Indietro

ⓘ Sistema operativo




                                               

Sistema operativo real-time

Un sistema operativo real-time o in tempo reale è un sistema operativo specializzato per il supporto di applicazioni su sistemi real-time. Questi sistemi vengono utilizzati tipicamente in ambito industriale o comunque dove sia necessario ottenere una risposta dal sistema entro un tempo prefissato. Un sistema operativo real-time non deve essere necessariamente veloce: non è importante lintervallo di tempo in cui il sistema operativo/applicativo deve reagire; limportante è che risponda entro un tempo massimo pre-determinato. In altre parole il sistema deve essere prevedibile o piuttosto dete ...

                                               

Lista di sistemi operativi

Nel business dellinformatica, tutti i sistemi operativi sono categorizzati principalmente per: tecnologia del supporto hardware, soprattutto in merito al microprocessore e tipicamente distinti per Unix-like o per Windows applicazioni anche questi generalmente tipo Linux, Windows distinti solo per uso desktop DOS, Apple, oppure solo mainframe AIX, solo sistema real-time o embedded QNX, per PDA, per smartphone e tablet, o ancora per dispositivi altri dedicati. per licenze proprietari privati come ad esempio Windows che è di proprietà della Microsofto open source, che non richiede una licenza ...

                                               

Sistemi operativi Apple

System 7 Mountain Lion OS X El Capitan Lion Mac OS 8 Panther OS X Yosemite macOS Sierra macOS Catalina OS X Mavericks Puma Tiger Mac OS X Public Beta Jaguar Snow Leopard macOS Mojave macOS High Sierra Mac OS 9 Leopard

                                               

Unix-like

Unix-like, in informatica, indica un gruppo di sistemi operativi simili ai sistemi Unix, generalmente non certificati e non necessariamente conformi alle specifiche SUS. Alcuni sistemi possono adottare un design simile a System V, altri invece con un design tipicamente BSD, altri ancora possono avere caratteristiche sia delluno sia dellaltro. Lespressione Unix-lik e può comprendere sistemi operativi completamente o in parte open source, software libero, commerciali, proprietari, e persino versioni basate su licenza UNIX.

                                               

Microsoft Windows

Microsoft Windows è una famiglia di ambienti operativi e sistemi operativi prodotta da Microsoft Corporation dal 1985, orientato a personal computer, workstation, server e smartphone. Prende il nome dallinterfaccia di programmazione di unapplicazione a finestre, detta File Explorer.

                                               

MacOS

macOS, precedentemente noto come OS X e come Mac OS X, è il sistema operativo sviluppato da Apple Inc. per i computer Macintosh. È nato nel 2001 per combinare le note caratteristiche dellinterfaccia utente delloriginario Mac OS con larchitettura di un sistema operativo di derivazione UNIX della famiglia BSD. Nonostante il nome utilizzato fino alla versione 10.7.5, Mac OS X è unaltra versione rispetto a Mac OS, questultimo nato nel 1984 con i primi computer Apple; il sistema venne completamente riscritto ed è di fatto un sistema operativo differente, di tipo UNIX certificato IEEE compatibil ...

Sistema operativo
                                     

ⓘ Sistema operativo

Un sistema operativo, in informatica, è un software di sistema, detto anche piattaforma operativa, che gestisce le risorse hardware e software della macchina, fornendo servizi di base ai software applicativi. Tra i sistemi operativi per computer desktop si citano Microsoft Windows, MacOS, le distribuzioni GNU/Linux, sistemi Unix-like, BSD e Chrome OS, mentre per i dispositivi mobili, quali smartphone e tablet, vi sono iOS, Android, Windows Phone, Sailfish OS, Symbian OS.

                                     

1. Cenni storici

La storia dei sistemi operativi descrive levoluzione durante tutto il periodo di sviluppo dei calcolatori elettronici. Essa si sviluppa parallela a fianco della storia del computer e, più in generale, della storia dellinformatica. In un periodo delimitabile tra il 1945 e il 1955 gli elaboratori elettronici erano ammassi di valvole termoioniche, occupavano intere stanze, erano lentissimi e così costosi che potevano permetterseli soltanto grossi centri di calcolo o Università o organizzazioni dotate finanziariamente. A partire dagli anni 1960 con lo sviluppo dei primi mainframe si resero necessari software per lutilizzo che consentissero linterfacciamento degli utenti con tali macchine, levoluzione si accelerò a partire dagli anni 1970, soprattutto con lavvento degli home computer e dei personal computer.

