Indietro

ⓘ Coalizione della Sinistra Radicale




Coalizione della Sinistra Radicale
                                     

ⓘ Coalizione della Sinistra Radicale

La Coalizione della Sinistra Radicale, meglio nota con il solo acronimo di SY.RIZ.A., è un partito politico greco di sinistra, di ispirazione socialista democratica, socialdemocratica, eco-socialista, eurocomunista, anti-capitalista, no-global e marxista.

Sorto nel 2004 inizialmente come coalizione di partiti e politici indipendenti di area socialista democratica, eco-socialista, trotskista, maoista ed eurocomunista, si è in seguito costituita come partito unico nel 2012; nel luglio del 2013 viene celebrato il primo congresso fondativo.

Alle elezioni parlamentari greche del 17 giugno 2012, SYRIZA è diventato il secondo partito per numero di voti ed il principale partito di opposizione al governo di Antōnīs Samaras.

Il 25 gennaio del 2015, imponendosi come primo partito con il 36.3% dei voti, SYRIZA ha vinto le elezioni politiche, mancando tuttavia di due seggi 149 su 300 la maggioranza assoluta in Parlamento. A settembre dello stesso anno, SYRIZA vince nuovamente le elezioni anticipate.

Il suo leader è Alexīs Tsipras, Primo ministro della Grecia dal 2015 al 2019 ed ex presidente del Synaspismós, il principale tra i partiti fondatori.

                                     

1.1. Storia La nascita di SYRIZA

Benché si ritenga in genere che il SYRIZA ebbe lavvio subito prima delle elezioni politiche del 2004, il processo che condusse alla sua formazione può essere ricondotto allo Spazio per il Dialogo, per lunità e lazione comune della sinistra in greco: Χώρος Διαλόγου για την Ενότητα και Κοινή Δράση της Αριστεράς nel 2001.

                                     

1.2. Storia Lo "Spazio" del 2001

Lo Spazio era composto da varie organizzazioni della sinistra greca che, nonostante le diverse provenienze ideologiche e culturali, condividevano unazione politica comune in numerosi importanti questioni che impegnavano la Grecia alla fine degli anni novanta: Guerra del Kosovo, privatizzazioni, diritti sociali e civili.

Lo Spazio fornì il terreno comune nel quale i partecipanti poterono lavorare assieme su temi come:

  • lopposizione alle leggi antiterrorismo;
  • la preparazione della partecipazione greca alle manifestazioni popolari contro il G8 di Genova.
  • le riforme neoliberistiche delle pensioni e del sistema di sicurezza sociale;

Benché lo Spazio non fosse unorganizzazione, ma piuttosto uno sforzo per mettere insieme partiti e organizzazioni, diede vita ad alleanze elettorali per le elezioni amministrative del 2001; la più significativa di esse fu quella condotta da Manolis Glezos per la "superprefettura" di Atene-Pireo.

Lo Spazio costituì così il terreno comune dal quale numerosi partiti che lo costituivano lanciarono il Social forum greco, parte del Forum sociale europeo.

                                     

1.3. Storia La nascita ufficiale di SYRIZA nel 2004

Leffettiva data di nascita di SYRIZA furono le elezioni parlamentari in Grecia del 2004. Molti dei partecipanti allo Spazio decisero di sviluppare una piattaforma comune che avrebbe condotto ad unalleanza elettorale. Ciò portò alleffettiva formazione di SYRIZA nel gennaio 2004.

I partiti che formarono originariamente la Coalizione della sinistra radicale furono:

  • Cittadini attivi lorganizzazione politica guidata da Manolis Glezos.
  • Coalizione della Sinistra, dei Movimenti e dellEcologia Synaspismós;
  • Movimento per lunità dazione della sinistra KEDA nato da una scissione del Partito Comunista di Grecia;
  • Sinistra Ecologista Comunista Rinnovatrice AKOA;
  • Sinistra dei Lavoratori Internazionalisti DEA;

Alla nascita della Coalizione contribuirono anche numerosi attivisti di sinistra indipendenti.

