Indietro

ⓘ Telescopio nazionale Galileo




Telescopio nazionale Galileo
                                     

ⓘ Telescopio nazionale Galileo

Il telescopio nazionale Galileo è un telescopio di 3.58 metri di diametro situato sulla sommità dellisola di San Miguel de La Palma, ed è il più importante strumento ottico della comunità astronomica italiana. Dal 2005 la "Fundación Galileo Galilei, Fundación Canaria" gestisce il telescopio per conto dellIstituto nazionale di astrofisica. Il TNG fa parte del complesso di telescopi che compongono losservatorio del Roque de los Muchachos, uno dei più importanti dellemisfero nord. Il codice MPC dellosservatorio è Z19.

Le osservazioni presso il TNG possono essere proposte attraverso il Comitato italiano di assegnazione del tempo in inglese Time Allocation Committee, TAC, il quale distribuisce, in base solamente al merito scientifico delle proposte, il 75% del tempo disponibile. Il restante 25% del tempo è a disposizione della comunità astronomica spagnola ed internazionale. Il TNG è aperto a nuove proposte osservative due volte allanno, tipicamente in marzo-aprile ed in settembre-ottobre.

                                     

1. Caratteristiche tecniche

Il TNG è un telescopio riflettore, dotato di una montatura altazimutale, con una configurazione ottica Ritchey-Chrétien. Lo specchio primario ha un diametro di 3.58 metri ed una lunghezza focale di 38.5 metri f/11, il secondario ha un diametro di 0.875 metri. Vi è altresì uno specchio terziario piano che ha lo scopo di dirigere il fascio luminoso verso uno dei due fuochi Nasmyth del telescopio.

Esso è basato sullo stesso progetto del New Technology Telescope NTT dellESO situato in La Silla, Cile. Pertanto, la qualità ottica del telescopio è assicurata da un sistema di ottiche attive, che esegue correzioni in tempo reale delle componenti ottiche compensando, in particolare, le deformazioni dello specchio primario. Tuttavia, a differenza dellNTT, il TNG è stato a lungo dotato anche di un sistema di ottica adattiva che permetteva al telescopio di lavorare al limite di diffrazione nelle notti in cui la turbolenza atmosferica era più contenuta.

Linterfaccia tra la montatura del telescopio ed i rivelatori è fornita da due adattatori/derotatori, uno per fuoco Nasmyth. La loro funzione è quella di compensare la rotazione di campo attraverso una contro-rotazione meccanica. La migliore qualità del TNG è che tutti i rivelatori sono permanentemente montati al telescopio. Ciò garantisce una notevole flessibilità di osservazione, visto che è possibile cambiare strumento durante la notte con una perdita di tempo limitata a pochi minuti.

La scienza basata su dati osservativi ottenuti al TNG è molto varia. Si va da studi di pianeti e corpi minori del sistema solare a ricerche di interesse cosmologico struttura a grande scala dellUniverso, sistemi di galassie.

                                     

2. Strumentazione

Attualmente il TNG è equipaggiato con 4 strumenti:

  • GIANO, spettrografo ad alta risoluzione per osservazioni nel vicino infrarosso.
  • HARPS-N "High Accuracy Radial velocity Planet Searcher", uno spettrografo echelle dedicato alla ricerca di pianeti extrasolari;
  • NICS "Near Infrared Camera Spectrometer", fotocamera e spettrografo per osservazioni nel vicino infrarosso.
  • DOLoRes "Device Optimized for the Low Resolution", fotocamera CCD e spettrografo a bassa risoluzione per osservazioni nel visibile;

Strumenti dismessi:

  • OIG "Optical Imager Galileo", una fotocamera CCD destinata alle immagini ottiche ad alta risoluzione;
  • AdOpt TNG, sistema di ottica adattiva che, accoppiato a NICS, lavora nel vicino infrarosso.
  • Speckle camera, per osservazioni nel visibile al limite di diffrazione del telescopio;
  • SARG "spettrografo ad alta risoluzione del Galileo", spettrografo per osservazioni nel visibile;
                                     

