Indietro

ⓘ Annibale Ranuzzi




                                     

ⓘ Annibale Ranuzzi

Nato in una delle più importanti famiglie senatorie della città, studiò presso i frati barnabiti, e proseguì gli studi di storia e filosofia presso lUniversità di Bologna.

Durante i moti del 31 maturò la convinzione della necessità di indipendenza politica e libertà degli italiani e, pur fervente cattolico, e iniziò ad avversare il governo papale. Nella quiescienza politica degli anni seguenti, si dedicò in maniera quasi autodidatta agli studi geografici, non esistendo nellateneo bolognese una tradizione in tal senso. In breve tempo venne ammesso ad alcune accademie europee, tra cui la Royal Geographical Society di Londra, e seppe guadagnarsi la stima di eminenti studiosi, come Cristoforo Negri. Data la carenza di studi geografici allinterno dello Stato Pontificio, iniziò nel 1837 unampia opera pubblicistica, pubblicando "Memorie scelte di Geografia, viaggi e costumi", e inviando articoli a riviste bolognesi, tra cui i "Nuovi Annali delle Scienze Naturali". Pubblicò un "Annuario Geografico Italiano" 1844 e aprì un "Ufficio di Corrispondenza Geografica" nella sua città. In questi anni pubblicò anche due studi, importanti per lepoca, sullavvenire politico ed economico del Texas e sullespansione coloniale inglese nella regione africana del Niger. Fu socio onorario della Società Agraria del Dipartimento del Reno, divenuta in seguito Accademia Reale di Agricoltura oggi "Nazionale", di cui fu segretario nel 1859

                                     

1. Il risorgimento

Dalla sua collaborazione al "Felsineo", giornale della Società Agraria, nacquerò le sue frequentazioni con gli ambienti neoguelfi e riformisti bolognesi, distogliendo lattenzione dagli studi geografici. Nella fase centrale degli anni quaranta conobbe e strinse amicizia con Marco Minghetti, Carlo Berti Pichat, il marchese Gioacchino Napoleone Pepoli, Luigi Tanari, Rodolfo Audinot, Giovanni Luigi Malvezzi de Medici e altri. Rimase scettico di fronte alle prime riforme promosse da Pio IX, diffidando del pontefice, e fu tra i sostenitori della partecipazione dello Stato Pontificio a quelle che veniva vista come una "guerra nazionale". Fu tra i fondatori della Guardia Civica della città, in cui servì come maggiore, e si adoperò per lunificazione dei corpi di volontari che partirono per la guerra contro lAustria. Con la sconfitta del Piemonte, si allontanò da Bologna per non essere chiamato a fare parte del Comitato di Guerra, istituito in funzione anti-austriaca dal pro-legato conte Cesare Bianchetti, che non gli perdonò in seguito lassenza ai fatti della Montagnola.

Entrato a far parte del consiglio comunale istituito in tempi di libertà, dopo la fuga di Pio IX si pose a capo della corrente bolognese che intendeva fare di Bologna il centro della fedeltà al papa e della contestuale difesa delle libertà costituzionali. Occupata Bologna dagli austriaci, presentò e fece approvare in consiglio comunale una mozione in cui la città chiedeva al pontefice la conservazione dello Statuto. Annullata la votazione dal governatore civile e militare della città, il consiglio comunale fu sciolto, e Ranuzzi punito con otto giorni di arresto. Con la restaurazione, si avvicinò ancora di più alle posizioni del Minghetti, auspicando lannessione al Regno di Sardegna, e ponendosi come intermediario fra i liberali bolognesi e quelli piemontesi. Iscrisse una propria figlia al collegio diretto a Torino da Costanza DAzeglio, onde poter ottenere il permesso per andarla a trovare, trasportando ad ogni viaggio scritti e documenti proibiti dalla polizia austriaca, che gli valsero il conferimento da parte di Vittorio Emanuele II il conferimento della croce di cavaliere dellOrdine dei Santi Maurizio e Lazzaro.

                                     

2. Carriera prefettizia

Dopo la seconda guerra di indipendenza, il 13 giugno 1859 la giunta di governo della città lo nominò Intendente della Provincia, con autorità sul territorio della ex-Legazione pontificia, mentre nellagosto seguente fu eletto nel IX collegio di Bologna come deputato dellAssemblea delle Romagne. Retta lIntendenza di Bologna fino al plebiscito, venne trasferito in qualità di Regio Intendente Generale in seguito Prefetto a Modena, poi a metà del 1861 a Chieti, e infine, dall11 gennaio 1863 fino all11 maggio 1865 a Siena. In quellanno venne trasferito alla Prefettura di Ascoli Piceno, che non raggiunse mai per questioni di salute, morendo infatti a Bologna circa un anno più tardi, l11 agosto 1866.

In seguito la sua città natale gli dedicò una strada, appena fuori Porta Lame

                                     

3. Pubblicazioni

  • Annibale Ranuzzi, Annuario geografico italiano: anno 1, Bologna: 1844
  • Annibale Ranuzzi, Proposta al consiglio provinciale dellAbruzzo per la fondazione di un collegio agrario in Chieti: fatta dal prefetto Annibale Ranuzzi nella tornata del 7 novembre 1861, S.l.: s. n., 1861?
  • Annibale Ranuzzi, Saggio di geografia pura ovvero primi studi sullanatomia della terra, Bologna: per tipi di Jacopo Marsigli, 1840
  • Annibale Ranuzzi, Sulla opportunita di promuovere la coltivazione dellolivo nella provincia bolognese: discorso letto alla società agraria di Bologna / dal socio onorario conte Annibale Ranuzzi, Bologna: Tip. Sassi nelle Spaderie, 1845
  • Annibale Ranuzzi, Intorno allo stato attuale delle nostre cognizioni orografiche: memoria di Annibale Ranuzzi, s.l.: s. n., 18.
  • Annibale Ranuzzi a cura di, Annuario geografico italiano pubblicato dallUfficio di Corrispondenza Geografica in Bologna, Bologna: Libreria Rusconi, 1845

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...