Indietro

ⓘ Partito Comunista della Nuova Zelanda




Partito Comunista della Nuova Zelanda
                                     

ⓘ Partito Comunista della Nuova Zelanda

Il Partito Comunista della Nuova Zelanda è stato un partito politico comunista neozelandese presente dagli anni venti fino agli anni novanta del Novecento. Attualmente, il diretto successore del PCNZ è il gruppo Socialist Worker, mentre il Partito Comunista dAotearoa si dichiara la legittima continuazione del PCNZ.

                                     

1. Storia

Il PCNZ venne fondato a Wellington nel mese di marzo del 1921 da diciotto delegati provenienti dai circoli di studio del marxismo e dal Partito del Lavoro di Nuova Zelanda. Il Partito, che aderì immediatamente alla Terza Internazionale, assunse un manifesto politico molto simile a quello dei bolscevichi russi ed elesse Jim Dyer suo primo segretario generale.

Inizialmente, negli anni 1920, il PCNZ non riuscì ad entrare attivamente nei movimenti di massa e nei movimenti dei lavoratori neozelandesi. Al contrario, alcuni atteggiamenti settari e tendenze di tipo entrista gli impedirono di compiere qualunque avanzamento, a vantaggio del Partito del Lavoro. A ciò si aggiunse la repressione da parte dello Stato, che peraltro portò alla chiusura del primo organo di stampa del Partito, The Workers Vanguard, fondato nellaprile 1926.

Lelezione di Dick Griffen a segretario generale nel 1929 non risolse la situazione, ma anzi la peggiorò; il PCNZ adottò tattiche che si rivelarono controproducenti e gli alienarono gran parte della classe operaia del paese. Il Comintern nel 1933 criticò aspramente il PCNZ, dicendo che limitava la sua attività "ad una piccola cerchia di comunisti", che il Comitato Centrale non esercitava una direzione collettiva e che il Partito mancava di una disciplina bolscevica, "che è il principale fattore responsabile dellattuale situazione del Partito".

Negli anni 1930, il PCNZ cominciò ad adottare strategie differenti. Visto laumento vertiginoso della disoccupazione, il Partito arrivò ad egemonizzare il Movimento dei Lavoratori Disoccupati di Nuova Zelanda, organizzando scioperi e manifestazioni di protesta, portandolo a crescere notevolmente nel giro di pochi anni. Nel 1933 venne fondato il Workers Weekly e nello stesso periodo il mensile Working Woman, dedicato ai problemi femminili. Nel 1935, però, contrariamente alla politica di fronte unico antifascista con le forze progressiste lanciata dal Comintern lanno prima, il PCNZ rifiutò unalleanza elettorale ed ottenne un risultato deludente; la crisi che ne seguì vide un terzo dei membri abbandonare il Partito.

Dopo lamara disfatta, il PCNZ scelse di adottare la tattica del Comintern e, per scongiurare il pericolo davvento del fascismo, sostenne il governo del Partito del Lavoro. Entro il 1938 aveva recuperato gran parte dei membri dispersi e raggiunto nuovi risultati elettorali. Nel 1936 partecipò alle Brigate Internazionali in sostegno al governo repubblicano spagnolo durante la Guerra Civile Spagnola e nel 1937 invitò al boicottaggio dei prodotti giapponesi dopo linvasione nipponica della Cina. Negli anni 1940, una nuova repressione statale colpì il nuovo giornale del Partito, The Peoples Voice, ma i comunisti continuarono a crescere, arrivando a controllare molte organizzazioni di massa e varie sezioni di sindacati; nella seconda metà del decennio sorsero varie cellule di Partito nelle università.

Con lo scoppio della guerra fredda, il primo ministro neozelandese Peter Fraser, del Partito del Lavoro, appoggiò ufficialmente gli Stati Uniti e lanciò una campagna anticomunista in Nuova Zelanda, attaccando in particolare i sindacati dove linfluenza del PCNZ era più forte. Nel 1948 lUnione dei Falegnami dellAuckland, principale centro dinfluenza del Partito Comunista, venne abolita. Nel 1950 il PCNZ accusò il governo di fascismo e ritenne di avere la conferma delle proprie denunce nel 1951, quando ebbe inizio loffensiva contro i sindacati dei lavoratori marittimi.

