Indietro

ⓘ Burocrazia




Burocrazia
                                     

ⓘ Burocrazia

Per burocrazia si intende lorganizzazione di persone e risorse destinate alla realizzazione di un fine collettivo secondo criteri di razionalità, imparzialità e impersonalità.

                                     

1. Etimologia

Letimologia ibrida del termine, dal francese bureau "ufficio" connesso al greco krátos "potere", ne rivela lorigine tarda e la derivazione di chiara matrice francofona.

                                     

2.1. Storia Antica Roma

Dal punto di vista storico, lintroduzione sistematica di un sistema amministrativo suddiviso in numerosi uffici e basato su procedure in qualche modo unificate risale addirittura allimperatore Claudio nel I secolo d.C. - una sostanziale novità rispetto al tradizionale accentramento del potere politico nelle mani del Senato, conseguenza inevitabile di un progressivo svuotamento dei poteri di questultimo. Linterposizione di un corpus di funzionari, seppure inizialmente legati in modo strettissimo al potere imperiale, come intermediario tra il potere e la società romana rappresentò una vera rivoluzione concettuale.

Claudio affidò arbitrariamente i vari uffici ai suoi liberti, i cui nomi sono ancor oggi sinonimo di corruttela, arbitrio, intrallazzo, cospirazione, finanche omicidio: ben lontani dunque dallidealizzazione impersonale di rettitudine elaborata molti secoli più tardi. Questi burocrati ante litteram, designati direttamente dallImperatore, secondo Tacito nei suoi Annales: "esercitavano poteri regali con animo di schiavi".

Larticolazione e limportanza della burocrazia continuarono a crescere ed espandersi in epoca imperiale, di pari passo con il potere ed il peso politico dei burocrati: un potere formalmente limitato e subordinato a quello imperiale, ma estremamente frammentato, praticamente vitalizio e continuamente espanso nelle sue prerogative da una ininterrotta proliferazione di leggi e regolamenti in gran parte confluiti nel Corpus Iuris. Questo modo di procedere divenne un tratto peculiare dellimpero bizantino e del suo complicatissimo cerimoniale: ancora oggi, infatti, il termine bizantinismo come sinonimo di astrusità, cavillosità, pedanteria, tortuosità è utilizzato quasi esclusivamente in riferimento alla burocrazia ed alle sue procedure.

                                     

2.2. Storia Imperi multinazionali

Per la Cina, l’opera Da Ming guan zhi, pubblicata intorno al 1540, "descrive la suddivisione dei distretti e la struttura del funzionariato imperiale in epoca Ming, corredata di carte geografiche".

Nellimpero ottomano, vi erano "funzionari delegati dalla corte a riscuotere tasse di spettanza imperiale e a organizzare un servizio di supporto di truppe in caso di necessità. Questa. funzione veniva esercitata in forza di un mansab, ovvero di un alto rango militare e fiscale conferito loro dalla corte. In alcune aree limitate dell’impero. la carica di mansabdar detentore di un mansab veniva assegnata a veri e propri funzionari di carriera, appartenenti all’aristocrazia di servizio musulmana, che la detenevano a titolo non permanente e, per di più, con l’obbligo di cambiare frequentemente la sede territoriale di esercizio della propria funzione, imposto allo scopo di prevenire lo sviluppo di un loro autonomo potere territoriale. Si trattava, dunque, in questo caso, di un rango paragonabile – cum grano salis – a quello inerente al tipo "commissariale" del funzionariato europeo di antico regime. Ma né il principio della provvisorietà della funzione, né, tanto meno, quello della rotazione, valevano per coloro che si vedevano invece attribuire un mansab in virtù del potere che già esercitavano "nelle loro terre originarie", e che continuavano, perciò, anche nella loro rinnovata veste istituzionale, a interpretare in modo autonomo, tanto più per il fatto che a tutelarli c’era il carattere in questo caso ereditario del mansab conferito loro".



                                     

2.3. Storia Età moderna

Laccezione originaria del termine, in epoca moderna e premoderna, indicava un progresso ed una positiva terzietà rispetto alle forme organizzative basate sullarbitrio e sullesercizio individuale e dispotico di un potere personale. Rispetto a questi fenomeni, lideale burocratico allepoca degli Stati nazionali poneva il potere in mano alla legge attraverso, ad esempio, la non-proprietà da parte del funzionario dei mezzi di produzione del proprio lavoro; la disciplina garantistica del rapporto di lavoro del funzionario, che non poteva essere licenziato perché sgradito al superiore; la definizione di procedimenti e procedure prestabiliti per tipologie uniformi di atti. In epoca moderna lintroduzione sistematica di una burocrazia rigidamente organizzata risale allepoca della costituzione dei primi Stati nazionali, con un ruolo di primo piano ricoperto da Napoleone Bonaparte.

