Indietro

ⓘ Aviatore




Dirigibilista
                                     

ⓘ Dirigibilista

L aviatore è una persona che conduce un aeromobile in volo, sia per piacere che per professione.

La responsabilità della condotta di volo sia esso commerciale o privato è sempre del pilota responsabile o pilota in comando comandante, in inglese pilot in command, la cui autorità a bordo è pari a quella del comandante a bordo di una nave.

                                     

1.1. Pilota civile Italia

In Italia, lENAC Ente Nazionale per lAviazione Civile rilascia tre tipi di brevetti, detti licenze per i piloti di aereo e/o elicottero.

Il primo brevetto ufficiale che abilita al pilotaggio è la licenza di pilota privato o PPL, dallinglese "private pilot licence", che abilita a condurre un aereo o un elicottero con soli passeggeri non paganti secondo le regole del volo a vista VFR o secondo le regole del volo strumentale una volta conseguito il brevetto e la specifica abilitazione al volo IFR. In Italia per conseguire questo brevetto non è obbligatoria la conoscenza della lingua inglese. Per giungere al conseguimento del brevetto occorre superare un esame teorico a quiz, composto da 120 domande a risposta multipla suddivise per argomenti quali: regolamentazione aeronautica, nozioni generali sugli aeromobili, fattore umano, meteorologia, navigazione aerea, procedure operative, prestazioni e pianificazione e telecomunicazioni aeronautiche. Ogni candidato ha a disposizione un tempo di 120 minuti. Per essere ritenuti idonei è necessario rispondere correttamente ad almeno l75% dei quiz per ogni materia. Lultimo esame è quello pratico al quale si giunge dopo almeno 45 ore di volo. Il PPL può essere ottenuto presso unorganizzazione certificata: un "ATO" Approved Training Organization. Per poter essere ammessi a frequentare un corso di pilotaggio, i candidati devono sottoporsi a delle visite mediche presso dei centri dellAeronautica Militare Italiana attualmente si trovano solo a Milano, Roma e Bari ed ottenere, almeno, il "Certificato di Idoneità di seconda classe" per poter svolgere le mansioni di pilota. Il certificato ha validità quinquennale sino al cinquantacinquesimo anno di età. Superata tale data è necessario effettuare le visite annualmente, fino al sessantesimo anno di età, oltre il quale, la visita deve essere effettuata semestralmente. Si può conseguire il PPL anche se non si è maggiorenni: bastano infatti 16 anni per poterlo conseguire.

La qualifica di pilota commerciale di velivolo o CPL, acronimo inglese di "commercial pilot license", è il secondo brevetto necessario per poter svolgere lattività retribuita di pilota o copilota a bordo di velivoli commerciali. Per poter accedere al corso per il conseguimento di questa licenza sono necessarie 150 ulteriori ore di volo nellapposito corso di formazione.

Lultima abilitazione viene denominata licenza di pilota di linea o ATPL, "airline transport pilot license". Essa si consegue previo superamento di 14 esami teorici e il raggiungimento di 1500 ore di volo di cui 500 in operazioni multi - pilot. Tale abilitazione garantisce il privilegio, previo superamento di un corso comando, di pilotare un aereo di linea in qualità di comandante. Prima del raggiungimento delle 1.500 ore necessarie è comunque possibile superare gli esami teorici ed ottenere il cosiddetto" frozen ATPL”, che consiste in una licenza CPL compresa di crediti per il superamento degli esami teorici ATPL. Quest’ultima, previo completamento di un corso" type rating”, permette di operare come pilota su velivoli ad equipaggio plurimo in qualità di primo o secondo ufficiale.

Non è invece una Licenza di Pilota l Attestato per il Volo da Diporto o Sportivo VDS, che abilita al pilotaggio degli ultraleggeri, e che viene rilasciato dopo opportuni corsi ed esami presso le Scuole certificate dallAeroclub dItalia. Il conseguimento dellAttestato VDS è obbligatorio per legge per poter pilotare gli ultraleggeri.

                                     

2.1. Pilota militare In Italia

Con il termine pilota militare solitamente si intende un aviatore dellAeronautica Militare, anche se esso, nella sua accezione più ampia, comprende anche elicotteristi ed aviatori prestanti servizio nelle altre armi.

Per diventare "Pilota militare" i principali requisiti necessari sono fisici: il pilota deve essere in grado di sopportare accelerazioni e situazioni limite.

Le scuole militari di volo, come lAccademia Aeronautica di Pozzuoli, sono molto selettive: in Italia, ad esempio, per quanto riguarda lanno accademico 2008/2009, dei migliori 1044 candidati che avranno superato la prova di preselezione, solo 50 potranno arrivare a fregiarsi dellaquila turrita, simbolo dei piloti militari italiani.

                                     

2.2. Pilota militare Le visite mediche per lidoneità al volo

Le visite mediche per lidoneità al volo vengono svolte presso dei Centri di Medicina Legale dellAeronautica Militare e constano di due tipologie, denominate rispettivamente "Seconda classe" e "Prima classe". Si diversificano tra loro in base alla richiesta dei requisiti necessari per poter ottenere il certificato di idoneità.

Tutto il personale che effettua il servizio aereo è obbligato a sottoporsi alle visite periodiche e, a seconda delle mansioni da svolgere, effettua le visite per la "Seconda" o la "Prima classe". Il pilota di linea, ad esempio, effettua le visite di "Prima classe", mentre il pilota privato effettua le visite di "Seconda".

Fra le varie visite alle quali si viene sottoposti per ottenere uno dei due certificati vi sono i seguenti esami:

  • colloquio con psicologo
  • visita cardiologica
  • esame delle urine
  • esami del sangue
  • visita audiometrica
  • elettrocardiogramma
  • visita oculistica
  • visita otorinolaringoiatrica