                                     

2. Descrizione

Un sistema operativo è un insieme di software che fornisce allutente una serie di comandi e servizi per usufruire al meglio della potenza di calcolo di un qualsivoglia elaboratore elettronico, spaziando dal più piccolo dei palmari al più potente tra i mainframe. I sistemi operativi nascondono tutti i dettagli tecnici legati allo specifico hardware e architettura rappresentando le informazioni ad un alto livello, meglio comprensibile dalluomo.

Esso garantisce loperatività di base di un calcolatore, coordinando e gestendo le risorse hardware di processamento processore e memorizzazione memoria primaria, le periferiche, le risorse/attività software processi e facendo da interfaccia con lutente, senza il quale quindi non sarebbe possibile lutilizzo del computer stesso e dei programmi/software specifici, come applicazioni o librerie software.

È dunque un componente essenziale del sistema di elaborazione che funge da interfaccia tra lutente e la macchina ed inoltre è una base alla quale si appoggiano gli altri software, che dunque dovranno essere progettati e realizzati in modo da essere riconosciuti e supportati da quel particolare sistema operativo. Assieme al processore, con cui spesso è strettamente legato, costituisce la cosiddetta piattaforma del sistema di elaborazione. In generale. un sistema operativo può essere:

  • multiutente, se più utenti possono accedere alle risorse dellelaboratore che a sua volta può essere
  • seriale, sequenzialmente uno per volta;
  • parallelo, ciascuno parallelamente agli altri;
  • monoutente, se un solo utente per volta può accedere alle risorse dellelaboratore;
  • monotasking, se in grado di eseguire un solo compito o task processo alla volta
  • portabile o meno su differenti architetture hardware di processori.
  • multitasking o multithreading, se in grado di svolgere più compiti o sottocompiti parallelamente attraverso una certa politica di scheduling es. timesharing.
                                     

2.1. Descrizione Funzioni principali

Secondo una definizione più rigorosa, il sistema operativo è un insieme di funzioni e strutture dati responsabile:

  • del controllo e della gestione delle risorse di sistema CPU e Memoria primaria e delle componenti hardware che costituiscono il computer processi di Input/Output da e verso le periferiche collegate al sistema
  • dellesecuzione dei programmi processi che su di esso vengono eseguiti, assegnando ad essi le necessarie risorse per lavanzamento dei processi.

Se il sistema di elaborazione prevede la possibilità di memorizzazione aggiuntiva dei dati su memoria di massa, come accade nei computer general purpose, esso ha anche il compito di:

  • gestire larchiviazione e laccesso ai file. I programmi possono gestire larchiviazione dei dati su memoria di massa ottenendo strutture complesse, come una base di dati, servendosi delle procedure messe a disposizione del sistema operativo. La componente del SO che si occupa di tutto ciò viene chiamata file system.

Infine, se è prevista interazione con lutente, viene solitamente utilizzata allo scopo uninterfaccia software grafica o testuale per accedere alle risorse hardware del sistema. Daltra parte, un sistema operativo può essere utilizzato anche su una macchina che non preveda interazione diretta con un essere umano per un esempio, vedi smart card o determinati sistemi embedded spesso dunque più leggero e semplificato.

Solitamente un sistema operativo installato su computer fornisce anche degli applicativi di base per svolgere elaborazioni di diverso tipo.

Sebbene molte delle funzionalità sopraddette non siano spesso immediatamente visibili/percepibili dallutente, limportanza del sistema operativo di un calcolatore è cruciale: oltre alla necessità di gestione delle funzionalità di base sopraddette, al di là delle prestazioni massime offerte dallhardware dellelaboratore stesso, il sistema operativo determina di fatto efficienza e buona parte delle prestazioni effettive di funzionamento dellintero sistema ad esempio in termini di latenze di processamento, stabilità, interruzioni o crash di sistema.



