Indietro

ⓘ Sperma




Sperma
                                     

ⓘ Sperma

Lo sperma o liquido seminale è un composto organico di consistenza liquido-albuminosa, generalmente di colore bianco oppure bianco-perlato, con aspetto opalescente o lattescente, che fisiologicamente contiene cellule germinali dette spermatozoi prodotte nelle gonadi di animali maschi o ermafroditi, e da altre sostanze di natura organica. Il compito dello sperma è la fecondazione dellovulo femminile e il processo di espulsione dalle vie genitali è detto eiaculazione.

Nel seme sono presenti alcuni ormoni, la cui funzione precisa non è stata ancora determinata. È composto da una parte solida e una parte liquida. La parte cellulare, rappresentata dagli spermatozoi è prodotta dai testicoli, mentre la restante parte è prodotta dalla prostata e dalle vescicole seminali, nonché dalle ghiandole periuretrali. Interventi chirurgici come la vasectomia permettono alluomo di avere rapporti eiaculando solamente liquido spermatico privo di spermatozoi, annullando così la possibilità di concepire un figlio.

                                     

1. Aspetti fisiologici

Spermatozoi e altre sostanze si incontrano solo pochi istanti prima di essere eiaculati. Gli spermatozoi o cellule germinali maschili costituiscono solamente il 5% del liquido seminale, il restante 95% è costituito da plasma seminale. Il plasma seminale è costituito, a sua volta, da liquido prostatico 30% secreto dalla prostata, secrezioni delle vescicole seminali 70%, liquido di Cowper 5-10% prodotto dalle ghiandole bulbouretrali sia nella fase pre-eiaculatoria, sia durante leiculazione.

Le sostanze nutritive che lo compongono sono elevate, costituite soprattutto da zuccheri in particolare fruttosio e da molte proteine nobili; sono presenti inoltre discrete dosi di selenio, zinco, magnesio, fosforo, potassio e acido ascorbico. Ha una consistenza variabile e una viscosità che lo rende scivoloso e simile allalbume delluovo.

                                     

1.1. Aspetti fisiologici Fecondazione interna ed esterna

A seconda delle specie, gli spermatozoi possono fecondare il gamete femminile esternamente oppure internamente.

  • Nella fecondazione esterna gli spermatozoi fecondano luovo direttamente, allesterno degli organi sessuali femminili. Ad esempio, un pesce o una rana di sesso femminile diffondono le proprie uova nellambiente acquatico, dove poi vengono fecondate dal seme del maschio.
  • Nella fecondazione interna invece la fecondazione avviene allinterno degli organi sessuali femminili. La fecondazione interna avviene dopo linseminazione di una femmina da parte del maschio, attraverso latto sessuale. Questo tipo di fecondazione avviene per esempio in rettili, uccelli e mammiferi.
                                     

1.2. Aspetti fisiologici Composizione del seme umano

Un uomo adulto, a ogni eiaculazione, emette da 1.5 mL a 5 mL di sperma, quantità che dipende dallintervallo di tempo che passa tra uneiaculazione e laltra, dalla produzione di testosterone e da fattori individuali non del tutto studiati. In genere, più è lungo lintervallo, più sperma viene prodotto, con una quantità massima cumulabile, generalmente dopo una settimana di astinenza. Variabile è anche il numero di spermatozoi per millilitro di eiaculato, legato soprattutto allo stato di salute del soggetto: tale numero varia da 20 a 200 milioni per millilitro. Anche la densità del liquido spermatico dipende da più fattori. Nella maggior parte dei casi ha una densità discreta, ma il suo aspetto può variare da una consistenza viscosa a uno stato quasi completamente liquido, ma mai trasparente.

Il seme degli esseri umani contiene una complessa gamma di costituenti organici e inorganici e rappresenta per gli spermatozoi sia una protezione sia un nutrimento, durante il loro viaggio attraverso il tratto riproduttivo femminile. Lambiente vaginale è infatti ostile per le cellule dello sperma, poiché è un ambiente molto acido per via della microflora ivi esistente che produce acido lattico, viscoso e ricco di cellule immunitarie. I tanti componenti presenti nel seme, favorevoli agli spermatozoi, cercano di contrastare questo ambiente ostile affinché gli stessi possano sopravvivere per il tempo necessario al raggiungimento dellovulo da fecondare. La viscosità del liquido seminale cambia rapidamente dopo lemissione; inizialmente molto denso e cremoso, tende a fluidificarsi in tempi variabili da pochi minuti a mezzora. Il caratteristico intenso odore è dovuto allossidazione della spermina nella sua base volatile.



                                     

1.3. Aspetti fisiologici Cause di scarsa/cattiva produzione del seme umano

Lincremento dei livelli plasmatici di omocisteina sono direttamente o indirettamente causa di negativa spermatogenesi con oligospermia e/o astenospermia. Inoltre è stato visto, in uno studio spagnolo di caso-controllo, che in caso di scarsa assunzione di alimenti antiossidanti come lacido folico, vitamina C e altri, si ha una cattiva qualità del seme maschile. La somministrazione di antiossidanti come pentossifillina, acido folico e lo zinco migliorano la fertilità in caso di varicocele. Inoltre, la cattiva qualità del seme umano è correlata allo stato di metilazione del DNA umano in modo inversamente proporzionale alla concentrazione di folati circolanti.

                                     

1.4. Aspetti fisiologici Secretio ex libidine

Esiste un liquido emesso prima delleiaculazione, detto secretio ex libidine, che può essere erroneamente confuso con lo sperma, ma tale, solitamente, non è: si tratta di una secrezione ad azione lubrificante prodotta in buona quantità dalle ghiandole bulbo-uretrali di Cowper, poste intorno alluretra; durante lerezione possono contrarsi e secernere piccoli quantitativi di liquido che lubrificano il glande. Non esistono studi di ampia scala intorno a questo fenomeno se ne ignora la struttura biochimica.