Benché lOrganizzazione Comunista di Grecia KOE avesse partecipato allo Spazio, decise poi di non prendere parte alla Coalizione.

Alle elezioni la Coalizione raccolse 241.539 voti il 3.3% del totale ed elesse sei membri al Parlamento, tutti membri del Synaspismós, il più grande tra i partiti della coalizione. Ciò provocò aspre tensioni allinterno di SYRIZA.



                                     

1.4. Storia Crisi e rinascita di SYRIZA 2004 - 2006

Dopo le elezioni del 2004, i partiti minori accusarono Synaspismós di non aver tenuto fede allaccordo secondo cui uno dei suoi eletti in parlamento avrebbe dovuto dimettersi per permettere al leader dellAKOA Yannis Bavias di prenderne il posto. La tensione crebbe fino a condurre alla scissione della DEA e alla formazione del Kokkino, benché ambedue siano rimasti nella Coalizione.

Tre mesi dopo le elezioni legislative, il Synaspismós scelse di correre da solo per le elezioni europee del 2004 mentre molti dei piccoli partiti della coalizione sostennero la lista femminista Donne per unaltra Europa gr. Γυναίκες για μια άλλη Ευρώπη.

La crisi terminò nel dicembre del 2004, con il IV congresso del Synaspismós, quando la larga maggioranza del partito votò per la rivitalizzazione di SYRIZA. Questo diverso atteggiamento si rafforzò in seguito con lelezione di Alekos Alavanos un sostenitore della coalizione come presidente del Synaspismós, dopo che il precedente leader, Nikos Konstantopoulos, era stato battuto.

La Coalizione si rafforzò ulteriormente durante lorganizzazione del Quarto Forum sociale Europeo, ad Atene nel maggio 2006 e con il successo dei candidati di SYRIZA alle elezioni amministrative del 2006. La lista per il comune di Atene era guidata dal trentenne Alexīs Tsipras, proposto da Alavanos che aveva dichiarato il Synaspismós "aperto alle nuove generazioni".

                                     

1.5. Storia Il successo inaspettato alle elezioni del 2007

La Coalizione della Sinistra Radicale fu la grande sorpresa delle elezioni politiche del 2007. Essa aumentò il proprio consenso di 120.000 voti e raggiunse un inaspettato 5.04%.

                                     

1.6. Storia Antefatto

Prima delle elezioni, il 22 giugno, i partiti aderenti concordarono una dichiarazione comune. Firmarono la "Dichiarazione della Coalizione della Sinistra Radicale ", creando la piattaforma comune sulla quale la Coalizione avrebbe partecipato alle prossime elezioni le basi dellalleanza politica.

La coalizione era anche accresciuta di partecipanti, rispetto alla sua composizione originaria del 2004. Nel giugno del 2007 lOrganizzazione Comunista di Grecia KOE annunciò la propria partecipazione alla Coalizione.

Il 21 agosto aderì anche il gruppo ambientalista Intervento Ecologico gr. Οικολογική Παρέμβαση; il giorno seguente il Movimento Sociale Democratico DIKKI annunciò anchesso la propria partecipazione alla coalizione.

Il 2 settembre la Corte di Cassazione gr. Άρειος Πάγος rifiutò di includere il nome del DIKKI nella coalizione elettorale di SYRIZA, dichiarando che le procedure interne seguite dal DIKKI erano irregolari. Ciò fu duramente criticato da SYRIZA e dal DIKKI, come interferenza indebita nellattività politica interna di partito.



                                     

1.7. Storia Dopo le elezioni: Tsipras diventa presidente del partito

Il 27 novembre del 2007, Alavanos annunciò che, per motivi personali, non avrebbe rinnovato la propria candidatura alla presidenza del Synaspismós.

Il V congresso del Synaspismós elesse presidente il trentatreenne Alexīs Tsipras, il 10 febbraio 2008. Alavanos mantenne, comunque, la presidenza del gruppo parlamentare del SYRIZA.

Tsipras raggiunse una considerevole popolarità tra lelettorato greco: ciò ha condotto ad una significativa crescita di SYRIZA nei sondaggi elettorali, fino al 18%.