                                     

2.4. Storia Francia

Napoleone Bonaparte riuscì a realizzare un apparato burocratico estremamente accentrato, fondato sulla funzione dei prefetti, per nulla pachidermico, anzi snello e ben funzionante; tantè che dopo la restaurazione alcuni governi tentarono di imitarne il funzionamento, in testa a tutti la Casa Savoia, senza però riuscirvi del tutto.

Il modello napoleonico, fondato su un’amministrazione piramidale, accentrata e coesa, incarnazione della supremazia dell’interesse pubblico sulla società e gli interessi privati, è stato scosso alle fondamenta alla fine del XX secolo "da almeno tre rilevanti riforme: il decentramento amministrativo, le privatizzazioni e la riorganizzazione degli apparati pubblici. Il dibattito sulla devoluzione delle competenze dal centro alla periferia del sistema amministrativo subì una chiara accelerazione all’inizio degli anni ’80 con l’arrivo dei socialisti a Matignon".

                                     

2.5. Storia Germania

Alla fine del XVIII secolo la legge generale prussiana allgemeines Preussisches Landrecht e la legge fondamentale sul funzionariato hergebrachte Grundsatze des Berufsbeamtentums contenevano le norme fondamentali sull’impiego alle dipendenze dello Stato: occupazione a tempo pieno e a vita dietro adeguato corrispettivo Alimentationsprinzip; fedeltà, neutralità e moderazione politica; dedizione al pubblico servizio; divieto di scioperare; regime particolare per i gradi di funzionario".

                                     

2.6. Storia Regno Unito

Nel Regno Unito "le origini di una burocrazia moderna e professionale vanno rintracciate nella seconda metà del XIX secolo, e, in particolare, nel rapporto Northcote-Trevelyan 1854, esito di unindagine commissionata da Gladstone sullo stato dei dipendenti pubblici. Il rapporto divenne presto un modello per altri governi, ivi compreso quello statunitense. Sulla base dei suoi contenuti, il controllo della burocrazia veniva di fatto strappato dalle mani dei notabili e consegnato in quelle della borghesia, anche per porre fine alle pratiche nepotistiche e clientelari proprie del passato. Nacque in quel momento il cosiddetto "modello Whitehall", fondato su una classe di funzionari professionisti, neutrali e apolitici, che doveva fungere da compensazione al "modello Westminster", costituito da parlamentari eletti democraticamente e detentori del potere politico e decisionale".

Lord Cyril Northcote Parkinson, autore di un libello ironico in cui definiva tale omonima legge empirica, osservò che, anche nel momento di massimo declino del sistema coloniale britannico, la burocrazia degli uffici coloniali continuava costantemente ad aumentare di numero. Dalle sue rigorose osservazioni si evince che, in una qualsiasi organizzazione burocratica, il tasso di crescita degli impiegati si attesta su un 5-7% annuo, indipendentemente da qualsiasi variazione nel lavoro da svolgere. Tali fenomeni dipendono strettamente da elementi intrinseci al modello burocratico, che tende ad espandersi per perpetuare ed aumentare il proprio potere, diluendo al contempo le responsabilità individuali.



                                     

2.7. Storia Italia

La debolezza del potere burocratico italiano emerse in tutta la sua gravità nel secondo dopoguerra: "i militari avevano pagato la sconfitta e la troppo assidua prossimità con il regime, nonché – evidentemente – il ruolo ormai decisamente subalterno delle forze armate repubblicane nell’ambito delle nuove alleanze atlantiche; ma soprattutto era maturata in quei vent’anni una crisi strutturale dell’amministrazione dello Stato in tutte le sue componenti di vertice: ridotta ai minimi termini l’influenza dei prefetti, anche per il forte protagonismo dei partiti politici quali nuovi interpreti del rapporto centro-periferia; mortificata l’alta dirigenza dei ministeri, sia in termini di comparazione economica con altre élites estranee all’amministrazione sia in termini di capacità dialettica verso le nuove élites della politica; moltiplicate a dismisura, sino a togliere loro il prestigio della carica, le figure di vertice".

                                     

3. Significato concettuale del termine

Il termine, definito in maniera sistematica da Max Weber indica il "potere degli uffici" dal francese bureau: un potere che si struttura intorno a regole impersonali ed astratte, procedimenti, ruoli definiti una volta per tutti e immodificabili dallindividuo che ricopre temporaneamente una funzione.