Nella secretio ex libidine si possono tuttavia trovare già alcuni spermatozoi che si sono fatti strada nelluretra separatamente dagli altri, e che possono essere emessi insieme con la secrezione. Questo fenomeno, sebbene piuttosto raro, può essere fra le cause di fallimento della pratica contraccettiva del coito interrotto. Per tale motivo, inoltre, i medici consigliano di indossare il profilattico già dopo il petting, e comunque sempre prima della penetrazione vaginale.

                                     

1.5. Aspetti fisiologici Il seme come vettore di trasmissione di malattie

Gli elementi che lo compongono sono ad alto valore nutritivo e pertanto non sono, di per sé, nocivi per la salute, se si esclude leventuale presenza di virus infettivi es. HIV oppure batteri.

Lo sperma infetto, in quanto secrezione genitale, può essere pertanto veicolo di malattie come ad esempio lAIDS, la sifilide o la gonorrea, trasmissibili attraverso lo scambio di fluidi corporei; queste malattie vengono pertanto definite "sessualmente trasmissibili" o "veneree".

Per lessere umano lunico sistema di protezione contro queste malattie è di natura meccanica, attraverso lutilizzo del profilattico o preservativo, che impedisce il contatto diretto dei fluidi corporei e pertanto evita, a meno di falle nella struttura plastica, sia leventuale trasmissione di malattie sia il concepimento.

                                     

1.6. Aspetti fisiologici Allergia al seme umano

Sono stati riscontrati diversi casi, anche se rari, di unallergia al liquido seminale nota come ipersensibilità al seme umano, più precisamente è unallergia a una molecola contenuta nel liquido seminale, la spermidina, questa reazione si può avere sia da parte del sesso femminile sia da parte del sesso maschile, in questultimo caso viene conosciuta come POIS, Post Orgasmic Illness Sindrome ".

I sintomi possono essere localizzati oppure sistemici e possono includere prurito vaginale, rossore, gonfiore delle grandi e piccole labbra oppure bolle anche dopo 30 minuti dal contatto. Possono anche includere prurito generalizzato, orticaria e talvolta possono perfino rendere difficoltosa la respirazione o incorrere in shock anafilattico.

Il modo migliore per testare se si sospetta un ipersensibilità al seme umano è quello di adoperare abitualmente il preservativo durante i rapporti sessuali, per constatare se i sintomi permangono oppure svaniscono con luso dello stesso.

I casi più lievi di questallergia spesso possono essere superati semplicemente con unesposizione ripetuta al liquido seminale. Generalmente una normale attività sessuale col partner che eiacula direttamente in vagina rende le donne allergiche immuni dopo appena alcuni mesi.

Invece nei casi più gravi, in cui persiste lo stato allergico, è fondamentale consultare un medico, specie nel caso in cui una coppia stia tentando un concepimento, dove in tale circostanza potrebbe essere raccomandata linseminazione artificiale con la purificazione dello sperma dalle proteine che causano lallergia.



                                     

1.7. Aspetti fisiologici Commestibilità dello sperma

Lo sperma di alcuni animali è impiegato come alimento per luomo. Per esempio, lo sperma di tonno è lingrediente principale di un piatto tipico siciliano e sardo, il lattume o figatello. Nella cucina rumena lo sperma di carpa e di altri pesci dacqua dolce è utilizzato in frittura come alimento, denominato Lapti dal latino Lactes. Nella cucina russa, lo sperma dellaringa молока, "Moloka" viene marinato come il resto del pesce ma consumato separatamente.

Nel 2008 Paul Photenhauer pubblica Natural Harvest, un libro di ricette a base di sperma, seguito nel 2013 da Semenology, in cui lo stesso autore propone lo sperma come ingrediente di drink e cocktail.

                                     

1.8. Aspetti fisiologici Studi sugli effetti biologici dello sperma

Diversi studi scientifici sono stati condotti per individuare altri possibili effetti biologici dello sperma, oltre a quello riproduttivo.

Un recente studio giugno 2019 pubblicato sul Journal of Reproductive Immunology, indica che il sesso orale è associato ad una ridotta incidenza di aborti ricorrenti, probabilmente grazie allesposizione agli antigeni paterni che avviene mediante lassorbimento dello sperma attraverso la mucosa orale.

Uno studio scientifico del 2000, e studi successivi, hanno suggerito che una maggiore esposizione allo sperma del partner sia tramite ingestione da fellatio che attraverso altre modalità di rapporto sessuale da parte delle gestanti può ridurre il rischio della sindrome preeclamptica e quindi delleclampsia.

Uno studio del 2000 del prof Gordon Gallup, della dottoressa Rebecca Burch e del dott Steven Platek ha suggerito che lassunzione dello sperma potrebbe avere effetti antidepressivi. Lo studio ha comparato due gruppi di donne, uno dei quali utilizzava sistemi contraccettivi di barriera, laltro no.

I risultati di uno studio caso-controllo pubblicati sulla rivista Oncology nel 1978 indicavano che una ridotta esposizione allo sperma rappresentava un fattore di rischio per lo sviluppo del cancro del seno. Tali risultati sono stati confermati da un successivo studio condotto dal 1982 al 1985 dalle dottoresse Monique G.Lê, Annie Bacheloti e Catherine Hill che ha evidenziato un significativo decremento del rischio di sviluppare un tumore al seno p = 0.004 nelle donne esposte allo sperma.