Indietro

ⓘ Aurelio Chessa




                                     

ⓘ Aurelio Chessa

Fornaio in Egitto, poi ferroviere, dallimmediato secondo dopoguerra si occupa del reperimento e dellarchiviazione del materiale inerente alla vicenda anarchica, di cui abbraccia lideologia. Quando muore Giovanna Caleffi, moglie di Camillo Berneri che oltretutto allevò anche i figli di Antonio Cieri, riceve dalla figlia di Berneri, Giliana, lenorme documentazione raccolta dalla famiglia, della quale inizia il riordino e la divulgazione una quindicina danni più tardi. Si sposta in continuazione per seguire le tracce lasciate dai documenti e trovarne di nuovi, risiedendo a: Pistoia, Iglesias, Genova, Canosa e Cecina. Quando muore il lavoro è portato avanti dalla figlia Fiamma.

Dal punto di vista politico Chessa contribuisce alla redazione e pubblicazione dei giornali Volontà e LInternazionale che fan capo alle formazioni denominate Gruppi di iniziativa anarchica nate dalla scissione della Federazione anarchica italiana FAI nel congresso del 1965, formazioni in forte contrasto con altre precedenti quali i Gruppi Anarchici di Azione Proletaria di Lorenzo Parodi gruppo considerato una fra le matrici di Lotta Comunista. Sempre a Genova è fra i fondatori dei Gruppi Anarchici Riuniti con sede in Via degli Embriaci, strada situata in una zona dove tradizionalmente risiedono associazioni della sinistra comunista e libertaria. Le sue ricerche sul fuoriuscitismo, sullAntifascismo sulla guerra civile spagnola, sul movimento operaio, sono cospicue. Fra queste ricordiamo: Camillo Berneri: un anarchico italiano 1897-1937, Documenti e periodici dellArchivio Famiglia Berneri,

Futuristi e anarchici quali rapporti?, Gli eroi guerreschi come grandi criminali, Guerra di classe in Spagna, Il peccato originale, Mussolini grande attore, Mussolini normalizzatore e il delirio razzista, Novelle di Berneri, studi sulle vicende di Sante Pollastri, Leda Rafanelli, Clément Duval.