Il termine assume a volte un valore dispregiativo teso ad indicare leccessivo iter o vincoli per il raggiungimento di determinati obiettivi personali o statali. I difensori della burocrazia difendono invece tale aspetto giustificandoli con la corretta applicazione di leggi e procedure definite precedentemente da terzi secondo il principio di legalità e uguaglianza.

Lattuale accezione del termine è, pertanto, stata influenzata da quelle che - nel corso del XX secolo - sono state definite da alcuni "conseguenze inattese" del fenomeno burocratico: rigidità, lentezza, incapacità di adattamento, inefficienza, inefficacia, lessico difficile o addirittura incomprensibile il cosiddetto burocratese, mancanza di stimoli, deresponsabilizzazione, eccessiva pervasività, tendenza a regolamentare ogni minimo aspetto della vita quotidiana.

Negli stati moderni dove gli apparati burocratici hanno ragguardevoli dimensioni,ed il controllo politico è limitato nel tempo dal susseguirsi delle elezioni, il duraturo "potere degli uffici" è incline a trasformare il potere delegato in potere proprio.

                                     

3.1. Significato concettuale del termine Evoluzione contemporanea nella scienza dellamministrazione

In tempi recenti vari fattori, tra i quali i profondi cambiamenti dellassetto geopolitico ed una migliore consapevolezza dei cittadini, nata anche dal confronto generalizzato con altre realtà oltre i confini nazionali, hanno posto al centro dellattenzione il tema di una nuova sensibilità nei rapporti con la burocrazia, anche in Paesi tradizionalmente deficitari sotto questo aspetto e privi di una normalizzazione dello spoil system.

Daltro canto i progressi nella governance razionale, supportata anche dallapplicazione sistematica della Teoria dei giochi ad opera di studiosi come Robert Cooter, Douglas Baird, Robert Gertner e Randal Picker, hanno contribuito in modo fondamentale ad una migliore comprensione delle dinamiche sociali nella classe dirigente ed hanno portato vari Governi a prendere atto che i continui mutamenti dellambiente sociale ed economico richiedevano adeguate riforme e ridimensionamenti del "potere degli uffici".

Al modello burocratico si sono quindi nel tempo apportate modifiche sia nella pratica che nella teoria, sviluppando forme di amministrazione partecipata, flessibile, contrattata, per progetti cosiddetto modello telocratico.



                                     

3.2. Significato concettuale del termine Accezioni negative e critiche

Con il tempo, al termine "burocrazia" sono state associate accezioni negative; in particolare si parla di "burocratese" per indicare lo stile comunicativo e il linguaggio inutilmente complicato utilizzato dalle amministrazioni e istituzioni pubbliche durante le loro funzioni di comunicazione con i cittadini. Altra espressione negativa legata allambito della burocrazia è quella di "lungaggine burocratica", utilizzata per indicare i ritardi associati alla burocrazia, che sono interpretati come "lentezza esasperante" e "perdite di tempo".

Oltre ai "costi" in termini di tempo, le attività burocratiche vengono spesso criticate per i costi associati in termini economici. Tali costi, in Italia sono stati indicati come una delle cause della mancanza di competitività delle imprese. Per questi motivi si parla in generale di "mala burocrazia".

                                     
  • estromettere la burocrazia stalinista stalinista nel gergo trotskista è qualsiasi forza politica e sociale che si basava sulla burocrazia prodotta dallo
  • veniva estratto a sorte fra i principali esponenti della corte, della alta burocrazia e dell esercito. Le liste dei limmu per alcuni periodi, in particolare
  • dallo sfruttamento dei Paesi poveri, che rappresentava lo zoccolo duro burocrazia sindacale, dirigenti delle cooperative ecc. del riformismo. D altro canto
  • guardia del corpo dell imperatore Fino al regno di Michele III nella burocrazia vi erano al massimo due magistroi, il più anziano dei quali era chiamato
  • sigillografiche, la carica era associata prevalentemente a livelli della media burocrazia come i notarioi e i giudici di grado inferiore. Nelle liste dei Taktika
  • miglioramenti furono subito palesi. Egli era stato in grado di aggirare la burocrazia dovuta alla rigida gerarchia e rendere le necessarie modifiche lavorando
  • venivano selezionati tra la popolazione dell impero i funzionari della burocrazia statale. Dalla sua istituzione nel 605 sotto la dinastia Sui il sistema
  • stradicòto. Stratigotus in latino medievale è una designazione della burocrazia bizantina, con la quale si indicava l esponente di una magistratura cittadina
  • convertito poi dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 legge avente l intento di tutelare i consumatori, promuovere la concorrenza e snellire la burocrazia

Anche gli utenti hanno cercato:

burocrazia etimologia, burocrazia sinonimo,

...
...
...