Indietro

ⓘ Società Sportiva Juve Stabia




Società Sportiva Juve Stabia
                                     

ⓘ Società Sportiva Juve Stabia

La Società Sportiva Juve Stabia S.r.l., meglio nota come Juve Stabia, è una società calcistica italiana con sede nel comune di Castellammare di Stabia, militante attualmente in Serie B.

La Juve Stabia gioca le proprie partite interne allo stadio Romeo Menti, inaugurato nel 1984. È uno dei club più antichi della Campania e del Mezzogiorno dItalia. Nella sua storia ha disputato 5 campionati di Serie B.

Il simbolo del club è la vespa, mentre i colori sociali sono il giallo e il blu.

                                     

1.1. Storia Dallo Stabia Sporting Club 1907-1930 al Football Club Stabiese 1930-1933

La storia calcistica di Castellammare di Stabia ebbe origine nel 1907, quando nacque lo Stabia Sporting Club, società fondata dai fratelli Romano e Pauzano Weiss. Dopo alcuni anni di attività in ambito locale, il club si affiliò alla FIGC Campania nel 1914 e iniziò lattività ufficiale disputando dei campionati di Terza Categoria.

Fu ricostituito nel dopoguerra: infatti nel 1919 riprese le attività grazie allavv. Vincenzo Bonifacio, e nel 1920 attraverso una fusione con lo Sport Club War club stabiese fondato lanno prima ottenne laccesso al campionato di Promozione 1919-1920.

In seguito, aderì al C.C.I. e partecipò al campionato di Prima Divisione 1921-1922, massimo livello dellepoca. Nel 1924 retrocesse in Seconda Divisione per problemi economici, ma tornò al primo livello dopo appena un anno. Tuttavia, retrocesse nuovamente nel 1925-1926 e restò in Seconda Divisione fino al 1929. Nel frattempo, economicamente dissestata retrocesse ancora una volta, stavolta in modo volontario nel 1930, cambiando anche denominazione in Football Club Stabiese. Questa società infine fallì nel 1933.

                                     

1.2. Storia Il periodo dellAssociazione Calcio Stabia 1933-1953

L A.C. Stabia, il nuovo club dovette ripartire da zero, come una neoaffiliata. Pertanto iniziò la sua storia dalla Terza Divisione. Nel 1945 vinse il Campionato campano, dopo un avvincente testa a testa con la Salernitana. In quegli anni la compagine di Castellammare di Stabia aveva tra le proprie fila il celebre calciatore Romeo Menti, a cui è dedicato lo stadio cittadino.

Il 17 giugno 1951 lo Stabia raggiunse la Serie B, operazione compiuta vincendo per 2-0 doppietta di Cereseto nello spareggio contro il Foggia sul campo neutro di Firenze. Tuttavia concluse la stagione 1951-1952 allultimo posto e di conseguenza retrocedette in cadetteria, incontrando, però, squadre blasonate come Genoa e Roma questultima vincitrice del campionato. Infine, a seguito di unaltra retrocessione, nella fine della Serie C 1952-1953, fallì per inadempienze finanziarie, non iscrivendosi dunque alla IV Serie 1953-1954.

                                     

1.3. Storia Dalla Società Sportiva Juventus Stabia 1953-1996 allAssociazione Calcio Juve Stabia 1996-2001

A seguito del fallimento dello Stabia, a Castellammare una società minore, la S.S. Juventus Stabia fondata già nel 1935 da Salvatore Russo ed affiliatasi alla federazione nel 1945, divenne così la prima squadra cittadina, e per tale occasione cambiò i colori della propria maglia: dalle strisce bianconere passò alle strisce gialloblù. Anche i colori del precedente Stabia erano il blu ed il giallo, e tali colori sono gli stessi del gonfalone comunale.

La Juventus Stabia, nel 1953 militò nella Promozione Campania quinto livello del calcio italiano. Nel 1971 fu promossa in Serie C, ma retrocesse due anni dopo, ritornando in Serie D. Fino al 1993 oscillò tra Serie D e Serie C2, fino a quando non fu promossa nuovamente nel terzo livello, che nel frattanto era stato rinominato Serie C1.

Nel 1994 sfiorò addirittura la Serie B, ma fu fermata in finale nel derby con la Salernitana.