                                     

3.1. Struttura Kernel

Un kernel è un gruppo di funzioni fondamentali, strettamente interconnesse fra loro e con lhardware, che vengono eseguite con il privilegio massimo disponibile sulla macchina. La modalità kernel designa proprio questo tipo di interazione. Un kernel non è altro che un software che ha il compito di fornire ai moduli che compongono il sistema operativo e ai programmi in esecuzione sul computer le funzioni fondamentali ed un accesso controllato allhardware, sollevandoli dai dettagli della sua gestione. Il kernel fornisce dunque le funzionalità di base per tutte le altre componenti del sistema operativo, che assolvono le loro funzioni servendosi dei servizi che esso offre ed è dunque il motore di un sistema operativo.

A seconda del tipo di sistema operativo il kernel può inglobare altre parti kernel classico, monolitico o modulare o fornire solo funzioni base delegando più funzioni possibile a oggetti/gestori esterni microkernel. Un kernel tradizionale, ovvero monolitico e altri, integra invece dentro di sé la gestione della memoria virtuale, la cpu, lo scheduler e i gestori di file system, nonché i driver necessari per il controllo di tutte le periferiche collegate.

Quali funzioni sia opportuno che il kernel debba fornire e quali possano essere demandate a moduli esterni è oggetto di opinioni divergenti: se il kernel di un sistema operativo implementa soltanto un numero molto ristretto di funzioni, delegando il resto ad altre parti esterne dette server o moduli in comunicazione con il kernel stesso, si parla di microkernel. Il vantaggio di un siffatto sistema operativo è la maggiore semplicità del suo kernel, del suo sviluppo, la possibilità di cambiare facilmente i moduli e una certa tolleranza ai guasti in quanto se un modulo "crolla" crash, solo la funzionalità del modulo sinterrompe, ed il sistema rimane funzionale e gestibile dallamministratore che può ad esempio ripristinare la funzionalità del modulo stesso; lo svantaggio è invece linterazione più complessa e costosa fra kernel le altre componenti del SO stesso, che spesso rallenta il sistema e/lo rende meno stabile.

Questo tipo di kernel è più complesso da progettare, mantenere ed aggiornare, ma è anche più veloce, efficiente e stabile. Una sua evoluzione è costituita dai kernel modulari ", che mantengono al loro interno lo scheduler e i gestori di file system e memoria virtuale ma separano alcune funzioni non essenziali in moduli a sé stanti, da caricare in memoria solo in caso di effettivo uso della funzione o periferica di loro competenza.

Sulla distinzione fra microkernel e kernel monolitico di notevole interesse è il famoso dibattito fra Torvalds e Tanenbaum "LINUX is obsolete" che potete trovare su comp.os.minix al seguente collegamento.

                                     

3.2. Struttura Scheduler

Lo scheduler è il componente fondamentale dei sistemi operativi multitasking, cioè quelli in grado di eseguire più processi contemporaneamente va inteso simbolicamente. In realtà non cè una gestione parallela dei processi ma avviene in sequenza, i tempi sono talmente brevi che allutente sembrerà che i programmi vadano contemporaneamente. Lo scheduler si occupa di fare avanzare un processo interrompendone temporaneamente un altro, realizzando così un cambiamento di contesto context switch. Generalmente computer con un processore sono in grado di eseguire un programma per volta, quindi per poter far convivere più task è necessario usare lo scheduler. Esistono vari algoritmi di scheduling che permettono di scegliere nella maniera più efficiente possibile quale processo far proseguire. I migliori scheduler hanno di complessità O1.

I processi non hanno continuamente bisogno della CPU: a volte, anziché far eseguire istruzioni alla CPU, si mettono in attesa che arrivino dei dati da un file, o che lutente prema un tasto della tastiera. Quindi si può, in linea di principio, usare questi tempi "morti" di attesa per far eseguire un altro programma. Questidea, sorta fin dai primi anni cinquanta, si concretizzò nei sistemi operativi multitasking, cioè dotati di uno scheduler che manda in esecuzione più processi esecuzione di programmi, assegnando a turno la CPU ad ognuno e sospendendo lesecuzione dei processi in attesa di un evento esterno finché questo non si verifica. Dovendo ospitare in memoria centrale più processi nello stesso tempo, i sistemi multitask hanno bisogno di più memoria rispetto a quelli monotask: perciò questo tipo di sistemi operativi è quasi sempre dotato di un gestore di memoria virtuale. Inoltre, con più processi simultaneamente attivi, il controllo delle risorse hardware diventa una reale necessità e non è più possibile farne a meno. Esistono sostanzialmente due modi di implementare il multitasking: cooperative e preemptive multitasking.

