Indietro

ⓘ Maestro dell'Altare di Pallant




                                     

ⓘ Maestro dellAltare di Pallant

Il Maestro dellAltare di Pallant è stato un pittore anonimo tedesco attivo a Colonia verso il 1429-30.

Lanonimo artista tedesco, punto di partenza per Stephan Lochner, deve il suo nome allaltare a portelle donato, intorno al 1425, dal conte Werner II di Pallant alla parrocchiale di Linnich.

Laltare, ora smembrato, aveva al centro lo scrigno scolpito attualmente conservato in una collezione privata tedesca mentre le portelle sono divise tra Aquisgrana e Berlino.

Si attribuisce inoltre al Maestro un pannello con San Gerolamo, ora allAlte Pinakothek di Monaco.

                                     
  • trittico dell Adorazione dei Magi degli anni posteriori al 1440. Maestro dell Altare di Pallant Gotico internazionale in Europa Altri progetti Wikimedia Commons
  • Gallo, Collecera, Colle Cavaliere, Collefreddo, Scrizzetto, Paterno, Pallante Colleospedale, Cancelli, Salmacina, Cecalupo, Sablanico. Loreto Aprutino
  • dedicato al Sacro Cuore e l altro all Immacolata Concezione. Alla destra dell altare maggiore si trova un pulpito in legno con sculture. Il campanile della
  • 1885 Mrs. Temperly 1887 come Cousin Maria, e 1889 Louisa Pallant 1888 tr. id. in Storie di matrimonio The Aspern Papers 1888 tr. Il carteggio Aspern
  • di corbezzolo al tricolore italiano fu Giovanni Pascoli, che per commentare il passo dell Eneide di Virgilio in cui si parla del cadavere di Pallante
  • convocati i più rinomati maestri Chirone, primo fra tutti, gli insegnò l arte della medicina e della chirurgia, Eurito fu maestro di tiro con l arco, Castore
  • trentacinque sculture tra gessi cere e bronzi e oltre venti disegni originali del Maestro milanese. Curatrice della donazione è l Associazione Amici del Museo Scalvini
  • Visconti di San Vito, oltre agli arredi originali, conserva affreschi attribuiti alla scuola di Camillo Procaccini 1551 ca - 1629 e una pala d altare del Cerano
  • Bobbio, un monaco irlandese, maestro di retorica e scienza, astronomo e poeta, proveniente dall abbazia di San Colombano di Bobbio. Per tutto il periodo