Sempre nel 1951, il nuovo programma del PCNZ sostenne che era possibile una transizione pacifica verso il socialismo con lutilizzo del Parlamento. Nonostante questo, il Partito si mantenne politicamente vicino a Mosca e nel 1956 sostenne la repressione della rivolta ungherese di quellanno.

Negli anni 1960, la crisi sino-sovietica si riflesse anche nel PCNZ, allinterno del quale avvenne unaspra contesa fra i sostenitori dellUnione Sovietica di Krusciov e quelli della Cina di Mao Tse-tung. Alla fine, la maggioranza del Partito e The Peoples Voice si schierarono dalla parte cinese, denunciando lURSS come paese revisionista; i filo-sovietici si scissero e fondarono il Partito dUnità Socialista.

Nel 1965, il Partito Comunista dellIndonesia venne annientato da un massacro ordito dal regime di Suharto. Il PCNZ abbandonò la propria linea pacifista tornando ad assumerne una rivoluzionaria, quindi creò una struttura parallela per evitare di subire la stessa sorte dei comunisti indonesiani. Tuttavia, questo alterò la democrazia allinterno del Partito e fu la causa di diversi abbandoni da parte dei militanti comunisti.

Dopo la morte di Mao Tse-tung e lascesa di Deng Xiaoping, il PCNZ denunciò la Cina come paese capitalista e si schierò con lAlbania di Enver Hoxha, il quale aveva rinnegato il maoismo. Contrari a questa scelta, alcuni membri del Partito fondarono il Comitato Preparatorio per la Formazione del Partito Comunista di Nuova Zelanda marxista-leninista.

Con la caduta della Repubblica Socialista Popolare dAlbania, il PCNZ entrò in una profonda crisi ideologica. Nel 1993, la direzione del Partito, diretta dal segretario generale Grant Morgan, rivalutò e adottò ufficialmente il trotskismo come propria linea di pensiero e si unì con lOrganizzazione Socialista Internazionale per formare lOrganizzazione Socialista del Lavoro. I maoisti, contrari a questa inversione di rotta, formarono il Partito Comunista dAotearoa, tuttora esistente.

                                     

2. Ricerche

  • Ron Smith, Working Class Son: My Fight Against Capitalism and War: Memoirs of Ron Smith, a New Zealand Communist. Self-published, 1994.
  • Kerry Taylor, "Our Motto, No Compromise: The Ideological Origins and Foundation of the Communist Party of New Zealand," New Zealand Journal of History, vol. 28, no. 2 October 1994, pp. 160–177.
  • R.H. Brookes, "The CPNZ and the Sino-Soviet Split," Political Science, vol. 17, no. 2 Sept. 1965.
  • S.W. Smith, Rebel in a Wrong Cause. Auckland: Collins, 1960.
  • A. C. Wilson, New Zealand and the Soviet Union, 1950-1991: A Brittle Relationship." Wellington, NZ: Victoria University Press, 2004.
  • Kerry Taylor, On the Left: Essays on Socialism in New Zealand. Edited with Pat Moloney. Dunedin: University of Otago Press, 2002.
  • Kerry Taylor, "Kiwi Comrades: The Social Basis of New Zealand Communism, 1921-1948." in Kevin Morgan et al. eds., Agents of Revolution: New Biographical Approaches to the History of Communism. Bern: Peter Lang, 2005.
  • Kerry Taylor, "The Communist Party of New Zealand and the Third Period" in Matthew Worley ed., In Search of Revolution: International Communist Parties and the Third Period. London: I.B. Tauris, 2004.
  • Kerry Taylor, "Jack McDonald: A Canadian Revolutionary in New Zealand," Labour / Le Travail, no. 32 Fall 1993, pp. 261–268.