                                     

1.8. Storia Dal 2008 al 2011

Alla fine di giugno del 2008, la formazione trotskista Xekinima annunciò di volersi unire alla coalizione.

Alle elezioni europee del 2009 SYRIZA ottenne il 4.7% dei voti, ottenendo lelezione di un europarlamentare sui 22 spettanti alla Grecia.

Alle elezioni parlamentari dello stesso anno, SYRIZA ottenne il 4.6% e 13 deputati su 300, tra cui Tsipras che divenne presidente del gruppo parlamentare.

Nel 2010 quattro deputati di SYRIZA tra cui Fotis Kouvelis lasciarono la coalizione e costituirono il partito Sinistra Democratica DIMAR.

                                     

1.9. Storia Nel 2012 SYRIZA diventa il secondo partito greco

Con le elezioni parlamentari del maggio 2012 SYRIZA diviene la seconda forza del parlamento greco, preceduta da Nuova Democrazia e seguita dal PASOK. Questo risultato avviene in un quadro di malcontento generale della popolazione greca verso le politiche per porre rimedio alla crisi del debito pubblico nazionale.

In seguito alla constatazione del leader di Nuova Democrazia di non poter riuscire a formare un governo che avesse una solida maggioranza, il leader di SYRIZA, Alexīs Tsipras, viene incaricato dal Presidente della Repubblica Karolos Papoulias di cominciare le trattative per formare una coalizione di partiti che abbiano la maggioranza dei deputati allinterno del Parlamento greco.

Il 10 maggio 2012 Tsipras annuncia che non riuscirà a formare il governo poiché non dispone di un numero di deputati sufficiente per avere la maggioranza in Parlamento. Tsipras rimette dunque il mandato nelle mani del Presidente della Repubblica che, il giorno dopo, incaricherà il leader del PASOK di formare un nuovo governo.

Il 15 maggio, a causa del fallimento del leader del PASOK e dopo un ultimo estremo tentativo, il presidente della Repubblica Karolos Papoulias dichiara che nessun accordo è stato raggiunto dai partiti per formare una maggioranza di Governo e che quindi la Grecia tornerà alle urne probabilmente la seconda settimana di giugno.

Il 16 maggio si apprende la notizia che il Presidente del Consiglio di Stato greco Panagiōtīs Pikrammenos dirigerà ad interim il Governo greco per portarlo alle elezioni di giugno. Papoulias aveva proposto di estendere il mandato del già capo del governo Lucas Papademos, ma la proposta viene scartata a causa dellopposizione della sinistra radicale SYRIZA e KKE.

Il 22 maggio, SYRIZA decide di costituirsi come partito unico, unificando definitivamente tutte le varie componenti al suo interno. Il motivo principale di questa scelta è da ricercarsi nella legge elettorale greca, che attribuisce al partito con più voti un bonus di 50 seggi: presentandosi come "coalizione di partiti", in caso di vittoria, SYRIZA non avrebbe potuto usufruire di questa possibilità.

Il nome ufficiale del partito, a seguito di questa unificazione, sarà dora in poi Coalizione della Sinistra Radicale - Fronte Sociale Unitario ".

Alle elezioni del mese dopo SYRIZA si conferma secondo partito e fin dallinizio annuncia di voler restare allopposizione.

                                     

1.10. Storia Dopo le elezioni: le battaglie politiche dentro e fuori il Parlamento

Nel settembre 2012, Alexīs Tsipras durante una conferenza stampa a Bruxelles affermò a nome del partito:

In quelloccasione egli auspicò la "ricostruzione dellEurozona in base ai principi della coesione sociale e della democrazia".

Il 7 novembre 2012 il partito ha organizzato una manifestazione in piazza Syntagma per contestare il voto favorevole del parlamento sulle politiche di austerity imposte dallUnione europea alla Grecia.