Nel primo sono i processi che, spontaneamente, cedono il controllo al sistema non appena hanno terminato la singola operazione in corso; nel secondo è lo scheduler che ferma i processi allo scadere del tempo assegnato e trasferisce il controllo dalluno allaltro:

  • il cooperative multitasking assorbe meno risorse di calcolo e non ha quasi ritardo di commutazione per il cambio di task, e inoltre non richiede nessuna struttura hardware dedicata, il che rende possibile implementarlo su qualunque calcolatore; per contro è molto vulnerabile a errori nei programmi in genere il crash di un processo fa cadere lintero sistema e lisolamento fra processi è molto debole. È il modello usato dai vecchi sistemi.
  • il preemptive multitasking necessita di CPU che implementino in hardware sia dei livelli di privilegio per lesecuzione del codice, sia una logica specifica per il context switch, il cambio di task eseguito dallo scheduler. Poiché linterruzione dei processi è arbitraria, al cambio di task il sistema operativo è costretto a salvare tutti o quasi i registri della CPU e ricaricarli con quelli salvati dal task che subentra, perdendo molto tempo. A fronte di queste maggiori richieste, il preemptive multitasking offre una sicurezza del sistema maggiore e una virtuale immunità ai crash di sistema causati da errori nei programmi. È il modello usato dai moderni sistemi operativi.

Lo scheduler scandisce dunque il tempo di esecuzione dei vari processi e assicura che ciascuno di essi venga eseguito per il tempo richiesto. Normalmente lo scheduler gestisce anche lo stato dei processi e può sospenderne lesecuzione nel caso questi siano in attesa senza fare nulla, assegnando le risorse inutilizzate ad altri processi che le necessitano esempio classico è la richiesta di dati da disco. Nei sistemi operativi realtime lo scheduler si occupa anche di garantire una timeline, cioè un tempo massimo di completamento per ciascun task in esecuzione, ed è notevolmente più complesso.

                                     

3.3. Struttura Gestione input/output e periferiche

La gestione dellinput/output ovvero delle periferiche di sistema è attuata attraverso il meccanismo dellinterrupt da parte delle periferiche stesse che chiamano in causa il sistema operativo il quale opererà un cambiamento di contesto context switch allinterno del ciclo del processore assegnando al processore il compito di input/output richiesto. Unaltra modalità tipica di gestione delle periferiche, alternativa agli interrupt, è il polling.

                                     

3.4. Struttura Gestore di memoria

Il gestore di memoria è la componente del sistema operativo che si occupa di gestire ed assegnare la memoria primaria ai processi che ne fanno richiesta immediatamente prima dellelaborazione. La gestione della memoria è necessaria anche per tenere traccia di quanta memoria è impegnata e di quanta invece è disponibile per soddisfare nuove richieste: in mancanza di un sistema di gestione, si avrebbe prima o poi il caso nefasto di processi che ne sovrascrivono altri, con gli ovvi inconvenienti. Esso è eseguito dal MMU Memory Management Unit che alloca la memoria primaria richiesta dai programmi e dal sistema operativo stesso, salva sulla memoria di massa le zone di memoria temporaneamente non usate dai programmi memoria virtuale e garantisce che le pagine swappate vengano riportate in memoria se richieste.

Un altro buon motivo per registrare la memoria usata dai vari processi è il fatto che, in caso di errori gravi, i processi possono andare in crash e non essere più in grado di comunicare al sistema che la memoria che occupano può essere liberata: in questo caso è compito del gestore di memoria, dopo la terminazione anomala del processo, marcare come libere le zone di memoria possedute dal processo "defunto", rendendole disponibili per nuove allocazioni.

Per poter gestire i programmi, divenuti processi, è necessario che tutti gli indirizzi definiti in essi siano calcolati in forma relativa alla prima istruzione del programma come se il programma dovesse essere caricato a partire dallindirizzo 0 di memoria centrale. Al momento del caricamento, che può essere eseguito in qualsiasi zona libera della memoria, gli indirizzi relativi verranno sommati al primo indirizzo di effettivo caricamento, diventando così assoluti: INDIRIZZO ASSOLUTO = INDIRIZZO RELATIVO + INDIRIZZO DI PARTENZA. Una modalità/meccanismo tipico di gestione/assegnazione della memoria ai programmi/processi da parte del sistema operativo è il paging.