Nel 1996 modificò la propria ragione sociale in A.C. Juve Stabia, e nel 1999 sfiorò di nuovo la promozione in cadetteria, non raggiunta a causa della sconfitta contro il Savoia. Lanno seguente invece retrocesse, prima di fallire definitivamente nel 2001.



                                     

1.4. Storia Dal Comprensorio Stabia 2002-2003 allodierna Società Sportiva Juve Stabia 2003-oggi

Nel 2001 la città di Castellammare di Stabia, privata di quella che era stata a lungo la squadra cittadina più rappresentativa, visse un vuoto calcistico della durata di una stagione anche se in realtà in città era presente la Libertas Stabia, militante nelle categorie inferiori.

Nel 2002 fu affiliato un nuovo titolo sportivo in Terza Categoria che, fondendosi con quello del Comprensorio Nola originò il Comprensorio Stabia. Tale operazione consentì al neocostituito sodalizio di partire dalla Serie D. Nel 2003-2004 divenne Società Sportiva Juve Stabia, e fu promossa in Serie C2, vincendo inoltre la Coppa Italia Serie D. Fino al 2011 oscillò tra terzo e quarto livello nazionale, e in questo periodo partecipò ad un triangolare valido per la vittoria della Supercoppa di Lega Pro Seconda Divisione, che tuttavia non ottenne. Nel 2011 fu promossa in Serie B battendo in finale play off lAtletico Roma.

Guidati dallallenatore Piero Braglia, anche grazie alle 21 reti di Marco Sau nel campionato 2011-2012 gli stabiesi ottennero un importante traguardo: il 9º posto in cadetteria, il miglior risultato assoluto dal 1907. La squadra restò nella seconda serie nazionale per tre anni consecutivi: nellultima stagione in B, a seguito della sconfitta per 3-0 contro il Trapani, la squadra retrocesse matematicamente dalla serie cadetta.

Nella stagione 2014-2015, grazie ai 70 punti ottenuti, la Juve Stabia si classificò quarta e raggiunse i play-off per accedere alla serie cadetta. Fu, però, eliminata al primo turno dopo aver perso ai tiri di rigore per 5-4 contro il Bassano. Nella stagione successiva le vespe conclusero al 10º posto con 42 punti, riuscendo ad evitare i play-out verso le ultime giornate. Nella stagione 2016-2017 si classificarono al quarto posto in Lega Pro venendo poi eliminati ai play-off dalla Reggiana, così come nel 2017-2018, nella nuova Serie C: dopo aver eliminato la Virtus Francavilla nel secondo turno dei play-off, uscirono di scena agli ottavi, nuovamente contro la Reggiana, dopo due pareggi 0-0 in casa e 1-1 in trasferta, penalizzati dal peggior piazzamento in classifica nella stagione regolare nel proprio girone. La stagione di Serie C 2018-2019 vide la squadra disputare un ottimo campionato: battendo la Vibonese per 2-1 tra le mura amiche la squadra ottenne con due giornate danticipo la promozione in Serie B, dopo aver condotto la classifica dallinizio del torneo.

                                     

2.1. Colori e simboli Colori

Fin dalla sua fondazione, sono sempre stati adottati i colori giallo e blu in tonalità scura ed inizialmente la maglia era a strisce verticali poi divenne a tinta unita blu scuro con pantaloncini gialli. Ma soltanto nel 1953, anno in cui la Juve Stabia diviene il principale club calcistico di Castellammare di Stabia, ritorna la maglia a strisce verticali giallo e blu con pantaloncini bianchi oppure sempre in blu scuro. Per quanto riguarda la maglia da trasferta, è sempre stata di colore bianco, così come i pantalocini.

I primi sponsor ufficiali, stampati sulle maglie della formazione stabiese, si ebbero soltanto ad inizio anni novanta, quando ad essere il presidente della Juve Stabia fu lindimenticato Roberto Fiore.

Nellestate del 2012, con opportuni lavori di restyling, gli spalti dello Stadio Romeo Menti sono stati dipinti con i colori della società calcistica.

                                     

2.2. Colori e simboli Stemma

Lo stemma dellAC Stabia, nata nel 1933, era costituito da un ovale con una vespa sulla sinistra e un pallone da calcio sulla destra contornato dalle iniziali della denominazione sociale stabiese: "A.C." Associazione Calcio Stabia, il tutto su sfondo celeste. Fu lo stemma della società stabiese per ventanni.