Il 18 gennaio 2013 il Parlamento greco, con 265 voti su 300, vota a favore dellistituzione di una commissione di inchiesta per valutare loperato dellex ministro delleconomia del PASOK Georgos Papaconstantinou: egli avrebbe rimosso i nomi di tre suoi parenti dalla cosiddetta Lista Lagarde, ossia un documento che contiene i nomi di centinaia di possibili evasori fiscali greci con depositi in Svizzera. Nella stessa seduta il Parlamento ha respinto la proposta di SYRIZA, che voleva unindagine anche su possibili responsabilità penali, per la stessa vicenda, di un altro ex Ministro delle Finanze e attuale leader del PASOK, Evangelos Venizelos.

Il 14 febbraio 2013 il partito ha promosso una manifestazione pacifica davanti al Ministero delle Finanze greco, a seguito delle dichiarazioni del segretario generale dello stesso ministero che auspicava la riduzione del salario minimo, che attualmente si attesta a 500 euro. Tra i partecipanti vi erano anche due parlamentari di SYRIZA Kostas Barkas e Vangelis Diamantopoulos che vennero gettati a terra dai reparti speciali di polizia greca MAT, che erano stati incaricati di disperdere la manifestazione, e vennero presi a calci nonostante avessero mostrato alle forze dellordine la loro tessera da parlamentari.

Nei primi mesi del 2013 SYRIZA ha guadagnato numerosi consensi elettorali, arrivando a diventare il primo partito greco per intenzioni di voto.

Il 13 aprile 2013, SYRIZA ha chiesto le dimissioni del governo di centrodestra le elezioni anticipate. Secondo il leader del partito, questa è "lunica soluzione per superare la difficile situazione economica in Grecia".



                                     

1.11. Storia I contrasti con Alba Dorata

Il 5 aprile 2013 alcuni membri di Alba Dorata hanno aggredito alcuni immigrati, nei pressi di Chania, e poi hanno organizzato una manifestazione provocatoria, davanti alla sede del KKE; in seguito si sono scagliati anche contro alcuni supporter dellAEK. A seguito di ciò il segretario locale di Alba Dorata, Stelios Vlamakis, è stato gettato in mare da un gruppo di comunisti, di tifosi dellAEK Atene e di antifascisti. Lindignazione si è diffusa tra la popolazione della città, e il giorno dopo, a seguito di un appello di SYRIZA, circa 2500 persone sono scese in piazza per condannare lepisodio xenofobo.

Il 18 maggio 2013, durante una seduta del Parlamento Ellenico in cui si stava discutendo un disegno di legge antirazzista, il parlamentare di Alba Dorata Panagiotis Iliadis venne richiamato numerose volte dal presidente di turno dellaula, Iannis Dragasakis SYRIZA, a causa dei toni aggressivi del suo discorso nei confronti del Ministro della Giustizia e del leader di SYRIZA. In seguito il deputato è stato espulso dallaula dopo aver intimato al vicepresidente del parlamento di "stare seduto". Nelluscire dallaula il deputato ha scandito per tre volte lo slogan "Heil Hitler", scatenando lindignazione generale dei deputati. Successivamente Dragasakis ha deciso di applicare, per la prima volta nella storia della Repubblica greca, larticolo 80 del "Regolamento del Parlamento" per il "comportamento antiparlamentare", che prevede dure sanzioni per lautore dello slogan. Il giorno seguente Alexīs Tsipras, leader di SYRIZA, ha accusato Nuova Democrazia di "non aver preso posizione contro i neonazisti di Alba Dorata".

                                     

1.12. Storia Reazioni alla chiusura della ERT

Il portavoce del governo greco Simos Kedikoglou, annunciò la chiusura della ERT, la radiotelevisione pubblica greca, l11 giugno 2013 e il licenziamento di tutti i suoi 2.500 dipendenti, nellambito del programma di privatizzazioni delle aziende a partecipazione statale concordato con la "troika" UE, BCE e FMI.

SYRIZA ha partecipato alle varie manifestazioni per difendere la ERT dalla chiusura e per chiedere le dimissioni del governo di centrodestra:

Il leader di SYRIZA, Alexīs Tsipras, ha affermato che la chiusura della televisione pubblica è un "colpo di Stato", e ha dichiarato in Parlamento, rivolto al Ministro delle Finanze:

In seguito il più grande sindacato dei dipendenti dell’emittente pubblica Pospert ha presentato ricorso allAlta Corte di Stato ellenica, sostenendo che il provvedimento di chiusura di ERT presentato dal governo fosse incostituzionale.