Nel caso il sistema disponga di un meccanismo di memoria virtuale, il gestore della memoria si occupa anche di mappare indirizzare la memoria virtuale offerta ai programmi sulla memoria fisica e sui dischi rigidi del sistema, copiando da memoria a disco rigido e viceversa le parti di memoria necessarie di volta in volta ai programmi, senza che i programmi stessi o gli utenti debbano preoccuparsi di nulla.



                                     

3.5. Struttura Protezione della memoria

La protezione della memoria è un sistema per prevenire la corruzione della memoria di un processo da parte di un altro. Di solito è gestito via hardware ad esempio con una MMU, Memory management unit e dal sistema operativo per allocare spazi di memoria distinti a processi differenti.

                                     

3.6. Struttura File system

Un computer diventa infatti molto più utile ed efficace se dotato di una memoria di massa: per gestirla serve un gestore di file system, cioè un software che in sintesi è composto da un insieme di funzioni che permetta di organizzare e gestire i dati sulla superficie dei mezzi di memorizzazione secondo una struttura ben precisa. I sistemi operativi che risiedevano su disco e capaci di gestire un file system sono detti genericamente Disk Operating System, per lappunto, DOS. Lesemplare più famoso è senzaltro lMS-DOS di Microsoft, oggi sostituito dallinterfaccia grafica Windows, ma che era alla base dei sistemi operativi Windows 95/98/Me. Ne esiste anche una versione libera compatibile con i suoi programmi, il FreeDOS, ed altre versioni come il DR-DOS.

Il file system si occupa dunque di esaudire le richieste di accesso alle memorie di massa. Viene utilizzato ogni volta che si accede a un file sul disco, e oltre a fornire i dati richiesti tiene traccia dei file aperti, dei permessi di accesso ai file. Inoltre si occupa anche e soprattutto dellastrazione logica dei dati memorizzati sul computer directory, ecc.

A seconda dei casi, un particolare sistema operativo può avere tutti questi componenti o solo alcuni. Unulteriore differenza fra i sistemi operativi è data dal tipo di comunicazione fra i vari componenti: i sistemi operativi classici sono basati su chiamate dirette di funzioni, mentre molti sistemi operativi moderni, soprattutto quelli che adottano microkernel, si basano sul message passing, sullo scambio di messaggi fra le loro varie parti e fra il sistema operativo e i programmi che fa girare.

                                     

3.7. Struttura Interfaccia utente

Il secondo passo verso una migliore gestione del computer si ha con lo sviluppo di uninterfaccia utente separata dal kernel, un interprete di comandi che funzioni anche da interfaccia utente ovvero da Shell. Questa shell primitiva di solito funge anche da interprete per un linguaggio di programmazione: a seconda delle scelte dei progettisti del software può essere un vero linguaggio oppure un più semplice linguaggio di scripting con cui creare comandi batch. Era il tipico sistema operativo degli home computer degli anni 80, come il Commodore 64 e il Sinclair ZX Spectrum. Linterfaccia utente permette dunque allutente di interagire con il computer. Esistono sostanzialmente due famiglie di interfacce utente: interfaccia a riga di comando e interfacce grafiche che forniscono, ad esempio, una scrivania o desktop.

                                     

3.8. Struttura Spooler di stampa

Lo spooler di stampa è stato storicamente il primo modulo esterno del sistema operativo ad essere implementato, per risolvere il problema della gestione delle stampe su carta. Infatti, essendo le stampanti elettromeccaniche dei dispositivi molto lenti, i primi programmi per elaboratore dovevano necessariamente sprecare molto tempo di CPU, estremamente prezioso allepoca, per controllare la stampante ed inviarle i dati. Riceve dunque dai programmi i dati da stampare e li stampa in successione, permettendo ai programmi di proseguire senza dover attendere la fine del processo di stampa.