3. Risultati scientifici rilevanti

  • Nel 2017, in collaborazione con il telescopio spaziale XMM-Newton è stata osservata l’emissione contemporanea di impulsi di luce visibile e raggi X proveniente da una pulsar. Loggetto denominato PSR J1023 + 0038 è la risultante di una stella di grande massa giunta alla fine del suo ciclo evolutivo.
  • Tra i risultati di rilievo ottenuti con lutilizzo del TNG vi è la scoperta nel mezzo interstellare della molecola del naftalene, una delle più complesse molecole organiche mai individuate nello spazio. Questa scoperta suggerisce che molti componenti chiave nella chimica terrestre prebiotica potrebbero essere stati presenti nel mezzo interstellare dal quale si è formato il sistema solare.
  • Nel 2018, tramite lo spettrografo HARPS-N, è stata confermata la presenza di titanio e ferro allo stato gassoso nell’atmosfera del pianeta KELT-9b, a causa dell’altissima temperatura presente su di esso. Negli studi sulla stella Kelt-9 non corrispondevano le misure della velocità radiale, ma si è scoperto, grazie allo spettrografo, che tali imperfezioni erano date dallalta presenza di ferro nellatmosfera, in un effetto Rossiter-McLaughlin.
  • Durante tre notti del 2016, tramite lo spettrografo nel vicino infrarosso GIANO, è stata confermata la presenza di metano nellatmosfera del pianeta gioviano caldo HD 102195 b, per la prima volta individuato con successo su unesopianeta.
  • Nellottobre del 2013, il consorzio internazionale che dirige lo strumento HARPS-N ha pubblicato, sulla prestigiosa rivista Nature, i risultati della caratterizzazione del pianeta extrasolare Kepler-78b. Lesopianeta è risultato essere, per massa e dimensioni, il più simile alla Terra tra quelli conosciuti fino a quella data.
  • Nel marzo 2018 è stato annunciato che il telescopio ha rilevato la presenza di molecole dacqua nellatmosfera del pianeta extra-solare HD 189733 b, un gigante gassoso simile a Giove scoperto nel 2005 che orbita intorno alla stella HD 189733 A.
  • Nellaprile 2009, dati infrarossi ottenuti con il TNG hanno permesso di determinare il redshift di GRB 090423, che è risultato essere pari a 8.1. Loggetto è stato quindi identificato come il più lontano Gamma ray burst mai osservato dalla Terra.


                                     
  • della cooptazione di Galileo Galilei nell Accademia dei Lincei. La nascita del telescopio rifrattore si può far risalire a Galileo il quale ne mostrò la
  • Présentation de NARVAL: INSTRUMENTS, su tbl.obs - mip.fr. Telescopio William Herschel Telescopio nazionale Galileo Altri progetti Wikimedia Commons Wikimedia Commons
  • New Technology Telescope NTT è un telescopio da 3, 58 metri di diametro situato presso l Osservatorio di La Silla in Cile. Il telescopio è di proprietà
  • Robotic Telescope su robotictelescope.org. EN Science Case, su robotictelescope.org. Gran Telescopio Canarias Telescopio nazionale Galileo Telescopio William
  • 697 Galilea una sonda spaziale, la Galileo un sistema di posizionamento spaziale, il sistema Galileo il gal unità di accelerazione il Telescopio Nazionale
  • Telescopio Nazionale Galileo TNG di 3.6m di diametro, che è il più grande telescopio ottico di proprietà dell INAF il Large Binocular Telescope LBT
  • uno spettrografo di grande precisione installato nel 2012 sul Telescopio Nazionale Galileo TNG ubicato nell Osservatorio del Roque de los Muchachos isola
  • Nordic Optical Telescope dal New Technology Telescope dal Telescopio Nazionale Galileo e dai Telescopi Keck. Nei moderni telescopi ottici si ha la
  • Gran Telescopio Canarias GranTeCan da 10, 4 metri di diametro, l inglese William Herschel Telescope diametro 4, 2 metri e l italiano Telescopio nazionale
  • Istituto di radioastronomia di Bologna Telescopio nazionale Galileo La Palma, Isole Canarie Large Binocular Telescope Monte Graham, Arizona, U.S.A. Parco