Il 18 giugno 2013 lAlta Corte di Stato ha accolto il ricorso e ha giudicato incostituzionale il decreto di chiusura dellERT. La corte ha inoltre disposto che il segnale dellemittente pubblica deve rimanere "on air" fino a quando il governo greco non avvierà la riforma delle comunicazioni nazionali, varando la nuova versione della televisione di Stato.

Infatti:

A seguito della notizia, Tsipras ha dichiarato che: "Il colpo di Stato tentato da Samaras con ERT, significa la decapitazione di migliaia di lavoratori e il diritto dei cittadini greci ad essere informati. Esso ha rivelato i limiti del memorandum e della politica di governo Samaras. La vita del governo si è conclusa oggi".

                                     

1.13. Storia Le elezioni europee del 2014: SYRIZA è il primo partito della Grecia

In vista delle elezioni europee del 2014, il Partito della Sinistra Europea, di cui SYRIZA fa parte, ha scelto come proprio candidato alla Presidenza della Commissione europea il leader del partito Alexīs Tsipras.

I temi principali affrontati da Tsipras in campagna elettorale sono la crisi economica, la proposta di un New Deal europeo, la contestazione delle politiche di austerity dellUE e la critica al neoliberismo.

Alle elezioni europee del 2014, il partito ha ottenuto più del 26% dei voti superando di tre punti Nea Dimokratia, la formazione politica di centrodestra europeista del primo ministro Antōnīs Samaras, e diventando così il primo partito della Grecia.

Lavvenimento ha avuto grande risalto sulla stampa nazionale ed internazionale, poiché è stata la prima volta che un partito di sinistra ha vinto le elezioni in Grecia.

                                     

1.14. Storia Lantefatto

Nel mese di dicembre del 2014, il Parlamento greco è stato chiamato ad eleggere il nuovo Presidente della Repubblica così come stabilito dalla Costituzione greca.

La maggioranza di governo, composta da ND e PASOK, propose il nome di Stavros Dimas mentre le opposizioni tra cui SYRIZA non proposero alcun candidato, limitandosi a votare contro Dimas in tutte e tre le votazioni.

Il 29 dicembre 2014, non raggiungendosi il quorum necessario per lelezione alla terza ed ultima votazione, il parlamento venne sciolto, così come stabilito dalla Costituzione, dovendosi procedere ad elezioni anticipate. Il primo ministro Antōnīs Samaras ha annunciato nuove elezioni parlamentari per il 25 gennaio 2015.

I sondaggi precedenti alle elezioni del 2015 hanno visto SYRIZA stabilmente al primo posto per intenzioni di voto.

                                     

1.15. Storia Risultati e conseguenze del voto

Il 25 gennaio 2015 Syriza in una lista unitaria con i Verdi Ecologisti vince le elezioni, imponendosi come primo partito e ottenendo il 36.3% dei voti.

La notizia conquista le prime pagine delle principali testate internazionali.

Il partito ottiene 149 seggi su 300, mancando di due seggi la maggioranza assoluta in Parlamento. Per tale scopo Pános Kamménos, leader dei Greci Indipendenti conservatori euroscettici, ha annunciato unalleanza con SYRIZA per poter formare il nuovo esecutivo.

                                     

1.16. Storia Alexis Tsipras Primo ministro della Grecia

Il 26 gennaio 2015 Alexīs Tsipras leader di Syriza giura dinanzi al Presidente della Repubblica della Grecia e assume la carica di Primo ministro della Grecia formando un nuovo Governo.

                                     

1.17. Storia Accordi con lEuropa

A seguito della sua elezione a primo ministro, Tsipras, tenta di fare accordi riguardo alla rinegoziazione del debito con lUnione europea e col Fondo Monetario Internazionale. Tuttavia il governo non è disposto ad accettare le proposte dei creditori e decide di indurre un referendum in cui verrà chiesto se accettare no le proposte. Col 61.3% vince il NO OXI in greco. Il giorno antecedente ai risultati 6 luglio il ministro delle finanze Varufakis però si dimette. Così Tsipras torna a parlare coi creditori e il 13 luglio si raggiunge un accordo, anche se obbliga ad introdurre misure di austerità.