Quindi venne ideato un programma separato, che girava con una priorità molto bassa e che era visto dagli altri programmi come una normale stampante: in realtà invece lo spooler accumulava i dati che un programma doveva stampare in unapposita area di memoria RAM, e poi si faceva carico del processo di stampa vero e proprio lasciando gli altri programmi liberi di continuare la loro esecuzione.

Il meccanismo fondamentale dello spooler di stampa è rimasto sostanzialmente invariato dai suoi albori fino ad oggi: con gli anni e con il progredire della tecnologia le modifiche più rilevanti sono state la capacità di gestire più stampanti selezionabili a piacere, e la capacità di gestire anche stampanti remote, collegate cioè non direttamente al computer su cui gira lo spooler ma ad altri elaboratori connessi via rete.



                                     

4. Installazione e avvio

Tipicamente il sistema operativo, una volta installato sulla macchina, risiede nellhard disk pronto ad essere caricato nella RAM durante la fase di avvio della macchina.

Installazione applicativi

Quando non già direttamente presenti nel sistema originario, lutente o lamministratore può installare applicativi aggiuntivi desiderati ad uso personale o professionale.

                                     

4.1. Installazione e avvio Dual boot / multiboot

Tipicamente più sistemi operativi possono essere installati sulla stessa macchina in modalità dual boot, selezionando poi il sistema desiderato nella fase di avvio del PC attraverso il boot manager. Tutto ciò è possibile solo in virtù delloperazione di partizionamento della memoria secondaria hard disk in più settori logici indipendenti dove ciascuno può ospitare un diverso sistema.

                                     

4.2. Installazione e avvio Avvio

Allaccensione del computer il BIOS, dopo la fase di POST, esegue nella cosiddetta fase di boot, attraverso il boot loader, il caricamento del kernel del sistema operativo dallhard disk alla RAM, come qualunque programma, pronto ad essere eseguito dal processore, rendendo la macchina pronta alluso da parte dellutente. Nel caso di sistemi operativi ad interazione con lutente questa fase, dopo il login iniziale da parte dellutente stesso, tipicamente comporta anche il caricamento di tutte le impostazioni di configurazione settings e profilo utente inizializzando così lo spazio utente.

                                     

4.3. Installazione e avvio Installazione applicativi

Quando non già direttamente presenti nel sistema originario, lutente o lamministratore può installare applicativi aggiuntivi desiderati ad uso personale o professionale.

                                     

5. Amministrazione

Nei computer domestici usualmente lamministratore del sistema operativo è lutente stesso attraverso un opportuno profilo utente dedicato Administrator su sistemi Windows e Root sui sistemi Unix-Linux. Nelle realtà aziendali i computer desktop e i server sono amministrati da team di sistemisti appositi gestendo e ripartendo tra di loro il carico di lavoro quasi sempre attraverso luso della riga di comando del terminale o attraverso il terminale virtuale.

                                     

5.1. Amministrazione Task manager e pannello di controllo

Uno strumento molto utile per lamministrazione è il task manager ovvero un programma, spesso presente di default sui sistemi operativi, utile per monitorare le risorse informatiche quali memoria RAM utilizzata e percentuale di utilizzo della CPU, nonché lelenco di tutti i processi attivi in esecuzione e la possibilità di terminarli singolarmente. Molti sistemi mettono inoltre a disposizione per via grafica il cosiddetto pannello di controllo ovvero uno strumento di interfaccia grafica che consente di effettuare o rimuovere tutte le impostazioni di sistema es. pannello di controllo di Windows.

                                     

5.2. Amministrazione Gestione utenti

La multiutenza fa sorgere una serie di problemi dal punto di vista della sicurezza dei sistemi operativi ovvero come distinguere i vari utenti tra loro, come accertarsi che nessun utente possa causare danni agli altri o alla macchina che sta usando. Questi problemi di sicurezza informatica si risolvono assegnando un account univoco per ciascun utente, assegnando un proprietario ai file ed ai programmi e gestendo un sistema di permessi per laccesso ad essi, e prevedendo una gerarchia di utenti cioè di account per cui il sistema rifiuterà tutti i comandi potenzialmente "pericolosi" e li accetterà soltanto se impartiti da un utente in cima alla gerarchia, che è lamministratore del sistema.