La Juve Stabia assunse uno stemma di forma trapezoidale con al centro una vespa in possesso di uno scettro, in alto a sinistra le iniziali S.S. e in basso il nome Juve Stabia su sfondo giallo e corona esterna di colore blu con la scritta Castellammare di Stabia posta in alto.

Nel 2020, il logo ha subito un lieve restyling: sono state modificate le proporzioni dello stemma e reso leggermente più scuri i colori.

                                     

3. Strutture

Stadio

La Juve Stabia disputa le sue partite interne allo stadio Romeo Menti, situato a Castellammare di Stabia nel quartiere San Marco.

Fu inaugurato nel 1985 con la partita amichevole Juve Stabia - Avellino finita con il risultato di 3-1 per gli stabiesi. Limpianto possiede una capienza complessiva di 13.000 posti a sedere. Gli ultimi lavori di restyling sono stati eseguiti nel 2019, per omologare limpianto alle norme imposte dalla Lega Serie B.

                                     

4.1. Società Settore giovanile

Il settore giovanile della Juve Stabia è composto da una formazione Primavera da una formazione Under 17 Nazionale e da una Under 16 e 15 Nazionale- In più tre categorie Under 16, Under 15 e Under 14 regionali e diverse categorie che fanno parte dellAttività di Base. Questo lorganigramma della stagione 2019/20:

  • Referente attività di base: Francesco Granatello
  • Tecnici Luca Fusco Primavera, Giorgio Lucenti Under 17 A-B, Michele Sacco Under 16 A-B, Francesco Criscuoli Under 16 Regionale, Vincenzo Franzese Under 15, Giuseppe Lepre Under 15 Regionale, Giuseppe Iome Under 14
  • Responsabile organizzativo: Lucio Provvisiero
  • Medico sociale: Dr. Lupo Giacomo Pulcino
  • Referente scuole calcio affiliate: Alfonso Todisco
  • Direttore Primavera Roberto Amodio
  • Ufficio Stampa Ciro Novellino
  • Coordinatore e responsabile area fisioterapica: Valerio Esposito
  • Responsabile settore giovanile Saby Mainolfi
  • Dirigenti: Alfonso Todisco, Vincenzo Buonomo, Mario Zullo, Giovanni Di Nardo, Francesco Granatello, Salvatore Avallone, Lucio Provvisiero, Aldo Caiazza
  • Segretario Vincenzo Esposito


                                     

5. Calciatori

La Juve Stabia le Nazionali di calcio

Di seguito è riportata la lista dei calciatori della Juve Stabia, che durante il loro periodo di militanza nel club, sono stati convocati in nazionale.

  • Vittorio Parigini U-19
  • Francesco Zampano U-21
  • Simone Colombi U-21
  • Riccardo Fissore U-21
                                     

6. Palmarès

Competizioni nazionali

  • Coppa Italia Serie C: 1
2010-2011
  • Coppa Italia Serie D: 1
2003-2004

Competizioni interregionali

  • Serie C: 3
1947-1948 Lega Interregionale Sud girone R, 1950-1951 girone D, 2018-2019 girone C
  • Serie C2: 1
1992-1993 girone C
  • Lega Pro Seconda Divisione: 1
2009-2010 girone C
  • Serie D: 3
1971-1972 girone G, 1978-1979 girone F, 2003-2004 girone G
  • Campionato Interregionale: 2
1984-1985 girone L, 1990-1991 girone L

Altri piazzamenti

  • Serie C1
Terzo posto: 1998-1999 girone B
  • Lega Pro Prima Divisione
Vittoria play-off: 2010-2011
  • Serie C2
Terzo posto: 2004-2005 girone C
  • Serie D
Secondo posto: 1974-1975 girone G, 1976-1977 girone H Terzo posto: 1975-1976 girone G
  • Campionato Interregionale
Terzo posto: 1982-1983 girone I
  • Supercoppa di Serie C
Terzo posto: 2019
  • Supercoppa di Lega di Seconda Divisione
Secondo posto: 2010


                                     

7.1. Statistiche e record Partecipazione ai campionati

In 82 stagioni sportive dallesordio a livello nazionale nella Seconda Divisione Sud C, compresi 4 tornei del Direttorio Meridionale C e 11 tornei di Serie C2. Sono escluse la stagione 1930-1931, le annate dal 1933 al 1937, dal 1943 al 1945, e dal 1953 al 1955, le stagioni 1958-1959 e 2001-2002, nelle quali la Juve Stabia ha partecipato ai tornei del Comitato Regionale Campano o fu inattiva per scioglimento.

