità emicranie, sudorazione, tachicardia, vertigini e stanchezza, ma
  • totale mancanza di elettricità in casa - dovuta di fatto alla sua elettrosensibilità - l uomo adduce come motivazione un disguido con la compagnia elettrica

Anche gli utenti hanno cercato:

elettrosensibilità e omeopatia,

...
...
...