                                     

1.18. Storia Nascono le polemiche interne a Syriza

Il parlamento approva il nuovo pacchetto di riforme del governo grazie ai voti di Nuova Democrazia, To Potami e PASOK. Tuttavia tali riforme maggiori tasse e allungamento delletà pensionabile sono molto contestate dalla minoranza di sinistra Piattaforma di Sinistra. Successivamente Tsipras si dimette da capo del governo e induce nuove elezioni previste per settembre. Ad agosto 25 deputati di Syriza fuoriescono dal partito e creano il gruppo di Unità Popolare.

                                     

1.19. Storia La nuova vittoria alle politiche anticipate di settembre 2015

Dopo le dimissioni di Alexīs Tsipras da Primo Ministro della Grecia a causa della scissione dellala sinistra anti-euro contraria alla firma del terzo memorandum voluto dal Governo e alla conseguente perdita della maggioranza in Parlamento, il Paese torna alle elezioni politiche anticipate in settembre per la terza volta in un anno. Secondo tutti i sondaggi ci sarebbe stato un testa a testa tra SYRIZA dellex premier Tsipras e ND guidata dal segretario pro-tempore, lex Presidente del Parlamento ed ex Ministro della Difesa, Vangelīs Meimarakīs. Tsipras ha chiesto la maggioranza assoluta aprendo alla conferma dellalleanza con gli indipendentisti greci di destra ANEL in chiave anti-austerità lasciando la porta aperta alle forze socialdemocratiche europeiste come PASOK-DIMAR e Il Fiume mentre nega una grossa coalizione con Nuova Democrazia come auspicato da Memarakis. Tsipras ha ribadito il rispetto del memorandum promettendo pero una rinegoziazione del debito greco e sacrifici spalmati in modo equitativo.

Le elezioni confermano la fiducia in SYRIZA che con il 35.5% ottiene 145 seggi pari a 1.925.904 voti riuscendo così a formare una coalizione con i 10 deputati di destra di ANEL, con una maggioranza di 155 deputati su 300 totali. Rispetto a gennaio SYRIZA perde solo lo 0.8% pari a 4 seggi ne guadagna 22 però considerando anche la scissione del partito di Unità Popolare.

                                     

2. Ideologia

Il partito si richiama ai principi del socialismo democratico, della Socialdemocrazia e dellanticapitalismo.

La principale componente di SYRIZA, il Synaspismós, sostiene anche i valori tipici dellecosocialismo, e delleurocomunismo, ma allinterno della coalizione esistono inoltre realtà politiche ben differenziate che si richiamano in maniera più o meno esplicita al maoismo ed al trotskismo.

Per quanto riguarda le politiche economiche, SYRIZA si è sempre dichiarata contro le politiche neoliberiste dellUnione europea e, in generale, delle istituzioni economiche internazionali. Per contrastare tali politiche il partito propone programmi di "giustizia sociale" e di "protezione dei diritti fondamentali".

Il partito, sin dalla sua fondazione, ha avuto al proprio interno una forte componente femminista e anti-razzista; da aggiungere che SYRIZA si definisce "movimento antifascista e antinazista".

SYRIZA mette al centro del proprio programma la legalizzazione del matrimonio omosessuale e delle politiche a favore del diritto di asilo per gli immigrati.