                                     

7.2. Statistiche e record Statistiche di squadra

La Juve Stabia non ha mai disputato un campionato di massima serie, tuttavia ha esordito in Serie B il 9 settembre 1951 con la denominazione di A.C. Stabia. Quindi il campionato 2013-2014 che ha disputato è stato la sua 77ª stagione sportiva. Nel corso della sua storia ha preso il via a 4 campionati di Serie B. Mentre per i campionati professionistici inferiori, le partecipazioni della Juve Stabia si suddividono in 12 campionati di Serie C1/Prima Divisione, 11 di Serie C2/Seconda Divisione, e 21 della vecchia Serie C. Tra i dilettanti le partecipazioni sono 29, e lesordio risale al 1955, dopo il fallimento dellAC Stabia.

                                     

7.3. Statistiche e record Statistiche individuali

Nella centenaria storia del sodalizio stabiese, il giocatore che detiene il record di presenze totali nei campionati è Gianfranco Lusuardi con 200 partite giocate. Il secondo calciatore di cui si hanno dati certi è Adriano Mezavilla, con 169 presenze disputate negli ultimi anni tra Serie B e Serie C. Inoltre Adriano Mezavilla detiene anche il record di presenze in Serie B 99 davanti a Stefano Dicuonzo 73 e Fabio Caserta 70.

Per quanto riguarda i giocatori che hanno indossato la fascia di capitano, al momento è difficile elencare una statistica ben precisa. Comunque il capitano attuale è Alessandro Mastalli, dalla stagione 2017-2018, il quale indossa la maglia numero 24. Tuttavia non vanno dimenticati i vari personaggi che hanno indossato la fascia durante le annate sportive. Gianfranco Lusuardi fu capitano delle vespe per sette stagioni negli anni settanta, che poi passò lui stesso la fascia da capitano ad Angelo Carrano, il quale fu capitano delle vespe negli anni ottanta. Negli anni novanta ci furono i vari Gaetano Musella e lo stesso Roberto Amodio. Il difensore Carmine Di Napoli, è stato capitano allinizio del nuovo sodalizio di Paolo DArco negli anni duemila. Inoltre, non va dimenticato il calciatore belga Donovan Maury, che ha indossato la fascia di capitano nelle ultime battaglie della storia recente delle vespe, negli anni dal 2008 al 2012.

Il massimo cannoniere in campionato nella storia della Juve Stabia è Luigi Castaldo con 37 gol, siglati tra il 2003 e il 2007. Marco Sau detiene il record di segnature in serie B, forte delle 21 reti messe a segno nella stagione 2011-2012, e precede Tomas Danilevičius e Fabio Caserta, entrambi a 12. Sau è anche il calciatore che ha messa a segno più gol in un singolo campionato 21 e precede Marcello Prima che nel 1985-1986 grazie a 20 reti fu capocannoniere, unico calciatore stabiese ad essersi fregiato di questo titolo.

In grassetto i calciatori attualmente in rosa Aggiornato al 21 dicembre 2019

                                     

8.1. Tifoseria Storia

Il primo gruppo con mentalità ultras a nascere nel panorama del tifo stabiese furono gli "Ultras", la cui origine si deve a cavallo fra gli anni sessanta e settanta, seguiti dai "South Boys", dalle "Brigate" e dai "Vecchi Fedayn", che ben presto cambieranno denominazione semplicemente in "Fedayn", e successivamente si scioglieranno, i "Boys", "Teddy Swarm", i "Lunatici", il "Nucleo", e gli "Skonvolts Heads".

Allinizio degli anni ottanta, causa un brutto periodo per la formazione stabiese culminato con la retrocessione nel Campionato Interregionale al termine della stagione 1980-1981, i gruppi organizzati e la maggior parte del tifo cominciarono a seguire le vicende sportive della squadra di pallacanestro femminile, ai tempi partecipante al massimo campionato nazionale. Al termine della stagione il titolo sportivo della Juve Stabia fu ceduto e, nonostante gli stabiesi dovettero disputare un intero campionato giocando a Scafati, i gruppi organizzati tornarono al seguito della squadra.