                                     

5.3. Amministrazione Antivirus e firewall

Alcuni sistemi operativi, tra cui i sistemi Microsoft Windows e MacOS, necessitano dellinstallazione di opportuni antivirus o programmi anti-malware per scongiurare attacchi informatici al funzionamento e sicurezza del PC. I sistemi Unix-Linux non hanno bisogno di questo tipo di protezione essendo intrinsecamente più sicuri. Spesso è possibile installare e attivare anche opportuni firewall personali quando non è già presente un qualche tipo di firewall perimetrale nella rete. Questi programmi girano in background e tendono ad essere abbastanza pesanti ovvero tendono ad utilizzare risorse di memoria e processamento spesso non trascurabili.

                                     

5.4. Amministrazione Aggiornamento

Unattività tipica di amministrazione, spesso eseguita in maniera automatica, è quella dellaggiornamento update di sistema attraverso patch scaricate periodicamente dal sito del produttore o da repository opportuni. Si tratta di porzioni di codice che una volta installate rendono più sicuro il sistema patch di sicurezza eliminando vulnerabilità intrinseche o rendendo più affidabile il funzionamento del PC patch di sistema. Su Windows questi aggiornamenti vengono detti service pack. Laggiornamento a una versione superiore di sistema è detto invece upgrade.

                                     

6.1. Sistemi operativi particolari Sistemi operativi per dispositivi mobili

Un sistema operativo per dispositivi mobili in inglese "mobile OS" è un sistema operativo che controlla un dispositivo mobile con lo stesso principio con cui Mac OS, Unix, Linux o Windows controllano un desktop computer oppure un laptop.

Tuttavia affronta problematiche legate alla natura del dispositivo mobile, più critiche rispetto ad un desktop o un laptop; tra le tante: la limitatezza delle risorse memoria, CPU, lassenza di alimentazione esterna, differenti tecnologie per laccesso a Internet, nuovi metodi dimmissione touch screen, minitastiere, ridotte dimensioni del display.

                                     

6.2. Sistemi operativi particolari Sistemi operativi realtime

Un sistema operativo realtime è un particolare tipo di sistema operativo, in grado di garantire una risposta entro un dato tempo limite millisecondi o microsecondi a qualunque evento esterno. Questo requisito porta a una diversa struttura del sistema: per esempio i sistemi realtime usano spesso il polling meno efficiente, ma deterministico invece degli interrupt per gestire le periferiche, e non hanno memoria virtuale.

I sistemi realtime si trovano spesso in ambito industriale, musicale o comunque dove sia necessario ottenere una risposta dal sistema in un tempo massimo prefissato. A loro volta i sistemi realtime si possono dividere in due categorie: hard e soft, a seconda dei tempi di risposta; un PC che faccia girare un gioco in 3D, per esempio, può essere considerato un sistema "soft-realtime".

                                     

6.3. Sistemi operativi particolari Sistema operativo online

Mediante opportuni software, il sistema operativo può avere la funzionalità di desktop remoto, che consente tramite una connessione internet laccesso al proprio elaboratore e a tutti gli applicativi e dati salvati in uno specifico momento. Tramite accesso remoto sono possibili le stesse operazioni che si possono fare stando davanti al proprio elaboratore. Laccesso è protetto da user e password che possono essere al limite condivisi da una comunità di utenti. In questo caso, il desktop remoto è unevoluzione della tradizionale cartella condivisa. La cartella condivisa già permetteva la comunicazione di qualsiasi file, dunque anche di eseguibili, installabili da remoto in locale, oltreché di dati.

                                     

6.4. Sistemi operativi particolari Sistemi distribuiti in rete

Tra le varie ipotesi duso di un sistema operativo cè anche la possibilità di gestione di un sistema distribuito in rete. In tal caso la computazione viene distribuita tra più computer collegati in rete tra loro. In questo modo le risorse e il carico computazionale vengono condivise e bilanciate, ottenendo una maggiore affidabilità e costi più contenuti nella scalabilità. Una configurazione funzionalmente simmetrica permette che tutte le macchine componenti abbiano lo stesso ruolo nel funzionamento del sistema e lo stesso grado di autonomia. Unapprossimazione pratica di questa configurazione è il clustering. Il sistema viene suddiviso in cluster semiautonomi, dove ognuno di essi, a sua volta, è costituito da un insieme di macchine e da un server cluster dedicato.