Altri punti programmatici sostenuti dal partito sono:

  • Depenalizzare il consumo di droghe, combattendo solo il traffico. Aumentare i fondi per i centri di disintossicazione.
  • Esigere dalla UE un cambiamento nel ruolo della BCE perché finanzi direttamente gli Stati e i programmi di investimento pubblico.
  • Tagliare drasticamente la spesa militare.
  • La protezione del diritto alla istruzione, alla sanità e allambiente.
  • Adottare una tassa sulle transazioni finanziarie e anche una tassa speciale per i beni di lusso.
  • Smilitarizzare la guardia costiera in Grecia: Limenikò Sòma − Ellinikì Aktofylakì e sciogliere le forze speciali anti-sommossa. Proibire la presenza di poliziotti con il volto coperto o con armi da fuoco nelle manifestazioni. Cambiare i corsi per poliziotti in modo da mettere in primo piano i temi sociali come limmigrazione, le droghe o linclusione sociale.
  • Sottoporre a referendum vincolanti i trattati e altri accordi rilevanti europei.
  • Nazionalizzare gli ospedali privati. Eliminare ogni partecipazione privata nel sistema pubblico sanitario ed eliminare i ticket a carico dei cittadini nel servizio sanitario.

Nel gennaio 2013 un deputato di SYRIZA, Tasos Kourakis ha presentato al Parlamento greco una proposta di legge che prevede la separazione netta tra Chiesa ortodossa e Stato, mai realizzata nel paese. Progetti come questi testimoniano il forte laicismo del partito, sostenuto da tutte le sue componenti.

                                     

2.1. Ideologia Il rapporto con lUnione europea

SYRIZA è stata spesso accusata dai suoi avversari politici e dalla stampa di essere contraria alleuro e alla permanenza della Grecia nellUnione europea. Eppure il partito non ha mai messo in dubbio la permanenza della Grecia in Europa e nella moneta unica.

Il leader di SYRIZA ha infatti affermato che "se la sinistra radicale rappresentata da SYRIZA vincerà le prossime elezioni, la Grecia rimarrà nellEuro".

SYRIZA avverte lassoluta necessità di cambiare le politiche economiche dellUE a cominciare dalle politiche di austerity, giudicate troppo a favore dei "poteri forti" come banche e grandi imprese. Il partito ritiene che per uscire dallattuale crisi economica sia dobbligo mettere al centro delle politiche economiche europee temi come: il lavoro, lo stato sociale, il reddito, la tutela e i diritti dei più deboli e i "beni comuni".

Si può ben dire, riassumendo, che SYRIZA sia un partito con una sua particolare visione europeista e contrario alle politiche di austerity.

Nellottobre 2012, a seguito della visita di Angela Merkel ad Atene, il leader di SYRIZA, Alexīs Tsipras dichiarò:

Nel dicembre 2012 il comitato centrale di SYRIZA ha approvato, con il 75%, una mozione che sostiene il mantenimento della Grecia nellUnione europea; nonostante questo SYRIZA continua a contestare in maniera decisa le politiche di austerity imposte dallEuropa alla Grecia, in particolare per quanto riguarda le privatizzazioni dei servizi pubblici, i tagli agli stipendi dei dipendenti statali e laumento della pressione fiscale.

Il 9 dicembre 2012 alcuni membri del partito, con una fiaccolata ad Oslo insieme a gruppi no-global, hanno contestato duramente la decisione di assegnare il Premio Nobel per la pace allUnione europea. Alcuni parlamentari di SYRIZA hanno dichiarato che:

Il 14 febbraio 2013, il parlamentare europeo di SYRIZA Nikos Houndìs ha rivolto uninterrogazione alla Commissione europea in merito alle politiche di austerity che il paese sta applicando su ordine della cosiddetta "troika" UE, BCE e FMI. La stessa Commissione ha rilevato che il governo greco "deve garantire la conformità delle leggi approvate alla Costituzione greca" ; a ciò si aggiunge il fatto che il "Tribunale Superiore" la Corte Costituzionale greca si è pronunciato, in passato, contro tali politiche di austerity ritenendole in violazione dei principi costituzionali in materia di tutela dei diritti della persona e del lavoro.

                                     

3. Risultati elettorali

Dal 2004 al 2006 il partito si stava ancora costituendo: dunque si presentava alle elezioni come alleanza di alcune forze politiche. Dal 2007 sino al 2011 tutte queste forze si coalizzeranno tutte sotto il simbolo di SYRIZA, nonostante il partito rimanga ancora, de iure, una coalizione di più formazioni. Dal 2012 SYRIZA diventerà un unico partito.

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...