Nel 1984, in concomitanza con la costruzione dello stadio Romeo Menti, nascono gli "Swarm Supporters", destinati a prendere le redini della curva stabiese. Il gruppo, negli anni del proprio apice, raggiungerà quota duecento militanti con sezioni sparse per lItalia, tra le quali si ricordano Cassino, Petraro e Varano. Tendenzialmente di sinistra, il gruppo espone allo stadio bandiere sovietiche e raffiguranti leffigie di Che Guevara, distribuendo anche due fanzine.

Dopo il 1987, con il miglioramento delle vicende sportive della squadra, nascono numerosi altri gruppi, tra i quali si ricordano i "Bronx Faito", il quale nome deriva dal quartiere di provenienza, la "Brigata Ciceron Street", rappresentante il quartiere Cicerone e di chiara ispirazione ai Vecchi Lions del Napoli. Nel 1992 riprendono forma i disciolti Fedayn, con una mentalità apertamente di sinistra.

Nel 1994, dallunione dei precedenti gruppi dei Lunatici e dei Boys, prendono vita le "Vespe Matte"; lanno successivo invece, nascono i "Ghost", la "Borgata Pozzano", la "Brigata Santa Caterina" e gli "Original Fans", mentre si sciolgono gli "Skonvolts Heads". Tutti i gruppi decidono di identificarsi dietro lo striscione "Ultras stabiae", dovendo far capo anche ad incomprensioni interne fra fazioni.

Nel 1996 nascono gli "Hamas" Successivamente dovranno abbreviare il nome in" HCJS”. Nel 1997 nascono gli "Hell Side" ed i "Tupac Amaru".

Durante la presentazione della società stabiese per la stagione calcistica 2011-2012, i due patron annunciano il ritiro della maglia numero 12 in onore della tifoseria della Curva Sud. Gesto che viene ripetuto lanno successivo, stagione calcistica 2012-2013, nonostante la lega di Serie B abbia modificato le regole riguardanti le numerazioni di maglia.

Fra gli esodi da ricordare, particolare rilievo ha la trasferta a Napoli in occasione della finale dei play-off del 1993-1994, valida per la promozione in serie cadetta. Per loccasione il San Paolo fu gremito da oltre ventimila stabiesi.

                                     

8.2. Tifoseria Gemellaggi e rivalità

Gemellaggi
  • Siracusa

Il rapporto di fratellanza con la tifoseria del Siracusa nacque nel campionato di Serie C2 1978-1979, quando il calciatore stabiese Nicola De Simone, in forza agli aretusei, fu colpito al volto in unazione di gioco e cadde esanime a terra. Fu subito ricoverato allospedale Cardarelli di Napoli ma dopo diciassette giorni morì. Da allora il tifo aretuseo e quello stabiese si sono uniti in "SiraStabia" nel ricordo del calciatore e ancora oggi i sentimenti di rispetto e fratellanza sono ancora presenti nel rapporto tra le due tifoserie.

Amicizie Rispetto reciproco
  • Perugia
  • Messina
  • Cavese
Rivalità

La forte rivalità con la Nocerina nacque il 21 gennaio 1929 quando i rossoneri sconfissero per 2 a 1 i gialloblu, e i giornalisti stabiesi li soprannominarono molossi. Altre rivalità ci sono con il Verona, Foggia, Salernitana, Paganese, Nola, Sorrento, Turris, con queste ultime due ci sono stati anche episodi di veri e propri scontri tra tifoserie, ed infine con il Savoia, rivalità nata quando i tifosi del Savoia si scontrarono con quelli del Siracusa, gemellati con gli stabiesi, nel 2010.

                                     

8.3. Tifoseria Derby

Nel corso della sua storia, la Juve Stabia ha disputato molti incontri con altre formazioni calcistiche della Campania. Infatti i derby calcistici più importanti che le vespe stabiesi hanno disputato sono contro Napoli, Avellino, Salernitana, Benevento, Nola, Cavese, Savoia, Turris ed altre formazioni campane.

Ma i derby che caratterizzano i gialloblu da sempre, e che sono molto sentiti da ambedue le tifoserie, sono quelli contro la Nocerina e il Sorrento.